Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Assoluti UnipolSai. Franceschi vola a Tokyo, Panziera record

Nuoto
images/large/AD5_9314.jpg

Primo pomeriggio di finali, titoli italiani, pass olimpici ed europei agli Assoluti UnipolSai di Riccione. La copertina spetta a Sara Franceschi che prenota il volo per Tokyo nei 400 misti; e a Margherita Panziera che ritocca il suo record italiano nei 200 dorso.
FRANCESCHI A TOKYO. Il proscenio è di una strepitosa e totalmente ritrovata ai grandi livelli Sara Franceschi. La 21enne livornese - tesserata per Fiamme Gialle e Livorno Acquatics, allenata dal papà e tecnico federale Stefano - vola nei 400 misti in 4'37''06 (2'14''95 a metà gara) sotto il limite richiesto per le olimpiadi di Tokyo (4'37''0), abbassando di quasi tre secondi il primato personale il 4'40''03 stampato agli Assoluti di Riccione nell'ormai lontano 2016; alle sue spalle la vice campionessa europea in carica Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto) in 4'40''58 e Carlotta Toni (Esercito/RN Florentia) in 4'44''04. “Che gioia! Non me lo aspettavo neanche io. L’idea era quella di vincere e qualificarmi agli europei, poi è arrivato addirittura il pass olimpico - sottolinea Franceschi che sale dal sesto al quarto posto tra le performer italiane - Sono stata molto fortunata di essermi potuta allenare anche in questo periodo particolare e ringrazio tecnici, società e federazione. Sarà la mia seconda olimpiade, nella prima ero molto piccola, quindi questa avrà un sapore ed una importanza particolare”.
PANZIERA SHOW E RECORD. Neanche il tempo di respirare che nei 200 dorso Margherita Panziera tira fuori il colpo della fuoriclasse. La 25enne di Montebelluna - tesserata per Fiamme Oro e CC Aniene - nuota in 2'05''56 (1'01''88 ai 100) record italiano che ritocca il 2'05''72 da lei griffato a Riccione nel 2019, quando demolì il 2'06''18 siglato a Glasgow 2018 per l'oro europeo: un crono sensazionale che vale la seconda prestazione continentale di sempre, sesta mondiale. A farle compagnia sul podio due giovanissime di belle speranze: la pugliese Erika Francesca Gaetani (Gestisport) in 2'11''80 e la romana Martina Cenci (Fiamme Oro) terza in 2'12''20. “E’ stato un record totalmente inaspettato. Diciamo che sono arrivata un po’più carica rispetto ai miei compagni perché avevo già la qualificazione olimpica - spiega Panziera, preparata da Gianluca Belfiore - In acqua mi sentivo bene ma non pensavamo così bene; lo prendiamo come un buon punto di partenza per questa stagione. Mi sento pronta per i tutti i prossimi grandi eventi nazionali ed internazionali. Covid a parte, sono abbastanza serena quest’anno: ritengo di poter fare molto bene".
400 STILE LIBERO D'APPLAUSI. Finale d'altissimo livello quella al maschile. In tre nuotano sotto il tempo limite per gli Europei di Budapest (3'48''8). Vince il primatista italiano (3'43''23) Gabriele Detti che tocca in 3'44''65. Alle spalle del 27enne livornese - tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse, seguito al Centro Federale di Ostia dal tecnico federale, nonchè zio, Stefano Morini - l'altro azzurro "olimpico" e compagno di allenamenti Marco De Tullio (Fiamme Oro/Sport Project) che lima il primato personale e tocca in 3'44'74 (precedente 3'44''86) e Matteo Ciampi (Esercito/Livorno Acquatics) che sale sul gradino più basso del podio in 3'47''61. “Le sensazioni stamattina non erano buone e oggi pomeriggio in acqua nel riscaldamento nulla di eclatante. E’ sempre divertente gareggiare con Marco De Tullio, molto più giovane, che rappresenta per me un grandissimo stimolo a non abbassare l’attenzione. In allenamento e in gara ci divertiamo - spiega Gabriele, bronzo olimpico, due volte iridato e campione europeo, nonchè oro mondiale negli 800 stile libero a Budapest 2017 -. E’ una fortuna quando è così. Lunedi ho fatto il vaccino, poi ho un avuto pochino di febbre ma adesso va bene. Speravo di arrivare a queste gare un po’ più rilassato. La preparazione, però, è molto buona. Speriamo di chiudere la pratica qualificazione negli 800 così possiamo metterci a lavorare con maggiore tranquillità. Mi mancava la gara. Allenarsi è importante ma se ti manca la gara perdi le sensazioni in acqua. E’ una questione di testa. Adesso ci aspetta un bel tour de force e finalmente possiamo rimettere la testa sott'acqua, come piace a noi”. Gli fa eco l'ormai amico De Tullio: “Battere Gabriele Detti non è facile. Ci sfidiamo anche in allenamento. Sono contento di essermi tolto il pensiero della qualificazione. Sono contento della gara. Tra mattina e pomeriggio sono state due prestazioni differenti. Ho anche nuotato il mio migliore".
