instagram

Новости Новости Беларусь Любовь и семья Общество Люди и события Красота и здоровье Дети Диета Кулинария Полезные советы Шоу-бизнес Огород Гороскопы Авто Интерьер Домашние животные Технологии Идеи для творчества на каждый день

Assoluti Frecciarossa. Rivolta ai mondiali. Bis di Pilato, Cerasuolo e Mora

Nuoto
images/large/Matteo_Rivolta_of_GS_Fiamme_Oro_DBM_AS29081.JPG

Pass iridato per Matteo Rivolta. Si confermano Benedetta Pilato, Simone Cerasuolo, Lorenzo Mora e Sara Franceschi anche in chiave mondiale. Sorpresa Giordana Artic. Titoli a Silvia Di Pietro e Marco De Tullio.
La terza sessione di finali al Campionato assoluto Frecciarossa in vasca corta, in svolgimento a Riccione, amplia gli orizzonti del nuoto italiano, cominciando dalla fine. Nell'ultima gara in programma Matteo Rivolta (Fiamme Oro / CC Aniene) vince i 100 farfalla in 49"49, un decimo sotto al tempo limite. Il campione del mondo in carica precede Simone Stefanì (Fiamme Oro / Time Limit; 50"43) e Christian Ferraro (Montebelluna Nuoto; al personale con 50"88) con una bracciata sicura che si prende l'intera vasca. "Sono soddisfatto perché ho ufficializzato la mia partecipazione al mondiale di Melbourne - racconta l'atleta milanese che tra cinque giorni compirà 31 anni - Sono riuscito a sistemare quanto bastava tra il trofeo Nico Sapio di Genova e Riccione per nuotare il tempo giusto. Sono soddisfatto del percorso che sto facendo. Penso che sia molto stimolante per Marco (l'allenatore Pedoja, ndr) guidare ragazzi giovani e talentuosi e atleti più maturi come me che hanno meno tempo degli altri per sfruttare le occasioni. Ai mondiali so di non essere tra i favoriti, ma ho voglia di provare a difendere il mio titolo e tutto il resto fino all'ultima stilla di energia. Parto con poca pressione e tanta voglia di divertimento", conclude l'azzurro che giovedì aveva conquistato il titolo anche nei 50 farfalla, di cui è bronzo mondiale, sfiorando il tempo limite per quattro centesimi e che sarà impegnato anche con la staffetta mista campione del mondo in carica.
In precedenza Benedetta Pilato aveva doppiato il successo nei 100 nella distanza breve della rana in 29"71 (Fiamme Oro / CC Aniene). La vice campionessa europea e mondiale scende sotto al limite di 29"79, seppur già qualificata in entrambe le distanze ai mondiali, e si ricomincia a intravedere la supervelocità che ne aveva caratterizzato la carriera pre Olimpiadi di Tokyo. Sotto i 30" anche Martina Carraro (Fiamme Azzurre) che in 29"98 precede Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika), terza in 30"17.
Bis anche di Simone Cerasuolo (Fiamme Oro / Imolanuoto) che, dopo pass iridato e vittorie nei 50 anche al Nico Sapio, s'impone nei 100 rana in 57"04, a cinque centesimi dal tempo limite e con un largo vantaggio su Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto), secondo in 57"83, e sul soprendente campione dei 200 Gabriele Mancini (Marina Militare / CN Torino), terzo in 57"89 detronizzando il personale precedente di 58"49.
Verso la tripletta Lorenzo Mora (Fiamme Rosse / Amici Nuoto Riva), che da vice campione del mondo vince i 50 dorso in 23"25 dopo aver confermato la qualificazione iridata già giovedì nei 100.
Sorpasso nell'ultima vasca e titolo di Sara Franceschi (Fiamme Gialle / Livorno Aquatics) che precede nei 400 misti Anna Pirovano (Fiamme Azzurre / In Sport Rane Rosse) malgrado il primato personale migliorato di mezzo secondo. Gratificata dal pass iridato conquistato giovedì nei 200 misti, la vice campionessa europea s'impone in 4'32"74 con 28 centesimi di vantaggio sulla seconda: entrambe non troppo lontane dal tempo limite di 4'31"09.
La sorpresa porta la firma di Giordana Artic, che s'impone nei 400 stile libero in 4'07"46, migliorando il personale di 43 centesimi. Prima medaglia assoluta della carriera e subito d'oro. La giovane atleta romana, ha 19 anni, è alta 185 cm, studia Scienze Biologiche alla Sapienza ed è allenata da Christian Minotti al CC Aniene. Alle sue spalle le sorelle Cesarano (Time Limit): Antonietta è seconda in 4'07"53 con tre centesimi di vantaggio su Noemi.
Silvia Di Pietro (Carabinieri / CC Aniene) vince il 20esimo titolo nella specialità e si conferma per la quarta volta consecutiva campionessa italiana d'inverno nei 50 farfalla in 25"47 con 42 centesimi di vantaggio sulla compagna di squadra militare e civile Elena Di Liddo. Le azzurre restano però lontane dal tempo limite di 25"19.
Chiuso in otto centesimi il podio dei 200 stile libero con Marco De Tullio (CC Aniene) che precede in 1'44"21 Matteo Ciampi (Esercito / Livorno Aquatics; qualificato ai mondiali nei 400), secondo in 1'44"24, e Stefano Di Cola (Marina Militare / CC Aniene), terzo in 1'44"29. Per il pass iridato gli atleti avrebbero dovuto scendere sotto l' 1'42"6, ma la situazione complessiva, per densità e qualità, trasmette buone sensazioni per il consolidamento della staffetta soprattutto in vista della stagione in vasca lunga.
"A una sessione dalla fine registro la risposta eccellente del movimento malgrado il posizionamento della manifestazione in anticipo rispetto al solito - sottolinea il direttore tecnico Cesare Butini - La programmazione, legata alla chiusura delle iscrizioni per i mondiali di Melbourne definita dalla federazione mondiale, non ha aiutato le società a pianificare gli allenamenti e gli atleti ad arrivare al top della condizione, peraltro dopo una stagione lunga terminata ad agosto inoltrato. Eppure i risultati sono stati davvero importanti. Oltre alle conferme dei nuotatori più esperti, c'è qualche giovane che si sta mettendo in mostra. Quindi sarà importante riuscire a leggere oltre ai convocati per Melbourne perché il movimento è attivo, denso e con margini di ulteriore crescita. In relazione alle staffette, l'intenzione è privilegiare le distanze olimpiche con quartetti che possano ambire a piazzamenti importanti; quindi valuteremo eventuali upgrade anche in considerazione dei programmi individuali e di funzionalità per la squadra".
Si torna in vasca per ultimi titoli e pass alle 16:15 sempre in diretta su Rai Sport + HD.

