instagram

Новости Новости Беларусь Любовь и семья Общество Люди и события Красота и здоровье Дети Диета Кулинария Полезные советы Шоу-бизнес Огород Гороскопы Авто Интерьер Домашние животные Технологии Идеи для творчества на каждый день

Coppa del Mondo. Ceccon lancia gli azzurri in vasca corta

Nuoto
images/00_foto_2021/foto_2022/small/large/20220817_DMon_DM74309.jpg

Ritorna la Coppa del Mondo in vasca corta e uno dei protagonisti sarà Thomas Ceccon. La Fina ha voluto omaggiare il vicecampione olimpico nonchè campione iridato e recordman mondiale dei 100 dorso con la copertina di presentazione del circuito mondiale che inizierà a Berlino dal 21 al 23 ottobre. I suoi 100 dorso, le Olimpiadi, le staffette e la squadra azzurra sono i temi principali dell’intervista concessa ad Andy Ross, contenuti nella traduzione completa e nel link all’articolo originale. Il ventunenne veneto sarà impegnato dal 21 ottobre al 5 novembre in tutte e tre le tappe del circuito FINA. Seguono le tappe con i convocati.

BERLINO – 21/23 OTTOBRE (GER)

Sono ventuno i convocati azzurri che saranno seguiti dallo staff tecnico composto dai tecnici federali Claudio Rossetto, Marco Pedoja, Cesare Casella, Alberto Burlina, Stefano Franceschi. Batterie alle 8.30, finali alle 19.00. 

(13) convocati
Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leosport), Simone Cerasuolo (Fiamme Oro/Imolanuoto), Marco De Tullio (CC Aniene), Leonardo Deplano (CC Aniene), Stefano Di Cola (Marina Militare/CC Aniene), Manuel Frigo (Fiamme Oro/Team Veneto) Lorenzo Galossi (CC Aniene), Nicolò Martinenghi (CC Aniene), Pierandrea Matteazzi (Esercito/In Sport Rane Rosse), Alessandro Miressi (Fiamme Oro / CN Torino), Federico Poggio (Fiamme Azzurre /Imolanuoto), Alberto Razzetti (Fiamme Gialle/Genova Nuoto My Sport), Matteo Rivolta (Fiamme Oro/CC Aniene) 50 e 100 farfalla

(8) convocate
Lisa Angiolini (Virtus Buonconvento), Martina Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto), Martina Carraro (Fiamme Azzurre), Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto), Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene), Sara Franceschi (Fiamme Gialle/Livorno Aquatics), Silvia Scalia (Fiamme Gialle/CC Aniene), Chiara Tarantino (Fiamme Gialle). 

TORONTO – 28/30 OTTOBRE (CAN), INDIANAPOLIS – 3/5 NOVEMBRE (USA)
Insieme al tecnico federale Alberto Burlina sono convocati Thomas Ceccon (Fiamme Oro/Leopsort) e Federico Burdisso (Esercito/Aurelia Nuoto) per entrambe le date, Nicolò Martinenghi (CC Aniene) solo Indianapolis, mentre aggregato Alberto Razzetti (Genova Nuoto My Sport Fiamme Gialle) solo per Toronto. 

Thomas Ceccon aiuta il nuoto italiano a raggiungere nuove vette di Andy Ross

Il ventunenne Thomas Ceccon è stato protagonista della storia del nuoto italiano nel 2022, grazie anche al suo record mondiale e al titolo mondiale conquistato quest'anno nei 100 dorso.

Negli ultimi sei anni molti sono stati i protagonisti che hanno bussato alla porta del record mondiale dei 100 dorso maschili. Il 51"85 di Ryan Murphy è stato il record mondiale dall'ultimo giorno delle Olimpiadi di Rio 2016, ma molti hanno provato ad abbatterlo, con otto che hanno raggiunto 52"20, tra cui in tre sotto i 52 secondi in questi sei anni.
Il 20 giugno 2022, l'italiano Thomas Ceccon ha finalmente battuto il record mondiale ai 19° campionati del mondo di Budapest con 51"60. La sua reazione – un semplice sorriso apparentemente soddisfatto e appena accennato sul suo volto non rasato - è diventata più famosa della nuotata stessa.
"Il sorriso sul mio volto sottolineava l'autocompiacimento e l'orgoglio. Pensavo che avrei potuto fare ancora meglio", ha dichiarato Ceccon alla FINA in una recente intervista. "Ho pianificato attentamente la mia preparazione per la gara e ho raggiunto un buon livello di concentrazione. Non è stata una sorpresa, perché sapevo che sarebbe stato necessario un duro lavoro".

