Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Venerdì, 23 Giugno 2017

54° Sette Colli. Grande inizio al Foro Italico

Attesa finita. Al via questa mattina allo Stadio del Nuoto di Roma la 54esima edizione del Trofeo Sette Colli / Internazionali di nuoto. Sarà spettacolo fino a domenica 25 giugno.
I 50 dorso aprono il programma gare. Sei batterie femminili e altrettante maschili. L'olandese Maike De Waard davanti a tutte in 28''01, con Silvia Scalia (CC Aniene) che in 28''50 registra il settimo crono. Matteo Milli è il più veloce tra gli uomini in 25''23. Il 28enne romano - allenato da Alfredo Caspoli e tesserato per SMGM Team Lombardia - lima di quattro centesimi il limite personale, precedendo il primatista italiano Niccolò Bonacchi (Esercito/Nuotatori Pistoiesi) in 25''54 e l'irlandese Shane Ryan in 25''62.
La canadese Mary Sophie Harvey timbra il miglior tempo nei 400 stile libero in 4'12''15, seguita dall'ungherese e campionessa europea di Londra 2016 Boglarka Kapas in 4'12''20; quinta la 26enne di Esercito e Nuoto Livorno Martina De Memme in 4'13''88. Tra i maschi il miglior crono è del campione europeo e bronzo olimpico Gabriele Detti. Il primatista italiano - allenato dal tecnico federale e zio Stefano Morini al Centro Federale di Ostia e tesserato per Esercito e SMGM Team Lombardia - tocca in 3'47''47, mettendosi alle spalle il sudcoreano Tae-Hwan Park (oro ai Giochi olimpici di Pechino 2008 e ai mondiali di Melbourne 2007 e Shangai 2011) in 3'49''15 e il campione olimpico in carica l'aussie Mack Horton in 3'49''40, affascinato "dall'aria che si respira allo Stadio del Nuoto di Roma". "Ho fatto un po' fatica - spiega il 22enne livornese - ma è normale perchè sto cercando di tenere le carte coperte in vista dei Mondiali di Budapest. Gli avversari mi sembrano in forma: ci sono tutti i presupposti per divertirsi nel pomeriggio".
Poi tocca ai 100 rana. La danese Rikke Moller Pedersen con 1'08''29, precede la primatista azzurra Martina Carraro che nuota il secondo tempo in 1'08''58. "Da un mese a questa parte - spiega la 24enne genovese, allenata da Fabrizio Bastelli - sto ritrovando buone sensazioni e in acqua mi sento decisamente meglio". Tra i maschi svetta il campione olimpico, iridato e continentale Adam Peaty in 59''97: dietro al 22enne britannico, unico a scendere sotto al minuto al mattino, il lituano Giedrius Titenis in 1'00''29 e l'enfant prodige di Varese Nicolò Martinenghi (NC Brebbia) in 1'00''65 (28''06 il passaggio ai 100, il migliore dopo quello di Peaty); Lorenzo Antonelli (Larus Nuoto) è quinto in 1'00''90 (seconda prestazione personale di sempre) e sesto il primatista italiano Fabio Scozzoli (Esercito/Imola Nuoto) in 1'01''11.
Ranomi Kromowidjojo velocissima nei 50 farfalla. La fuoriclasse olandese, venisette anni il prossimo 20 agosto, scolpisce un 25''72 che vale la terza prestazione mondiale stagionale, dietro al 25''51 della giapponese Ikee Rikako e al 24''76 siglato dall'oro mondiale ed iridato Sarah Sjostrom lo scorso 14 giugno a Barcellona; azzurre fuori dalla finale A Elena Di Liddo (CC Aniene) è nona in 26''78, alle sue spalle una delusa Silvia Di Pietro (Carabinieri/CC Aniene) in 26''81. Griffati "orange" anche i 100 farfalla uomini con Joeri Verlinden davanti a tutti in 52''50; terzi a pari merito con 52''89 Piero Codia (Esercito/CC Aniene) e Simone Geni (Uisp Bologna) alla seconda prestazione di sempre.
Anche al mattino Federica Pellegrini stupisce. La vincitrice di tutto è l'unica a scendere sotto l'1'58'' nei suoi 200 stile libero. La 28enne di Spinea nuota in 1'57''89 (27''69 ai 50 e 57''53 ai 100), mettendosi alle spalle la svedese Michele Coleman in 1'58''28 e l'olandese Femke Heemsker in 1'58''36; sesta Alice Mizzau (Fiamme Gialle/Team Veneto) in 1'59''11. "Sento abbastanza questa gara - sottolinea  l'allieva di Federico Giunta e tesserata per il Circolo Canottieri Aniene - perchè non ho mai aperto il Sette Colli con i 200 stile libero: in genere rompevo il ghiaccio con i 50 dorso. Dopo gli Internazionali d'Italia completerò la preparazione per i campionati del mondo in altura, posticipando ciò che facevamo gli anni scorsi".
I 50 stile libero maschile chiudono la prima sessione mattutina. Il bronzo mondiale di Kazan 2015 Bruno Fratus firma il miglior tempo in 21''81. Nono, e primo degli esclusi dalla finale, Luca Dotto (Carabinieri/Larus Nuoto) in 22''46, dieci centesimi in più dell'ottavo il magiaro Maxim Lobanovszkij.
Finali nel pomeriggio dalle ore 18.30 con diretta su Raidue dalle 18.50.

 Risultati completi

 Il sito ufficiale

Foto deepblumedia.eu