Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Salvamento didattico L'utilizzo del defibrillatore

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/large/43f103b76656b6c07613a343040ac4e0.jpg

Dopo la consegna dei defibrillatori ai Centri Federali di Avezzano, Pietralata, Ostia e alle piscine del Foro Italico, avvenuta il 10 luglio e che ha dato il via al percorso formativo per l’utilizzo del cosi detto “apparecchio salvavita”, la Federazione Italiana Nuoto attraverso la sua Sezione Salvamento ha organizzato al Centro Federale – Polo Natatorio di Ostia il primo corso di Maestro di Salvamento con rilascio contestuale dell’attestato di “Esecutore BLS-D – DAE” (qualifica di abilitazione all’utilizzo del defibrillatore). Sei giorni di lezioni teorico-pratiche, dal 25 al 30 settembre, ai quali hanno partecipato 32 allievi e tutti hanno superato entrambi gli esami. Cinque gli istruttori, tra i quali il referente per il BLS-D e membro della Commissione Didattica Nazionale Giovanni Manganiello. “Questo è stato il primo corso di Maestri con rilascio di attestato BLS-D di esecutore certificato IRC-COM – spiega Manganiello - e ne seguiranno altri. Il secondo passo sarà quello di formare i nostri Maestri quali istruttori di BLS-D. Ciò permetterà di rendere autonomi i nostri Fiduciari regionali e provinciali e i nostri Maestri di Salvamento nel formare i loro Assistenti Bagnanti quali esecutori sul territorio secondo le linee guida ERC 2010. A Ostia abbiamo registrato grande attenzione da parte dei presenti, come dimostrano anche i numeri, e questo ci rende ancora più entusiasti nel promuovere il progetto che abbiamo avviato il 10 luglio scorso con la consegna dei defibrillatori ai Centri Federali”.
Il coordinatore della Commissione Didattica Nazionale Giorgio Gori, responsabile del corso di Ostia, aggiunge che “nel percorso formativo i ragazzi si sono dimostrati soddisfatti delle lezioni operative del torpedo, del pattino e dell’uso della tavola spinale, quest’ultima finora poco conosciuta dai nostri operatori nell’ambito delle piscine. Al corso hanno partecipato anche alcuni allenatori di altre discipline acquatiche ed anch’essi hanno mostrato interesse e applicazione nell’utilizzo del BLS-D. Anche loro hanno sostenuto i due esami finali, per Maestro di Salvamento e per Esecutore BLS-D DAE, superandoli brillantemente. Il prossimo appuntamento con il BLS-D è in programma il 9 novembre al Centro Federale di Ostia. Il prossimo coso per Maestri di Salvamento, invece, è previsto per i primi mesi del prossimo anno”.      
Il presidente della Sezione Salvamento FIN Vincenzo Vittorioso è intervenuto per aprire e chiudere i lavori. “Il corso per Maestri di Salvamento con rilascio contestuale dell’attestato di Esecutore BLS-D – DAE che si è da poco concluso a Ostia – dice Vittorioso – è stato il naturale proseguimento del corso pilota organizzato il 10 luglio, sempre a Ostia, con la cerimonia di consegna dei defibrillatori ai Centri Federali. Stiamo lavorando al progetto di allargare questa iniziativa a livello territoriale e istituire una commissione di medici e specialisti in grado di formare e aggiornare i futuri Istruttori, Maestri di Salvamento e Assistenti Bagnanti. Il nuoto per salvamento è una disciplina sportiva nobile che abbina l’agonismo alla funzione sociale. Le procedure di soccorso del nostro settore sono arricchite dall'utilizzo del defibrillatore che riteniamo un elemento essenziale e determinante per la sicurezza e per la tutela della vita umana. Il programma di diffusione del defibrillatore è finalizzato all’organizzazione di corsi di operatori e formatori, attraverso i quali poter provvedere ad istruire nuovo personale specializzato da utilizzare sull'intero territorio di competenza. Territorio che attualmente conta oltre 70000 Assistenti Bagnanti. Ringrazio il Presidente della FIN Paolo Barelli e il Segretario Generale Antonello Panza che ci hanno sempre sostenuto e incoraggiato verso questo progetto”.