Si è trattato di uno dei più veloci 100 dorso della storia, con tutti e tre i medagliati che hanno superato i 52 secondi - record mondiale di Ceccon davanti ai due americani Murphy (51"97) e Hunter Armstrong, detentore del record mondiale dei 50 dorso (51"98). Un risultato relativamente sorprendente dopo che i russi Evgeny Rylov e Kliment Kolesnikov, medaglia d'oro e d'argento alle Olimpiadi, non erano presenti per la sospensione da parte della Fina.
Non si può certo considerare una nuotata da urlo per Ceccon, che è stato campione del mondo juniores 2019 nella stessa gara e ha appena mancato il podio alle Olimpiadi di Tokyo 2020 con un quarto posto. Ceccon ha lasciato la sua prima Olimpiade con due medaglie nelle staffette, ma il peso di quella mancata vittoria nei 100 dorso individuali lo ha spinto a raggiungere quello che abbiamo visto nel 2022: non solo un titolo mondiale a Budapest, ma anche un titolo continentale agli Europei di casa a Roma.
"Amo quello che faccio e quando arriva il risultato, il senso di miglioramento mi dà la motivazione per migliorare le mie prestazioni passate; la delusione di Tokyo è stata dura da digerire, ma sono davvero cresciuto come atleta (alle Olimpiadi)", ha detto Ceccon.
"Ho partecipato alla mia prima Olimpiade a Tokyo, avevo 20 anni. Ero molto giovane ma ho fatto ottime gare nelle staffette e nel dorso, e quest'anno, con il record del mondo, mi sono allenato con i miei compagni più grandi e tanto duro lavoro, il nuoto e la palestra. Il risultato (ai campionati del mondo ndr) era solo allenamento".

Ceccon è stato il volto di una nazionale italiana maschile in rapido miglioramento, che ha rappresentato una forza globale in tutte e tre le staffette. Storicamente, gli italiani sono stati più forti nelle gare più lunghe, con nomi come Massimiliano Rosolino e Novella Calligaris che hanno fatto da apripista per la nazione. Negli ultimi anni, però, gli italiani hanno registrato enormi miglioramenti nelle gare di sprint, in particolare il record mondiale di Ceccon di quest'anno e il titolo mondiale di Nicolò Martinenghi nei 100 rana a Budapest.
Insieme, questi due hanno spianato la strada alla prima medaglia d'oro italiana in una staffetta ai Campionati del Mondo, vincendo la staffetta 4x100 mista nell'ultima giornata di Budapest. Sono stati Ceccon, Martinenghi, il bronzo olimpico dei 200 farfalla Federico Burdisso e il campione mondiale dei 100 stile libero in vasca corta Alessandro Miressi a fare la storia della squadra italiana e ad aprire una nuova era per il nuoto nazionale.
In campo femminile, la giovane ranista Benedetta Pilato è diventata campionessa mondiale dei 100m rana nel 2022, mentre Simona Quadarella ha conquistato il bronzo negli 800m stile libero.

Il segreto sta nella capacità italiana di combinare la nostra passione con il duro lavoro", ha detto Ceccon della squadra italiana. "Ci sentiamo sempre parte della squadra anche quando ci alleniamo separati. Abbiamo un forte legame emotivo con i nostri allenatori e quando ci incontriamo dopo la gara è subito evidente. Siamo una squadra perché ci alleniamo pensando alla squadra".
Gli italiani sono da tempo una nazione forte nello sport del nuoto - i campioni olimpici Gregorio Paltrinieri e Federica Pellegrini sono stati i volti della squadra negli ultimi tempi. L'Italia ha buoni nuotatori, ma è stata una sorpresa scoprire che non aveva mai vinto una medaglia d'oro in una staffetta ai Mondiali o alle Olimpiadi, quindi per la staffetta mista maschile fare quello che ha fatto è una cosa enorme.
Il tempo del quartetto a Budapest è stato di 3'27"51, che ha eguagliato il record europeo che i britannici avevano stabilito un anno prima alle Olimpiadi, vincendo l'argento dietro agli americani che avevano stabilito il record mondiale. Ognuno di loro vive e si allena in luoghi diversi, ma quando era più importante si sono uniti come una squadra. E la medaglia d'oro a Budapest non ha fatto altro che rafforzarli come gruppo.

