Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Universiadi. Cusinato di bronzo nei 400 misti

Nuoto
images/large/cusinato_5_7_19_2.JPG

La seconda sessione pomeridiana della 30esima edizione delle Universiadi - alla piscina Felice Scandone di Napoli - si apre con l'ufficializzazione della classifica dei 400 misti dopo circa 23 ore dalla sua conclusione. Dunque con la medaglia di bronzo per la portabandiera Ilaria Cusinato che sarà premiata sabato pomeriggio. Bocciato sia dal giudice arbitro sia dalla corte di appello della FISU il ricorso della britannica Abbie Wood che imputava un errore tecnico dello starter: non è partita dal blocco 5 perché non avrebbe sentito lo start e successivamente avrebbe udito un richiamo per falsa partenza. Oro alla statunitense Makayla Sargent in 4'37"95 sulla connazionale Genevieve Pfeifer, che ha preceduto di due centesimi (4'40"16 contro 4'40"18) la 19enne di Cittadella, tesserata per Fiamme Oro e Team Veneto ed allenata da Alessandro Chinellato a Tezze sul Brenta dopo un lungo periodo al centro federale di Ostia con il tecnico Stefano Morini durante il quale ha conquistato il bronzo nei 200 misti agli europei in vasca corta di Copenhagen nel 2017 e il doppio argento nei 200 e 400 misti agli europei di Glasgow la scorsa estate.
Ilaria Cusinato - primatista italiana dei 200 misti in 2'10"25 e detentrice della migliore prestazione in tessuto nei 400 misti col tempo di 4'34"65, a 31 centesimi dal record italiano stabilito da Alessia Filippi col costume in poliuretano alle Olimpiadi di Pechino 2008 - nuoterà anche i 200 misti e 200 farfalla, programma che poi riproporrà ai campionati mondiali che prenderanno il via a Gwangju, in Corea del Sud, il 21 luglio proprio coi 200 misti. 
Passando alle gare nuotate nel pomeriggio, non va oltre il quinto posto Lorenzo Gargani (CUS Udine) nella finale dei 50 farfalla in 23"76, a 29 centesimi dal podio completato dal bielorusso Grigori Pekarski. L'azzurro - qualificato col terzo tempo - scende comunque sotto al personale di partenza (23"93) che aveva già migliorato in semifinale nuotando 23"63. Vince l'australiano William Yang in 23"32, tre centesimi in meno del giapponese Yuya Tanaka.
Molto buone le prestazioni degli azzurri nelle semifinali dei 200 stile libero. Entrambi nella prima, il 20enne Stefano Di Cola, di San Benedetto del Tronto e tesserato per Marina Militare e CC Aniene, chiude dalla corsia 8 col secondo tempo in 1'48"31 dopo aver rischiato l'eliminazione nelle batterie (16esimo in 1'50"29); il 22enne Matteo Ciampi, di Latina e tesserato per Esercito e Nuoto Livorno, nuota 34 centesimi in più, in 1'48"65. Si qualificano alla finale rispettivamente col quarto e quinto tempo. Già in tre sotto l'1'48: i russi Nikolay Snegirev in 1'47"42 e Aleksandr Fedorov in 1'47"97 e lo statunitense Zachary Apple in 1'47"76. Ciampi giovedì ha conquistato la prima medaglia internazionale individuale della carriera piazzandosi alle spalle del giapponese Keisuke Yoshida nei 400 stile libero in 3'50"04 (passaggi in 55"99, 1'55"52, 2'54"11).
Strappa la qualificazione alla finale anche Francesca Fangio (In Sport Rane Rosse) che registra l'ottavo e ultimo tempo utile portando il personale dei 100 rana fino all' 1'08"17 (prec. 1'08"52). 
Purtroppo viene squalificato per virata irregolare dorso-rana Alberto Razzetti (Fiamme Gialle / Genova Nuoto My Sport) che aveva chiuso le semifinali dei 200 misti col terzo tempo in 2'00"18, non lontano dal personale di 1'59"72 e secondo tempo stagionale (2'00"11).

foto deepbluemedia.eu

Risultati degli azzurri

400 misti F - finale nuotata il 4 luglio
1. Makayla Sargent (Usa) 4'37"95
2. Genevieve Pfeifer (Usa) 4'40"16
3. Ilaria Cusinato 4'40"18

50 farfalla M - finale
1. William Yang (Aus) 23"32
2. Yuya Tanaka (Jpn) 23"35
3. Grigori Pekarski (Blr) 23"47
5. Lorenzo Gargani (CUS Udine) 23"76 

100 sl F - semifinali
1. Gabrielle De Loof (Usa) 54"41
6. Paola Biagioli 55"89 qualificata alla finale
14. Giulia Verona 56"51

100 dorso M - finale
1. Grigory Tarasevich (Rus) 53"51

50 farfalla F - finale
1. Tayla Lovemore (RSA) 26"25

100 rana M - finale
1. Ian Finnerty (Usa) 59"49 UR

100 rana F - semifinali
1. Tatjana Rens Schoenmaker (RSA) 1'06"32
8. Francesca Fangio 1'08"17 pp (prec. 1'08"52) qualifica alla finale
16. Natalia Foffi 1'09"51

200 misti M - semifinali
1. Joe Richard Litchfield (Gbr) 1'59"85
Alberto Razzetti squalificato (sarebbe stato terzo in 2'00"18)

200 dorso F - finale
1. Lisa Bratton (Usa) 2'7"91 UR

200 sl M - semifinali
1. Nikolay Snegirev (Rus) 1'47"42
5. Stefano Di Cola 1'48"31 qualificato alla finale
6. Matteo Ciampi 1'48"65 qualificato alla finale

consulta i risultati ufficiali