Spettacolo anche tra le femmine con Simona Quadarella che batte un'ottima Martina Rita Caramignoli. La regina del mezzofondo europeo – tesserata per CC Aniene, allenata da Christian Minotti, ai Mondiali di Gwangju oro nei 1500 e argento negli 800 stile libero, campionessa continentale nei 400, 800 e 1500 stile libero a Glasgow 2018 - tocca in 4'06''49 per la quarta prestazione personale di sempre, contro il 4'08''39 della 30enne di Rieti - tesserata per Fiamme Oro ed Aurelia e seguita da Germano Proietti - che comunque toglie trenta centesimi al personale (prec. 4'08''69). Terza è la veneta Giulia Salin (Fiamme Oro/Nuoto Venezia) in 4'11''04.  “Siamo stati tanto lontane dalle gare che ritrovarci qui è fantastico. Questa è la cosa più importante. Il tempo dei 400 stile non è male, è il migliore che ho nuotato dall’anno scorso ma speravo un po’ meglio - sottolinea la 22enne di Roma - In questo periodo è ciò che riesco a fare. Quello che mi fa più piacere e aver ritrovato la tigna che avevo perso.  L’anno scorso praticamente c’è stato soltanto il Sette Colli. Dopo Livigno ci siamo ripresi subito, siamo tornati a pedalare, come dice il mio allenatore Christian Minotti, e ci siamo ripresi”.
SORPRESE NEI 50 STILE LIBERO. Il pomeriggio si è aperto a tutta velocità con i 50 stile libero. Il colpo d'autore porta la firma di Lorenzo Zazzeri e non poteva essere altrimenti per "ZazzArt". Il 24enne toscano - tesserato per Esercito e RN Florentia, allenato da Paolo Palchetti ed argento continentale con la 4x100 stile libero a Glasgow 2018 - si prende il titolo in 21''89 primato personale che lima il 21''94 siglato in batteria e che a sua volta aveva cancellato il 22''07 dell'agosto 2017, proiettandolo al quinto posto tra i performer italiani; alle sue spalle il ligure Leonardo Deplano (CC Aniene) in 22'11, quattro centesimi in meno rispetto del bresciano Alessandro Bori (Fiamme Gialle/In Sport Rane Rosse) terzo in 22''15. “Sono molto contento anche per come mi sento in acqua, leggero. Questo 50 mi lascia molto soddisfatto - spiega "Zazzart", che nel tempo libero si trasforma in eccellente ritrattista, oltre ad essere laureando in Scienze Motorie - Non sono un cinquantista puro, negli anni mi sono concentrato soprattutto sui cento. Quindi questo risultato mi lascia ben sperare per la doppia distanza”. Nella prova femminile si impone un talento cristallino dell'Italnuoto: Costanza Cocconcelli. La 19enne di Bologna - tesserata per NC Azzurra 91, preparata dal tecnico federale Fabrizio Bastelli, agli eurojrs di Kazan 2019 oro nei 50 stile libero, argento con la 4x100 mista e bronzo nei 50 dorso - tocca con il personale in 25''04 (prec. 25''15 al mattino), balzando dal settimo al quarto posto tra le performer italiane e precedendo di tre centesimi la vincitrice di tutto Federica Pellegrini (CC Aniene) seconda in 25''07, tempo che vale comunque alla 33enne di Spinea il pass per gli Europei di Budapest (tempo limite 25''0); completano il podio la primatista italiana (24''84) Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene) e Chiara Tarantino (Gestisport) terze ex aequo in 25''19, con la salentina che abbassa di ventotto centesimi il limite personale (25''49). "“Ho nuotato due volte il mio personale e conquistato il primo oro e titolo italiano agli assoluti - afferma la giovane emiliana - Non posso che essere super soddisfatta”.
LE ALTRE FINALI. Nei 400 misti tra i maschi vince Pier Andrea Matteazzi - tesserato per Esercito ed In Sport Rane Rosse, allenato da Federico Benda - in 4'15''80 che vale la terza prestazione personale di sempre; con lui sul podio Pietro Paolo Sarpe (CC Aniene) in 4'19''42 e l'evergreen Federico Turrini (Esercito/Livorno Acquatics) in 4'21''06. "Ottenere il pass per Budapest era l’obiettivo principale - dichiara il 24enne di Vicenza - Il tempo non mi soddisfa, pensavo di nuoitare un po’ meno perché è nelle mie possibilità. Per adesso mi prendo la qualificazione a quello che sarà il mio primo europeo. Sarà una spinta maggiore per proseguire a lavorare e migliorarmi”.
Nei 200 rana, infine, è l'esperienza di Edoardo Giorgetti a fare la differenza. Il 31enne di Roma - tesserato per Fiamme Oro e CC Aniene - è il più veloce in 2'10''93; alle sue spalle finiscono il padrone di casa Andrea Castello (Imolanuoto) secondo con il personale in 2'11''16 (prec. 2'11''75) e il piemontese Alessandro Fusco (Fiamme Oro/CC Aniene) in 2'12''56. “E’ stato bellissimo vincere oggi perché purtroppo la preparazione non è andata come speravo e non soltanto per la pandemia da Covid-19 ma anche per uno strappo muscolare all’adduttore - spiega Giorgetti, allenato da Minotti - Grazie ai medici che mi hanno rimesso in sesto consentendomi di gareggiare. E’ stato difficile non mollare. Nella mia situazione ci sono molti altri atleti fortissimi e faccio un in bocca al lupo a tutti loro”.

