Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. Azzurri protagonisti. Finali dalle 18:00 su Raidue

Nuoto
images/00_foto_2021/large/20210517_GPer_GP09801.jpg

Ilaria Cusinato e Sara Franceschi nei 400 misti, Gabriele Detti e Marco De Tullio nei 400 stile libero e le staffette 4x100 stile libero guidate da Federica Pellegrini e Alessandro Miressi mettono nel mirino le prime medaglie in palio ai campionati europei di nuoto, che si sono aperti con le batterie della prima giornata questa mattina alla Duna Arena di Budapest. La tricampionessa europea di Glasgow Simona Quadarella vince facilmente le eliminatorie degli 800 stile libero, di cui è anche vice campionessa mondiale, trasciando alla finale di martedì anche Martina Rita Caramignoli, autrice del secondo tempo. 
Azzurri subito protagonisti con un solo pass lasciato per strada. Il sipario si apre coi misti femminili. Ilaria Cusinato e Sara Franceschi si qualificano alla finale dei 400 senza strafare. La 21enne di Cittadella - tesserata per Fiamme Oro e Team Veneto, bronzo europeo a Glasgow 2018 - è sesta in 4'40''82. Fortunata invece la 21enne di Livorno - tesserata per Fiamme Gialle e Livorno Aquatics, seguita dal papà e tecnico federale Stefano Franceschi - decima in 4'44''65, ma seconda delle ripescate, poiché nelle migliori otto vi sono quattro ungheresi. Comanda proprio l'Iron Lady magiara Katinka Hosszu - novantatrè medaglie tra olimpiadi, mondiali ed europei - in 4'37''42. "Rompere il ghiaccio non è mai facile - spiega la veneta, tornata da allenarsi con Moreno Daga e in Scozia terza anche nei 200 misti - Sono però soddisfatta di aver nuotato meglio rispetto agli assoluti di aprile: in finale può accadere di tutto". Sorride, e non potrebbe essere altrimenti, anche la mistista toscana: "Un po' di fortuna ci vuole - afferma Franceschi, in piena preparazione per le Olimpiadi cui è già qualificata - Le sensazioni non erano delle migliori onestamente, ma in batterie è sempre così per me". 
In finale dalla porta principale nei 400 stile libero gli "olimpici" e compagni d'allenamento al Centro Federale di Ostia - seguiti da Stefano Morini - Gabriele Detti e Marco De Tullio rispettivamente con il terzo e il quinto riscontro cronometrico. Il primatista italiano (3'43''23) - tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse, bronzo olimpico, due volte iridato e campione europeo, nonchè oro mondiale negli 800 stile libero a Budapest 2017 - tocca in scioltezza in 3'47''56; il 20enne pugliese - tesserato per Fiamme Oro e Sport Project, quinto ai mondiali di Gwangju 2019 - chiude in 3'47''81. Eliminato Matteo Ciampi (Esercito/Livorno Aquatics) decimo in 3'48''57; il più veloce è lo svizzero Antonio Djakovic in 3'47''23. "Non si è andati molto forte onestamente - spiega il 27enne livornese - Sono molto soddisfatto del lavoro svolto fin qui, anche in altura, e le sensazioni infatti sono positive. Sono felice di essere tornato a gareggiare: ci voleva proprio". Gioisce anche l'amico e compagno di allenamenti al centro federale De Tullio: "Non ho gestito la batteria benissimo. Ho accusato un po' gli ultimi cento metri, ma sono felice per aver strappato la qualificazione".
Pass per la semifinale dei 50 stile libero anche della primatista italiana (24''84) Silvia Di Pietro. La 27enne di Roma - tesserata per Carabinieri e CC Aniene, allenata da Mirko Nozzolillo, argento continentale con la 4x100 stile libero a Londra 2016 - è diciassettesima, prima delle ripescate, in 25''22. Si fermano Costanza Cocconcelli (Fiamme Gialle/NC Azzurra) diciottesima in 25''30 e la debuttante Chiara Tarantino (Gestisport), ventiseiesima in 25''53. Comanda la fuoriclasse olandese Ranomi Kromowidjojo in 24''24.
