Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Greg lancia gli azzurri paralimpici

Nuoto
images/joomlart/article/49cb4f8c2f9a27d6768904c9e100a46f.jpg

Il campione olimpico dei 1500 stile libero Gregorio Paltrinieri, campione del mondo in carica e primatista mondiale in vasca corta, saluta gli Azzurri nel nuoto che parteciperanno alle XV Paraolimpiadi, in programma a Rio de Janeiro dal 7 al 18 settembre. Ieri sera Greg ha incontrato gli atelti e lo staff della Nazionale di nuoto paralimpica al Centro Federale - Polo Natatorio di Ostia, dove sono in raduno dal 18 agosto fino alla vigilia della partenza per Rio. L'arrivo di Gregorio Paltrineiri, che oggi è ripartito per le meritate vacanze, ha suscitato grande entusiasmo nel gruppo azzurro (32 persone, tra atelti, tecnici e dirigenti) che da due settimane si sta allenando nella stessa piscina dove Gregorio Paltrineiri, oro nei 1500 stile libero, e Gabriele Detti, bronzo nei 400 e 1500 stile libero, hanno costruito i successi di Rio. "Forza ragazzi, fatevi valere e godetevi questa Olimpiade. Noi siamo con voi e tutta l'Italia vi fa il tifo", ha detto Gregorio Paltrinieri che ha dato consigli agli atleti, incitandoli a vivere con coraggio e felicità l'avventura olimpica nella stessa piscina che lo ha visto vincere la medaglia d'oro il 13 agosto. "E' stata una grande festa per tutti - commenta il direttore del Centro Federale di Ostia Giuseppe Castellucci, già tecnico federale del Settebello di Rudic e del Setterosa di Formiconi, tornati sul podio con i CT Alessandro Campagna, argento a Londra 2012 e bronzo a Rio 2016 e Fabio Conti, argento a Rio 2016 - e un orgoglio particolare per la Federazione Italiana Nuoto, per me e per tutti coloro i quali lavorano e collaborano con il Centro Federale di Ostia, che è diventato la casa degli azzurri e la fucina dei campioni". Non sono macate foto, selfie, autografi, promesse e dediche speciali.