Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. L'analisi del 14'34"04 di Paltrinieri

Nuoto
images/joomlart/article/82ba9811716d84e1b6f6c90195f416b3.jpg

Ad integrazione di quanto pubblicato dagli operatori della comunicazione nei giorni scorsi, abbiamo il piacere di rendere disponibili gli studi di Ivo Ferretti, videoanalista dello staff tecnico della nazionale di nuoto, relativi ai 1500 stile libero vinti da Gregorio Paltrinieri col record europeo di 14'34"04: secondo tempo mai nuotato al mondo, avanti al 14'34"56 del fenomeno Grant Hackett e più basso del precedente limite continentale stabilito dal 21enne nuotatore di Fiamme Oro e Copernuoto il 9 agosto scorso per l'oro mondiale a Kazan in 14'39"57. 
Paltrinieri - allenato dal centro federale di Ostia dal tecnico federale Stefano Morini - ha segnato parziali sotto al record europeo dai 600 metri: -0"11, 800 -0"61, 1000 -1"57, 1200 -3"13, 1400 -4"89, chiusura in 56''69 per -5"63. La media tenuta dal carpigiano è stata di poco più di 58" per ogni 100 metri con una velocità reale di un minuto ogni 100 metri considerate le virate che vengono effettuate a circa 2 metri al secondo. Ne consegue il netto miglioramento dei parametri di ampiezza e frequenza media.


A grafici di frequenze per cicli/min, ampiezze, velocità di nuoto reale m/s, velocità virate -5m +5m

B parametri analitici per cicli/min, ampiezze, velocità di nuoto reale m/s, velocità virate -5m +5m


foto di deepbluemedia.eu