Bene gli azzurri nei 50 dorso. Simone Sabbioni - tesserato per Esercito e Vis Sauro Nuoto Team, tornato ad allenarsi con Luca Corsetti dal 2020, nei 100 dorso bronzo europeo a Londra 2016 e campione europeo in vasca corta nei 50 dorso a Copenhagen 2017- nuota in 25''11 e strappa il pass per la semifinale con l'undicesimo posto; subito alle sue spalle un maturo Thomas Ceccon, tesserato per Fiamme Oro e Leosport, allenato da Alberto Burlina, primatista italiano nella doppia distanza - che conclude in 25''14 col primato personale che sottrae due centesimi all 25''16 siglato agli assoluti nel 2019. Stop per Lorenzo Mora (Fiamme Rosse/Amici Nuoto VVFF Modena) trentaduesimo in 25''76. Il migliore è il fenomeno russo e primatista mondiale (24''00) in 24''23.
Convincono Elena Di Liddo ed Ilaria Bianchi che centrano la semifinali dei 100 farfalla. La 27enne pugliese - tesserata per Carabinieri e CC Aniene, allenata da Raffaele Girardi, quarta ai Mondiali di Gwangju dove ha siglato il record italiano (57''04) - è sesta in 58''29 malgrado un distorsione alla caviglia in fase di trattamento che non le consente di spingere in partenza e virata come vorrebbe; la 30enne di Castel San Pietro Terme - tesserata per Fiamme Azzurre ed NC Azzurra, seguita dal tecnico federale Fabrizio Bastelli - ottava in 58''40. Eliminata la giovane casertana Antonella Crispino (Assonuoto Club Caserta), ventiduesima in 59''79. La più veloce è la svedese Louise Hansson in 57''06.
Promettono spettacolo ad ogni sessione i 100 rana e nello show gli azzurri ci saranno. Il primatista italiano (58''37) Nicolò Martinenghi e un sorprendente Alessandro Pinzuti . entrambi seguiti da Marco Pedoja - si qualificano, con grandi ambizioni, rispettivamente con il terzo e il settimo tempo alle semifinali. L'enfant prodige di Varese - tesserato per CC Aniene, già certo del pass olimpico, due volte campione mondiale e sette europeo in ambito giovanile - vola in 58''88 per la terza prestazione personale di sempre affiancato al campione di tutto Adam Peaty che sorprende al passaggio (27"13 contro 27"19; infine 58"26 per il britannico con due decimi di vantaggio sul bielorusso Ilya Shimanovich); il ventiduenne di Montepulciano - tesserato per Esercito e In Sport Rane Rosse - invece nuota in 59''45 col primato personale che abbassa sensibilmente il 59''72 regitrato lo scorso aprile agli assoluti di Riccione, proiettandolo al terzo posto tra i performer italiani. Undicesimo, ma eliminato perché terzo degli italiani, Federico Poggio (Fiamme Gialle/Imolanuoto) in 59''67.
In finale le 4x100 stile libero. Chiara Tarantino (55''95), Silvia Di Pietro (54''92), Costanza Cocconcelli (55''30) e Federica Pellegrini (53''74) sono seste in 3'39''91 e mettono nel mirino la qualificazione olimpica; il campione europeo Alessandro Miressi (47''95 a tre centesimi dal suo record italiano), Manuel Frigo (48''05), Leonardo Deplano (48''87) e Lorenzo Zazzeri (47''98) nuotano in 3'12''85 che vale il miglior tempo d'ingresso e la corsia 4.
Dulcis in fundo gli 800 stile libero che aprono altri scenari decisamente interessanti. La primatista italiana (8'14''99) Simona Quadarella e Martina Caramignoli volano in finale, prevista martedì in apertura di programma pomeridiano, con il primo e il secondo tempo. La regina del mezzofondo europeo e vice campionessa del mondo in carica - tesserata per CC Aniene, seguita da Christian Minotti, oro continentale nei 400, 800 e 1500 stile libero a Glasgow 2018 - nuota in scioltezza in 8'26''73; la 29enne reatina tesserata per Fiamme Oro e Aurelia Nuoto,  allenata da Germano Proietti e bronzo europeo a Berlino 2014 - conclude in 8'26''73. "Non è un europeo preparato al massimo, perché l'obiettivo è essere al top per Tokyo - spiega Quadarella, sul tetto del mondo nei 1500 in Corea del Sud - Non so come andrà con il passare delle gare onestamente. Intanto penso alla finale di martedì degli 800". Raggiante Caramignoli che sta vivendo una seconda giovinezza: "Non ho voluto stafare, ma ho nuotato comunque su un buon ritmo. Torno in una finale europea in vasca lunga dopo tanto tempo: è una bellissima sensazione". 