Podi 3^ sessione

400 misti fem.
1. Sara Franceschi (Fiamme Gialle / Livorno Aquatics) 4'32"74
2. Anna Pirovano (Fiamme Azzurre / In Sport Rane Rosse) 4'33"02 pp
3. Giulia Vetrano (RN Torino) 4'37"44 pp

50 dorso mas.
1. Lorenzo Mora (Fiamme Rosse / Amici Nuoto Riva) 23"25
2. Matteo Milli (Heaven Due) 23"50
3. Michele Busa (Imolanuoto) 23"79

50 farfalla fem.
1. Silvia Di Pietro (Carabinieri / CC Aniene) 25"47
2. Elena Di Liddo (Carabinieri / CC Aniene) 25"89
3. Viola Scotto di Carlo (Napoli Nuoto) 26"09 pp

200 stile libero mas.
1. Marco De Tullio (CC Aniene) 1'44"21
2. Matteo Ciampi (Esercito / Livorno Aquatics) 1'44"24
3. Stefano Di Cola (Marina Militare / CC Aniene) 1'44"29

50 rana fem.
1. Benedetta Pilato (Fiamme Oro / CC Aniene) 29"71
2. Martina Carraro (Fiamme Azzurre) 29"98
3. Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle / Team Insubrika) 30"17

100 rana mas.
1. Simone Cerasuolo (Fiamme Oro / Imolanuoto) 57"04
2. Fabio Scozzoli (Esercito / Imolanuoto) 57"83
3. Gabriele Mancini (Marina Militare / CN Torino) 57"89

400 stile libero fem.
1. Giordana Artic (CC Aniene) 4'07"46 pp
2. Antonietta Cesarano (Time Limit) 4'07"53
3. Noemi Cesarano (Time Limit) 4'07"56

100 farfalla mas.
1. Matteo Rivolta (Fiamme Oro / CC Aniene) 49"49
2. Simone Stefanì (Fiamme Oro / Time Limit) 50"43
3. Christian Ferraro (Montebelluna Nuoto) 50"88 pp

consulta i risultati completi

Foto di Andrea Staccioli / DBM - InsidefotoL'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit