Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Coppa del mondo. Cagnotto/Dallapè a Rio

Tuffi
images/joomlart/article/8850470176ccc62f45cd5aeb6b7b3922.jpg

Un pass per sognare. Per trasformare l'amarezza di Londra in una pagina storica a Rio de Janeiro. Tania Cagnotto e Francesca Dallapè si qualificano alle Olimpiadi nel sincro trampolino 3 metri, specialità di cui sono campionesse europee ininterrottamente dal 2009 e di cui sono state state vice campionesse mondiali nel 2009 e 2013.
Cagnotto e Dallapè si piazzano al quarto posto della finale disputata al Maria Lenk Acquatic Centre dov'è in svolgimento la coppa del mondo, test event dei Giochi di Rio de Janeiro dal 7 al 20 agosto.
C'erano in palio quattro pass escludendo le coppie già qualificate, ovvero quelle sul podio dei campionati mondiali (le cinesi Shi Tingmao e Wu Minxia d'oro, le canadesi Jennifer Abel e Pamela Ware d'argento e le australiane Samantha Mills ed Esther Qin di bronzo) e quella brasiliana padrona di casa (Tammy Takagi e Juliana Veloso, 12esima ed ultima in classifica con 204,90 punti). Le azzurre ottengono 303,99 punti alle spalle dei duo iridati che confermano il piazzamento dei campionati mondiali di Kazan: le cinesi Shi Tingmao e Wu Minxia al primo posto con 339,60; le canadesi Jennifer Abel e Pamela Ware con 312,27; le australiane Samantha Mills ed Esther Qin con 307,50. Gli altri pass olimpici vanno alle coppie malesiana composta da Jun Hoong Cheong e Nur Dhabitah Sabri, quinta con 301,50, britannica formata da Alicia Blagg e Rebecca Gallantree con 299,28 e tedesca con Tina Punzel e Nora Subschinski con 298,14 punti.
Tania Cagnotto e Francesca Dallapè si erano classificate seconde nei preliminari 306,78 punti alle spalle delle cinesi Shi Tingmao e Wu Minxia con 316,80 punti. La sfida a cinque cerchi è lanciata.


I tuffi di Cagnotto e Dallapè in finale - 303,99


201B (2.0) Ordinario indietro carpiato 52,80
301B (2.0) Tuffo rovesciato carpiato 50,40
5152B (3.0) Doppio e mezzo avanti con un avvitamento carpiato 72,90
107B (3.1) Triplo e mezzo avanti carpiato 58,59
405B (3.0) Doppio e mezzo ritornato carpiato 69,30


I tuffi di Cagnotto e Dallapè nei preliminari - 306,78


201B (2.0) Ordinario indietro carpiato 52.20
301B (2.0) Tuffo rovesciato carpiato 48.00
5152B (3.0) Doppio e mezzo avanti con un avvitamento carpiato 68.40
107B (3.1) Triplo e mezzo avanti carpiato 70.68
405B (3.0) Doppio e mezzo ritornato carpiato 67.50


La coppia delle meraviglie. Tania Cagnotto, 31 anni da compiere il 15 maggio, è di Bolzano; allenata da papà Giorgio e da Oscar Bertone, ha cominciato a tuffarsi quando aveva quattro anni. E' tesserata per Fiamme Gialle e Bolzano ed è in Nazionale maggiore dal 2000 con i campionati europei di Helsinki e i Giochi olimpici di Sydney. Francesca Dallapè, 30 anni da compiere il 24 giugno, è di Trento; allenata da Giuliana Aor, ha iniziato a tuffarsi un po' più tardi, a sei anni. E' tesserata per Esercito e Buonconsiglio ed è in Nazionale maggiore dal 2005, anno in cui si è classificata quinta dai tre metri sincronizzati ai campionati mondiali di Montreal insieme a Noemi Batki. Tania e Francesca saltano insieme dal 2009 e da allora hanno conquistato 7 ori europei e 2 argenti mondiali (Roma 2009 e Barcellona 2013), ai quali si aggiunge il quarto posto olimpico di Londra 2012. Tania Cagnotto è anche l'atleta più vincente della storia in ambito europeo con 25 medaglie (17 d'oro, 4 d'argento e 4 di bronzo) a cui aggiunge i 10 podi mondiali (un oro, 3 argenti e 6 bronzi).


consulta la scheda di Tania Cagnotto


consulta la scheda di Francesca Dallapè 


Quinta olimpiade. Tania Cagnotto si era già qualificata ai Giochi di Rio de Janeiro il 14 giugno scorso a Rostock, vincendo la medaglia d'oro dal trampolino 3 metri ai campionati europei di specialità (350,20) con 16 punti di vantaggio sulla russa Ilinyk e 20 sulla tedesca Punzel. Quarta Francesca Dallapè (323,15), peraltro col suo miglior risultato individuale. Per Tania Cagnotto sarà la quinta olimpiade della carriera, come il padre Giorgio che ha conquistato l'argento nei 3m e il bronzo nei 10m a Monaco di Baviera 1972, l'argento nei 3m a Montreal 1976 e il bronzo a Mosca 1980. Solo un altro atleta in rappresentanza della Federnuoto ha partecipato a cinque olimpiadi: il pallanotista Gianni De Magistris, argento a Montreal 1976, che potrebbe essere raggiunto dal capitano del Settebello Stefano Tempesti che esordì, come Tania Cagnotto, a Sydney 2000. 
 

Olimpiadi di Londra. Il 29 luglio 2012 Cagnotto e Dallapè si piazzano quarte con 314,10 punti, a 2,70 punti dal bronzo olimpico conquistato dalle canadesi Abel e Heymans (316.80). Decisivo l’errore nel penultimo salto, doppio e mezzo avanti carpiato con un avvitamento, che di solito eseguono a memoria. Cagnotto sbaglia il presalto e non trova la sincronia nell'avvitamento con Dallapè. La medaglia d’oro è vinta dalle cinesi He Zi e Wu Minxia con 346,20 punti; argento alle statunitensi Bryant e Johnson con 321,90 punti. 
 

Coppa del mondo. Il 25 febbraio 2012 nel test event di Londra, le azzurre si erano piazzate al terzo posto con 317,40 punti dietro alle cinesi Zi He e Minxia Wu (345,30) e alle canadesi Abel e Heymans (321,90) e avanti alle statunitensi Bryant e Johnston (315).
 

Le medaglie di Tania Cagnotto e Francesca Dallapè nel sincro trampolino 3 metri 

Campionati europei
7 medaglie d’oro (Torino 2009, Budapest 2010, Torino 2011, Eindhoven 2012, Rostock 2013, Berlino 2014, Rostock 2015)

Campionati mondiali
2 medaglie d’argento (Barcellona 2013 e Roma 2009); quinto posto a Kazan 2015 e sesto posto a Shanghai 2011

Olimpiadi
quarto posto a Londra 2012
 

Piattaforma. Noemi Batki si è qualificata alle semifinali in programma domenica alle 18.10 italiane. La finale è in programma alle 23. Si è classificata diciassettesima con 291,90 punti. L'ultima qualificata è la canadese Roseline Filion, diciottesima con 291,85. Il miglior punteggio è della malesiana Pandelela Rinong Pamg con 360,55 punti. L’azzurra di Esercito e Triestina Nuoto, allenata dalla madre Ibolya Nagy, è già qualificata per i Giochi Olimpici di Rio de Janeiro grazie al dodicesimo posto ai campionati mondiali di Kazan 2015 (finalista).