Così gli italiani nelle batterie della 1^ giornata

400 misti fem
RI 4'34''34 di Alessia Filippi del 10/08/2008 a Pechino
Migliore prestazione in tessuto 4'34''65 di Ilaria Cusinato del 30/06/2018 a Roma
1. Katinka Hosszu (Hun) 4'37''42
6. Ilaria Cusinato 4'40''82 qualificata in finale
10. Sara Franceschi 4'44''65 qualificata in finale 

400 stile libero mas
RI 3'43''23 di Gabriele Detti del 21/07/2019 a Gwangju
1. Antonio Djakovic (Sui) 3'47''23
3. Gabriele Detti 3'47''56 qualificato in finale 
5. Marco De Tullio 3'47''81 qualificato in finale
10. Matteo Ciampi 3'48''56 eliminato

50 stile libero fem
RI 24''84 di Silvia Di Pietro del 24/08/2014 a Berlino
1. Ranomi Kromowidjojo (Ned) 24''24
17. Silvia Di Pietro 25''22 qualificata in semifinale 
18. Costanza Cocconcelli 25''30 eliminata
26. Chiara Tarantino 25''53 eliminata

50 dorso mas
RI 24''63 di Niccolò Bonacchi del 12/04/2014 a Riccione
1. Kliment Kolesnikov (Rus) 24''23
11. Simone Sabbioni 25''11 qualificato in semifinale
12. Thomas Ceccon 25''14 pp (precedente 25''16 del 13/04/2019 a Riccione) qualificato in semifinale
32. Lorenzo Mora 25''76 eliminato

100 farfalla fem
RI 57''04 di Elena Di Liddo del 21/07/2019 a Gwangju
1. Louise Hansson (Swe) 57''06
6. Elena Di Liddo 58''29 qualificata in semifinale
8. Ilaria Bianchi 58''40 qualificata in semifinale
22. Antonella Crispino 59''79 eliminata

100 rana mas
RI 58''37 di Nicolò Martinenghi del 01/04/2021 a Riccione
1. Adam Peaty (Gbr) 58''26
3. Nicolò Martinenghi 58''88 qualificato in semifinale
7. Alessandro Pinzuti 59''45 pp (precedente 59''72 del 01/04/2021 a Riccione) qualificato in semifinale
11. Federico Poggio 59''63 eliminato
28. Andrea Castello 1'00''85 eliminato

4x100 stile libero fem
RI 3'35''90 di Erica Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzatto e Federica Pellegrini del 06/08/2016 a Rio de Janeiro
1. Olanda 3'38''20
6. Italia 3'39''91 qualificata in finale
Chiara Tarantino 55''95, Silvia Di Pietro 54''92, Costanza Cocconcelli 55''30, Federica Pellegrini 53''74

4x100 stile libero mas
RI 3'11''39 di Santo Yukio Condorelli, Manuel Frigo, Luca Dotto e Alessandro Miressi del 21/07/2019 a Gwangju
1. Italia 3'12''85 qualificata in finale
Alessandro Miressi 47''95, Manuel Frigo 48''05, Leonardo Deplano 48''87, Lorenzo Zazzeri 47''98

800 stile libero fem
RI 8'14''99 di Simona Quadarella del 27/07/2019 a Gwangju
1. Simona Quadarella 8'26''73 qualificata in finale
2. Martina Rita Caramignoli 8'31''83 qualificata in finale

- Semifinali e finali dalle 18:00 in diretta su Raidue

400 misti fem / finale
RI 4'34''34 di Alessia Filippi del 10/08/2008 a Pechino
Migliore prestazione in tessuto 4'34''65 di Ilaria Cusinato del 30/06/2018 a Roma
Ilaria Cusinato
Sara Franceschi pp 4'37''06 del 31/03/2021 a Riccione

400 stile libero mas / finale
RI 3'43''23 di Gabriele Detti del 21/07/2019 a Gwangju
Gabriele Detti
Marco De Tullio pp 3'44''74 del 31/03/2021 a Riccione

50 stile libero fem / semi
RI 24''84 di Silvia Di Pietro del 24/08/2014 a Berlino
Silvia Di Pietro

50 dorso mas / semi
RI 24''63 di Niccolò Bonacchi del 12/04/2014 a Riccione
Thomas Ceccon pp 25"14 in batteria; prec. pp 25''16 del 13/04/2019 a Riccione
Simone Sabbioni pp 24''97 del 21/06/2019 a Roma

100 farfalla fem / semi
RI 57''04 di Elena Di Liddo del 21/07/2019 a Gwangju
Elena Di Liddo
Ilaria Bianchi pp 57''22 del 12/08/2018 a Roma

100 rana mas / semi
RI 58''37 di Nicolò Martinenghi del 01/04/2021 a Riccione
Nicolò Martinenghi
Alessandro Pinzuti pp 59"45 in batteria; prec. pp 59''72 del 01/04/2021 a Riccione

4x100 stile libero fem / finale
RI 3'35''90 di Erica Ferraioli, Silvia Di Pietro, Aglaia Pezzatto e Federica Pellegrini del 06/08/2016 a Rio de Janeiro
Italia

4x100 stile libero mas / finale
RI 3'11''39 di Santo Yukio Condorelli, Manuel Frigo, Luca Dotto e Alessandro Miressi del 21/07/2019 a Gwangju
Italia

Vai ai risultati ufficiali

foto di Andrea Staccioli / Inside - DBM. In caso di riproduzione è necessario citare i credit. Vietati ridistribuzione e vendita.