Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Settecolli Clear. Dichiarazioni 3^ giornata

Nuoto
images/joomlart/article/885e9ee2d4f2189a659dec1720f13155.jpg

Seguono le dichiarazioni degli atleti medagliati nella terza giornata del 53esimo Trofeo Settecolli/Internazionali di Nuoto, in svolgimento allo Stadio del nuoto.


200 dorso mas
Christopher Ciccarese (medaglia d'oro): "L'obiettivo era scendere sotto l'1'58'' ma non mi aspettavo di andare così forte. Stamattina ho cercato di controllare la gara e per poco rimanevo fuori dalla finale. Ho dato il massimo, seguendo i consigli del mio allenatore che mi raccomanda sempre di metterci tutta la volontà: non ho nuotato il crono "buono" per Rio, però sono felice perchè ho nuotato con il cuore davanti al pubblico di casa".
Michele Malerba (medaglia d'argento): "Questo è il mio primato personale: quindi meglio non poteva proprio andare. Ho provato a centrare la qualificazione olimpica ma obiettivamente era difficile per me. Pensavo che questo potesse essere il mio ultimo anno: la medaglia, invece, mi trasmette ottimismo per il futuro".
Luca Mencarini (medaglia di bronzo): "Non sono soddisfatto, pensavo di nuotare un tempo migliore. Sto faticando nei 200 dorso quest'anno".


200 dorso fem
Kylie Masse (medaglia d'oro): "Il crono è eccellente, credo uno dei migliori della mia carriera. Il Settecolli si chiude in maniera super e il prossimo anno tornerò sicuramente a Roma: la città più bella del mondo".
Margherita Panziera (medaglia d'argento): "Ho mancato per mezzo secondo la qualificazione a Rio: un vero peccato perchè dopo gli europei mi sentivo meglio. Evidentemente dovrò rivedere qualche dettaglio della preparazione con il mio allenatore. Tengo accesa una speranza per Rio: dipende tutto dal direttore tecnico".
Giulia Ramatelli (medaglia di bronzo): "Sono contenta tanto del bronzo quanto del crono. Sto preparando gli Europei juniores della prossima settimana e il risultato della finale mi trasmette molta carica. Il mio sogno è entrare nella Guardia di Finanza".


50 farfalla mas
Laszlo Cseh (medaglia d'oro): "La preparazione va bene. Il mio obiettivo era divertirmi al Settecolli e ci sono riuscito. Prima di Rio parteciperò ad altre due gare".
Piero Codia (medaglia d'argento): "Mi sto divertendo perchè sto nuotando gare per me inusuali, che mi servono d'allenamento in questo periodo. I 50 farfalla avrei voluto vincerli: peccato ma arrivare dietro Laszlo è risultato di rilievo".
Adam Barrett (medaglia di bronzo): "In generale non sono soddisfatto perchè ho mancato la qualificazione olimpica. Finisco il Settecolli, comunque, con due medaglie al collo: non male direi. Spero di essere protagonista ai Giochi del 2020".


50 farfalla fem
Therese Alshammar (medaglia d'oro): "Tecnicamente ho nuotato meglio la mattina. Salire sul gradino più alto del podio è sempre magnifico: vincere aiuta a vincere. Tutti sanno che amo Roma e l'Italia: mi sento come a casa qui".
Penny Oleksiak (medaglia d'argento): "Il mio pensiero è tutto rivolto a Rio. Il Settecolli è stato un test perfetto per mettere alla prova la mia condizione fisica: in quaranta giorni possono cambiare tante cose".
Silvia Di Pietro (medaglia di bronzo): "Il crono è quello che mi aspettavo: sono nel pieno della preparazione. Gareggiare in casa è sempre emozionante per noi italiani".


200 rana mas
Flavio Bizzarri (medaglia d'oro): "Bella gara e bella vittoria, purtroppo è mancato il tempo per Rio. Sono anni che salto l'appuntamento clou della stagione, ma sono convinto che questa sia la strada giusta: soprattutto a livello psicologico. Andrò avanti finchè gli stimoli mi sosterranno".
Daniel Gyurta (medaglia d'argento): "Sto accusando i carichi di preparazione, in acqua ero un po' imballato. Sono contento perchè ho potuto testare la mia condizione fisica prima di Rio, dove cercherò di difendere il titolo".
Luca Pizzini (medaglia di bronzo): "Il 2'11'' mi soddisfa comunque, perchè in allenamento non avevo buone sensazioni. Inizio a essere stanco, ma il Settecolli trasmette stimoli che cancellano le fatiche".