foto DBM (In caso di riproduzione è necessario citare autore e fonte. Vietati ridistribuzione e vendita)

Campionati Europei Budapest. Acquisiscono la qualificazione per la manifestazione continentale in vasca lunga i campioni italiani in una delle gare individuali del programma e gli autori dei crono pari o inferiori a quelli della "tabella tempi-limite" fino a un massimo di quattro nelle gare olimpiche e di tre in quelle non olimpiche.

Gare in diretta. Seppur a porte chiuse, sarà possibile assistere alla manifestazione da lontano. Le batterie saranno trasmesse in streaming sul sito federale, le finali in diretta da Rai Sport + HD.

Assoluti primaverili
I podi della 1^ giornata - mercoledì 31 marzo

50 stile libero mas
tempo limite olimpico 21''7
tempo limite europeo 22''0
1. Lorenzo Zazzeri (Esercito/RN Florentia) 21''89 pp (precedente 21''94 in batteria)
2. Leonardo Deplano (CC Aniene) 22''11
3. Alessandro Bori (Fiamme Gialle/In Sport Rane Rosse) 22''15

50 stile libero fem
tempo limite olimpico 24''6
tempo limite europeo 25''0
1. Costanza Cocconcelli (Fiamme Gialle/NC Azzurra 91) 25''04 pp (precedente 25''15 in batteria)
2. Federica Pellegrini (CC Aniene) 25''07
3. Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene) 25''19
3. Chiara Tarantino (Gestisport) 25''19 pp (precedente 25''47 del 19/12/2020 a Riccione)

400 misti mas
tempo limite olimpico 4'13''0
tempo limite europeo 4'15''0
1. Pier Andrea Matteazzi (Esercito/In Sport Rane Rosse) 4'15''80
2. Pietro Paolo Sarpe (CC Aniene) 4'19''42
3. Federico Turrini (Esercito/Livorno Acquatics) 4'21''06

400 misti fem
tempo limite olimpico 4'37''0
tempo limite europeo 4'39''0
1. Sara Franceschi (Fiamme Gialle/Livorno Acquatics) 4'37''06 pp (precedente 4'40''03 del 21/04/2016 a Riccione)
2. Ilaria Cusinato (Fiamme Oro/Team Veneto) 4'40''58
3. Carlotta Toni (Esercito/RN Florentia) 4'44''04

200 rana mas
tempo limite olimpico 2'08''5
tempo limite europeo 2'10''5
1. Edoardo Giorgetti (Fiamme Oro/CC Aniene) 2'10''93
2. Andrea Castello (Imolanuoto) 2'11''16 pp (precedente 2'11''75 del 13/08/2020 a Roma)
3. Alessandro Fusco (Fiamme Gialle/CC Aniene) 2'12''56

200 dorso fem
tempo limite olimpico 2'08''50
tempo limite europeo 2'10''4
1. Margherita Panziera (Fiamme Oro/CC Aniene) 2'05''56 RI (precedente 2'05''72 di Margherita Panziera del 06/04/2019 a Riccione)
2. Erika Francesca Gaetani (Gestisport) 2'11''80
3. Martina Cenci (Fiamme Oro) 2'12''20

400 stile libero mas
tempo limite olimpico 3'46''0
tempo limite europeo 3'48''8
1. Gabriele Detti (Esercito/In Sport Rane Rosse) 3'44''65
2. Marco De Tullio (Fiamme Oro/Sport Project) 3'44''74 pp (precedente 3'44''86 del 21/07/2019 a Gwangju)
3. Matteo Ciampi (Esercito/Livorno Acquatics) 3'47''61

400 stile libero fem
tempo limite olimpico 4'06''2
tempo limite europeo 4'08''2
1. Simona Quadarella (CC Aniene) 4'06''49
2. Martina Rita Caramignoli (Fiamme Oro/Aurelia Nuoto) 4'08''39 pp (precedente 4'08''69 del 15/02/2020 a Serravalle)
3. Giulia Salin (Fiamme Oro/Nuoto Venezia) 4'11''04

Vai ai risultati ufficiali