Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Settecolli Clear. Lo show dei record

Nuoto
images/joomlart/article/7a18b57e96da654cb1b5873a4a204115.jpg

Il primato mondiale juniores dei 50 rana di Nicolò Martinenghi (NC Brebbia) e la seconda prestazione italiana all time in tessuto dei 100 stile libero di Federica Pellegrini (CC Aniene) spiccano nelle batterie della seconda giornata del 53° trofeo Settecolli Clear – Internazionali di nuoto a Roma.
Start con i 100 farfalla femminili e i 200 farfalla maschili. Dopo cinque batterie la trentenne olandese Inge Dekker, campionessa del mondo dei 50 a Shanghai 2011, ha il primo tempo dei 100 con 58”61, tre centesimi meglio della canadese Penny Oleksiak, di 15 anni più giovane, che chiude in 58”64. Quinto e sesto tempo per le azzurre Elena Di Liddo (CC Aniene) con 59”36 e Ilaria Bianchi (Fiamme Azzurre/Azzurra 91) con 59”58. I 200 si decidono alla terza e ultima batteria e Laszlo Cseh è il migliore; il fuoriclasse ungherese, che quando non nuota ama pescare e scattare fotografie, dalla corsia quattro ferma il tempo dopo 1’58”10; in corsia tre Federico Bussolin (Fiamme Azzurre/RN Florentia) gli è subito dietro con 1’58”48 e due centesimi davanti al venezuelano Marcos Lavado che nuota nella corsia sei (1’58”50).
Nei 100 dorso i tempi migliori sono 59”59 della canadese Kylie Masse, che ieri ha vinto i 50 con 27”82 e 54”63 di Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi), che ieri ha vinto l’argento dei 50 con 25”14.
I 400 misti donne sono targati Italia: Carlotta Toni (Esercito/RN Florentia) con 4’48”02, Luisa Trombetti (Fiamme Oro Roma/RN Torino) con 4’48”55 e Sara Franceschi (Nuoto Livorno) con 4’49”40 hanno i tre tempi migliori della mattina. I 400 misti uomini vedono davanti gli ungheresi David Verraszto e Benjamin Gratz con 4’13”58” e 4’19”60, seguiti dagli azzurri Federico Turrini (Esercito/Nuoto Livorno) e Lorenzo Tarocchi (SMGM Team Nuoto Lombardia) con 4’22”34 e 4’22”40.
Arrivano i 100 stile libero e arriva Federica Pellegrini (CC Aniene). Nuota in corsia cinque nella settima heat. I fans seguono tutti i suoi movimenti. In corsia quattro c’è la campionessa olimpica di Londra 2012 Ranomi Kromowidjojo. L’olandese ha il primo tempo con 53”41, la canadese Penny Oleksiak il secondo di 53”50 e la portabandiera olimpica di Rio il terzo di 53”99, che è anche il terzo miglior tempo di sempre e secondo con il costume in tessuto, dopo i suoi 53”55 del 7 marzo 2009 (record italiano) e 53”78 del 20 aprile scorso sempre a Riccione (migliore prestazione italiana in tessuto). Due coppie guidano la classifica preliminare dei 200 stile libero. La star del Settecolli Gabriele Detti (Esercito/SMGM Team Nuoto Lombardia) e l’altro azzurro Marco Belotti (Forestale/Aniene)  ex aequo con 1’48”47; Sebastiaan Verschuren (Olanda) e Alex Di Giorgio (CC Aniene) terzi in 1’48”71.
Undici batterie di 50 rana; cinque femminili e sei maschili. Le più veloci del mattino sono la lituana, primatista mondiale dei 50 e dei 100, Ruta Meilutyte con 31”01, seguita a quattro centesimi da Martina Carraro (NC Azzurra 91 – 31”05) e con 31”24 dalla neo qualificata a Rio Arianna Castiglioni (Fiamme Gialle/Team Insubrika); i primi tra gli uomini sono il sudafricano, vicecampione del mondo, Cameron Van Der Burgh con 27”13, seguito da Andrea Toniato con 27”35 e da Nicolò Martinenghi (NC Brebbia, 1° agosto 1999) che con 27”48 stabilisce il record categoria junior e cadetti e il record mondiale juniores. I precedenti record italiani di categoria erano stati stabiliti da Andrea Toniato in 27"61 il 10 agosto 2009 ai giovanili nuotati a Roma. Il precedente record mondiale juniores era stato stabilito dallo sloveno Peter John Stevens in 27"74 a Dubai il 30 agosto 2013. Il precedente primato personale di Martinenghi era 27"83 del primo maggio scorso all'Energy Standard di Lignano Sabbiadoro. Lo standard time junior per il record europeo è di 27"16. Quarto tempo dei 50 rana per il lituano Giedrius Titenis con 27”52 (ieri protagonista dei 100 rana con il record della manifestazione migliorato due volte).
Chiudono le serie lente degli 800 stile libero femminili e dei 1500 maschili. Sono davanti la britannica Abby Smith 9’00”34 e il venezuelano Franco Lupoli con 15’56”81.

Risultati batterie 2^ giornata

Risultati completi


Il sito ufficiale


Foto di Andrea Staccioli e Giorgio Scala / Deepbluemedia.it
Vietata la riproduzione - Diritti riservati