Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Il diario di Elena Prelle

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/fcf186c0fe27e49731db00e07e65100e.jpg

Anticipazioni, commenti e speranze della campionessa mondiale di nuoto per salvamento dopo i campionati di categoria: Assoluti di aprile e World Games di luglio in vista

ROMA
Nella cornice che a settembre ha ospitato i Campionati del Mondo, si sono svolti dal 4 al 6 marzo, a Livorno i Campionati Italiani di Categoria di nuoto per salvamento, riservati alle categorie Junior, Cadetti e Senior. L’incremento del numero di partecipanti (451 atleti in rappresentanza di 61 società) testimonia gli sforzi che la Federazione Italiana Nuoto sta affrontando per diffondere maggiormente il salvamento sportivo.
La stagione si è infatti aperta con una vivacità inconsueta, dovuta all’affacciarsi all’attività del salvamento da parte di piccole, medie e grandi società del nuoto puro e alla mobilitazione di tecnici ed atleti sia tra le realtà storiche, sia tra i club esordienti.
I tempi limite imposti dalla FIN hanno permesso uno svolgimento delle competizioni regolare e non eccessivamente protratto nell’arco della giornata. Inoltre la decisione di non effettuare batterie e finali, ma di assegnare i titoli sulla base dei risultati di finali dirette, ha consentito di distribuire il programma gare su un arco di 5 mezze giornate; scelta che sembra molto adatta ad un campionato di categoria invernale.
L’organizzazione dell’evento ha beneficiato dell’impiego di un eccellente impianto, messo a disposizione degli atleti nelle migliori condizioni possibili; di uno staff per la sistemazione del campo gara oramai più che collaudato; di un corpo giudici e cronometristi, che si è trovato a dover fronteggiare le difficoltà di interpretazioni arbitrali sempre in primo piano nelle gare col manichino (trasporto e pinne); di un commentatore alle gare, che avrà sicuramente fatto tesoro dell’esperienza per i prossimi assoluti. Nella classifica per società (divisa per categorie) hanno prevalso i Vigili del Fuoco G. Salza Torino nelle categorie juniores e seniores, mentre il Nuoto Club Torino ha chiuso al primo posto la categoria cadetti. L’ipotetica classifica con le tre categorie riunite avrebbe visto prevalere i Vigili del Fuoco G. Salza Torino, seguiti dalle Fiamme Oro Roma e dal Nuoto Club Torino. Sarebbe quindi esclusivamente il terzo posto a variare dall’anno precedente, dove a Brescia erano terzi i Vigili del Fuoco M. Menegola Modena.
Credo che vadano evidenziate due prestazioni su tutte: due record italiani di categoria, ottenuti entrambi in staffetta nella categoria cadetti maschi (nella 4x50 sottopassaggi con 1.47.90 ad opera di Davide Gallotta, Vincenzo Bocchetti, Ciro Damiano e Mariano Carpentieri dello Sporting Club Nuoto Napoli; e nella 4x50 torpedo con 1.38.66 da Andrea Coda, Fabrizio Innocenti, Mario Novelli e Massimo Nanni dei Vigili del Fuoco “M. Boni” Grosseto). Inoltre alcuni primati nazionali in attesa di essere riconosciuti e inseriti nelle tabelle federali. I due record italiani seguono i 5 primati mondiali (per limitarci a citare solo i record iridati) del Rescue e i numerosi primati europei e italiani di categoria e assoluti che hanno costellato la scorsa stagione, e ci avvicinano all’appuntamento clou di questa prima parte di stagione: gli Assoluti (Livorno, 8/10 aprile), dove saranno selezionati gli atleti che parteciperanno ai World Games (Duisburg, 14/24 luglio).
I criteri di selezione per questa competizione sono stati resi noti a Livorno durante una riunione tra i dirigenti FIN, i tecnici della Nazionale e gli allenatori. Parteciperanno i vincitori delle 4 gare del programma (sottopassaggi, pinne, manichino, misto) più due atleti a discrezione del Tecnico Federale. Nella stessa riunione sono state comunicate le modalità per la convocazione per gli Europei Assoluti (Travemunde, 9/14 agosto) e Juniores (Alicante, 16/19 settembre). Per entrambi si assegnerà un punteggio agli atleti (fino al sesto classificato per gara, da 7 a 1 punto) e si sceglieranno quelli con i primi 4 migliori punteggi ottenuti dalla somma delle migliori 3 gare in piscina e delle migliori 3 in mare per gli assoluti, mentre per gli Azzurrini si terrà conto di 3 gare in piscina e 2 in spiaggia, sempre con 2 nomi a discrezione del Tecnico Federale.
Per quanto riguarda i regolamenti, la ILS dovrebbe imporre da ottobre 2005 che nel trasporto il manichino rimanga sempre al di sopra della superficie dell’acqua, ma per quest’anno il regolamento sarà invariato. Inoltre per la prossima stagione si prospetta la possibilità di un percorso misto con un’apnea di 17.5 m per le donne (e non più di 15 m).
Durante la stagione verranno organizzati anche dei collegiali per la categoria Junior, nel corso dei quali gli atleti saranno sottoposti a diversi test (picco di lattato, ricerca delle varie andature di allenamento, plicometria, valutazione sulle distanze di staffetta) sotto la guida del Tecnico Federale Gianpaolo Longobardo.
Durante la riunione tenutasi a Livorno, in occasione dei campionati di categoria, sono stati presentati alle Società Antonello Cano in veste di Commissario Tecnico del Settore ed Gianpaolo Longobardo come tecnico responsabile della categoria Junior. Ai due tecnici verranno affiancati in occasione di manifestazione di spicco e collegiali altri allenatori di società, come del resto già avvenuto nel quadriennio scorso. Nel corso dell'incontro è stata anche presentata la Commissione Sportiva che, sotto la responsabilità del Cavaliere Giovambattista Crisci, sarà composta da Gianni Anselmetti, Giorgio Cecchi, Giosuè Cecere, Giorgiana Emili, Marco Fagiolo, Ettore Gavarente e Marcello Pensa; la Commissione Tecnico-Sportiva Master invece sarà formata da Franco Colella, Roberto Bonanni e Giannantonio Scaramel.
Nel corso dell'incontro, inoltre, è stato comunicato che saranno effettuati tre test valutativi per la categoria Junior con responsabili organizzativi Vittorio Zambrin (Nord), Paola Pelle (Centro) e Franco Colella (Sud).
Infine è stata annunciata l'attivazione di due Centri Federali (Serapo – responsabile Massimiliano Tramontana; Savona – responsabile Paola Pelle) dove le Società potranno usufruire del materiale (tavole e canoe) messo a disposizione dalla Federazione Italiana Nuoto previa richiesta alla stessa.
Inoltre nella riunione con le Società che si svolgerà il 7 aprile prossimo, a Livorno, verranno comunicati i criteri di selezione per la partecipazione al Rescue 2006, nonché altre novità relative a modifiche regolamentari circa la partecipazione alle prove oceaniche.


In attesa di "rivederci" presto, vi ringrazio per l'attenzione.
Alla prossima, Elena.