200 rana fem
Giulia De Ascentis (medaglia d'argento): "Ho avuto due anni difficili a causa di un intervento alla spalla e di un virus al fegato: problemi che hanno rallentato la mia crescita. Adesso il peggio sembra passato: l'argento è un mezzo miracolo sportivo".
Anna Sztankovics (medaglia di bronzo): "Ho nuotato il primato stagionale, ma non è servito per staccare il biglietto per Rio. L'organizzazione del Settecolli è perfetta; Roma è meravigliosa".


100 stile libero mas
Jeremy Stravius (medaglia d'oro): "Non tornavo a Roma dai mondiali del 2009: mi mancava l'atmosfera del Foro Italico. Sono contento del tempo nuotato: vado alle Olimpiadi per mettere al collo una medaglia".
Luca Dotto (medaglia d'argento): "49'18'' va bene, anche se speravo di vedere il 48. Sto lavorando bene in queste settimane: mi avvicino a Rio con ottimismo".
Filippo Magnini (medaglia di bronzo): "Non mi sentivo benissimo, onestamente. Avrei voluto nuotare un secondo cinquanta migliore, rispetto alla mattinata. Ad ogni modo, tornare sul podio a Roma è sempre molto bello. Dotto è ormai un campione che sa cogliere le opportunità quando si presentano: ha imparato tutto da me".


200 stile libero fem
Federica Pellegrini (medaglia d'oro): "Sono emozionatissima. Il tempo di ieri nei 100 stile libero e quello di oggi nei 200 sono una vera sorpresa perchè ho iniziato la fase di scarico solo giovedì. Lo Stadio del nuoto mi regala sempre grandi gioie e indimenticabili ricordi. Custodisco gelosamente la bandiera che porterò con orgoglio ai giochi olimpici".
Michelle Coleman (medaglia d'argento): "Il crono è veramente buono. Gareggiare con Federica è stimolante: lei è una fuoriclasse assoluta; ho provato a raggiungerla, ma negli ultimi venticinque metri è imprendibile".
Boglarka Kapas (medaglia di bronzo): "Ho nuotato il mio personale: sono felicissima. Questo crono mi regala il biglietto per Rio a cui cercherò di avvicinarmi nel migliore dei modi".


200 misti mas
David Verraszto (medaglia d'oro): "Roma è una tappa irrinunciabile della mia stagione: adoro l'atmosfera che si respira al Settecolli. Prima di Rio parteciperò a un altro meeting: la botta della pressione ancora deve arrivare".
Giovanni Sorriso (medaglia d'argento): "Ho centrato il mio obiettivo: confermare il tempo nuotato agli assoluti. Continuerò a lavorare duramente per scendere sotto i due minuti".
Benjamin Gratz (medaglia di bronzo): "Non sono pienamente soddisfatto: cercavo il pass per Rio, ma non è arrivato. Tornerò sicuramente a Roma nel 2017".


200 misti fem
Ilaria Cusinato (medaglia d'oro): "Il crono va abbastanza bene: grosso modo è quello di Riccione. Stamattina sono scivolata in partenza e ciò ha condizionato la mia prestazione".
Maria Ugolkova (medaglia d'argento): "Ho abbassato leggermente il miglior tempo stagionale, ma potevo nuotare ancora meglio: ci riuscirò a Rio".
Dalma Sebestyen (medaglia di bronzo): "Gara magnifica e di alto livello. Il tempo nuotato mi soddisfa: era quello che mi aspettavo. Adoro il Settecolli, amo Roma".


800 stile libero mas
Gabriele Detti (medaglia d'oro): "Mi si è spenta la luce ai 600, ma sono felicissimo per il tempo. Andrò alle Olimpiadi a testa bassa, sperando di ottenere il massimo: sogno i Giochi a Roma nel 2024;  sarebbero uno stimolo per continuare fino a 30 anni".
Gregorio Paltrinieri (medaglia d'argento): "Viste le gare di questi giorni, il 7'50'' ci sta tutto perchè siamo nel momento di condizione peggiore, più difficile. Nuotare senza troppa pressione è utile per l'umore. Il pubblico di Roma è un marcia in più per noi italiani".
Marcelo Acosta (medaglia di bronzo): "Sono entusiasta: ho abbassato di quasi due secondi il personale. A Rio nuoterò solamente i 1500 stile libero: spero di confermare il bronzo del Settecolli".


foto deepbluemedia.eu