Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Giovane Italnuoto. Bolognani riparte dalla Puglia

Nuoto
images/large/Bolognanipuglia200030303800x450.jpg

Dopo un lungo stop e tante conversazioni via Zoom Walter Bolognani ritrova un po' per volta "tasselli" della giovane Italnuoto. Il responsabile delle squadre nazionali giovanili dal 12 al 14 ottobre è stato in Puglia, terra di grandi talenti soprattutto in questi ultimi anni - su tutti la vicecampionessa iridata dei 50 rana Benedetta Pilato ed Erika Gaetani - per fare il punto della situazione a Casarano con il gruppo della società Gestisport cui appartengono alcuni azzurrini e osservare il promettente tarantino Luca Serio; successivamente Bolognani si è trasferito a Lecce dove ha incontrato la velocista salentina Chiara Tarantino che ha partecipato nel 2019 ai Mondiali e agli Europei di categoria.
"Sono felice di potermi rimuovere dopo tanto tempo. La scorsa settimana ho visto a Roma Federico Burdisso e Lorenzo Galossi che ho trovato molto carichi e mi sono soffermato con il loro allenatore Simone Palombi - spiega il responsabile delle squadre nazionali giovanili - Ho in programma, sperando che l'emergenza sanitaria lo premetta, altri due monitarggi nel mese di ottobre in Lombardia e in Veneto. Si tratta, a tutti gli effetti, della ripresa del mio scouting in giro per l'Italia ed è il sistema migliore per evitare rischi agli atleti: in questo periodo ho preferito non organizzare collegiali. Tutti i ragazzi hanno voglia di gareggiare, seppur con la consapevolezza che il momento è serio; tutti stanno dimostrando grande maturità, e ciò non può che farmi piacere, mettendo in pratica tutte le accortezze previste dal protocollo. Mi auguro che in primavera, con il ritorno dei Criteria, che avranno numeri più contenuti rispetto al passato e che fungeranno da chiusura della stagione in vasca corta, si possa tornare alla normalità e di conseguenza riprendere anche l'attività internazionale, fin qui azzerata dal Coronavirus".