Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

E' morto Antonino Spagnolo. Le condoglianze della FIN

Nuoto

E' morto la scorsa notte, all'età di 65 anni, Antonino Spagnolo. Sposato con Laura, ha una figlia Samantha. E' stato allenatore federale, in grado di formare una squadra di quattro staffettisti, tutti olimpici e portarli ai vertici della Nazionale Italiana, ovvero Mauro Gallo, Simone Cercato (medaglia olimpica con la 4x200 ad Atene), Mattia Nalesso e Christian Galenda. Ha allenato, tra gli altri, Alessandro Terrin, Renata Fabiola Spagnolo e Aglaia Pezzato, che aveva ripreso a preparare da fine 2019, conquistando oltre 200 podi giovanili e circa 40 assoluti. Nato a San Calogero, in provincia di Vibo Valentia, l'11 gennaio 1955, diplomato Isef all'Università di Urbino e Cassino, si definiva calabro - romano. Ha legato tutta la sua carriera, lunga quasi 40 anni, al Team Veneto e alla Padova Nuoto a bordo vasca e anche nella gestione e nell'avviamento di impianti. Era attualmente presidente del Centro Nuoto Stra (Vicenza).
Giungano alla moglie, alla figlia, alla sua famiglia le più sentite condoglianze del presidente federale Paolo Barelli, del presidente onorario Lorenzo Ravina, dei vice presidenti Andrea Pieri, Giuseppe Marotta e Teresa Frassinetti, del segretario generale Antonello Panza, del presidente del GUG Roberto Petronilli, del direttore tecnico Cesare Butini, del responsabile delle squadre nazionali giovanili Walter Bolognani e dell'intero movimento acquatico.