"Le staffette sono molto divertenti e rappresentano una grande sfida per me", ha detto Ceccon. "È una questione di squadra e la nostra squadra ha un legame molto forte. Abbiamo creato un legame indissolubile grazie alle emozioni che abbiamo condiviso insieme. Ci sentiamo davvero parte della squadra quando ci alleniamo separatamente e ogni volta che ci incontriamo per la gara, o che arriva l'allenamento, l'intesa è immediata grazie a questo legame".
Quasi due mesi dopo, Ceccon si è riunito a Martinenghi e Miressi, con Matteo Rivolta al posto di Burdisso nella farfalla, per vincere il titolo europeo della 4x100 misti in 3'28"46 con quattro secondi di vantaggio sulla squadra francese, vincitrice della medaglia d'argento, e per dare al pubblico italiano di Roma molto da festeggiare.
Questo gruppetto formato da Ceccon (21 anni), Martinenghi (23 anni), Burdisso (21 anni) e Miressi (24 anni), è in una buona posizione per sfidare Stati Uniti e Gran Bretagna ai Campionati Mondiali del prossimo anno in Giappone e alle Olimpiadi del 2024 in Francia, dove si preannuncia un'entusiasmante sfida tra i tre.
Gli americani erano privi del detentore del record mondiale di farfalla Caeleb Dressel a Budapest, mentre i britannici erano privi del detentore del record mondiale di rana Adam Peaty e dell'affermato liberista Duncan Scott. Dovrebbero quindi rafforzare le loro squadre per poter rivendicare il trono degli italiani come migliori al mondo in quella staffetta. Gli Stati Uniti hanno vinto ai Giochi di Tokyo 2020, mentre i britannici hanno vinto ai Campionati mondiali del 2019.
Un compito che non sfugge a Ceccon. "Stati Uniti e Gran Bretagna sono squadre molto forti. Quest'anno la nostra staffetta ha battuto tutti, ma credo che ai prossimi Mondiali ci sarà una forte concorrenza. Sono molto legato ai miei compagni, voglio loro molto bene. Martinenghi l'ho conosciuto allenandomi insieme dal 2017, mentre Federico e Alessandro li conosco dal 2019. È una squadra forte e sono felice di gareggiare con tutti loro".

"Le staffette le vedremo l'anno prossimo e a Parigi. Io cerco di fare del mio meglio e so che per i miei compagni è lo stesso".
Prima di affrontare i Campionati di Fukuoka del prossimo anno, l'attenzione di Ceccon si sposta sulla Coppa del Mondo di nuoto FINA di questa settimana, dove gareggerà nelle tre tappe di Berlino, Toronto e Indianapolis. Dopo una breve pausa di due settimane dopo i Campionati Europei di agosto, Ceccon farà il suo debutto stagionale in vasca corta, dove spera di ottenere tempi veloci.
"Personalmente, trovo il percorso breve molto divertente e impegnativo", ha dichiarato Ceccon. "Il percorso lungo, invece, è quello più serio visto che è quello dei Campionati mondiali e delle Olimpiadi.
"I miei (100) dorso in vasca corta non sono molto buoni - ho 50"2. Penso che potremo sicuramente scendere sotto i 50"".
Ceccon avrà un grande carico di eventi durante le tre tappe di Coppa del Mondo, dato che la sua abilità nello sprint e nel dorso, oltre che nello stile libero, lo porterà a gareggiare anche nei 100 e 200m. Per lui è importante gareggiare e allenarsi per molti eventi diversi, piuttosto che concentrarsi solo su alcuni di questi.
Si allena a Verona con l'allenatore Alberto Burlina, dove Ceccon "ama non avere nessuno in allenamento". Nelle prossime tre settimane vedrà alcuni dei migliori nuotatori del mondo e, in uno sport come il nuoto che si misura interamente su chi tocca per primo e per secondo, l'opportunità di gareggiare così spesso è la cosa più eccitante per Ceccon di questo viaggio imminente.

"Mi piace sempre fare molti incontri e gare in preparazione dopo i Campionati del Mondo per potermi misurare con i migliori nuotatori del mondo: è molto importante per me", ha detto Ceccon. "È un invito ad allenarmi ancora più duramente e un modo per vedere a che punto sono con la mia preparazione".
Alla fine dell'anno, Ceccon concluderà il suo intenso 2022 con i Campionati Mondiali di nuoto in vasca corta a Melbourne, in Australia. L'anno scorso ha gareggiato ad Abu Dhabi dove ha vinto quattro medaglie, tra cui un bronzo individuale nei 100 e tre medaglie in staffetta.
Anche se molti si aspettano che possa inseguire il record del mondo nei 100 dorso, che attualmente è di 48"33 dello statunitense Coleman Stewart, Ceccon non è del tutto concentrato sui risultati alla Coppa del Mondo di nuoto FINA. La preparazione e l'esecuzione sono spesso penalizzanti in queste situazioni, in cui i nuotatori sono più concentrati per vedere a che punto sono in allenamento piuttosto che sulle loro prestazioni completamente ottimizzate.
Sicuramente i record mondiali sono possibili e alla portata, ma non sono l'obiettivo principale. E Ceccon gareggerà molto, idealmente ogni singolo giorno durante le tre tappe, per migliorarsi in quante più aree possibili. La vasca corta, secondo le sue stesse parole, è una sfida divertente e se i suoi risultati alla Coppa del Mondo di nuoto FINA saranno simili a quelli ottenuti quest'estate, anche il pubblico si troverà di fronte a momenti emozionanti.

Foto di Andrea Staccioli / DBM
L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit.