Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei Juniores Italia Regina

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/722b73349b1f1608220842bdbdea17a9.jpg

Il giorno dopo il successo a Canet en Roussillon il Vicepresidente Colica e i tecnici azzurri tracciano il bilancio dei campionati continentali. "I meriti vanno divisi fra tutti. Importante la sinergia con le società"

ROMA
L'Italia resta sul tetto d'Europa. La Nazionale juniores di nuoto per salvamento ha bissato il successo dell'anno scorso a Roma. Agli Europei di categoria, che si sono conclusi ieri a Canet en Roussillon, l'Italia ha chiuso al primo posto la classifica per Nazioni con 839 punti. Seconda la Germania con 803 e terza la Spagna con 646,5. Per gli azzurrini 24 medaglie (11 d'oro, 9 d'argento e 4 di bronzo) e tre record europei juniores: 4x50 ostacoli femminile (Castanetto, Pastorello, Chirieleison, Frattini) con 2.00.24, Andrea Caldarelli nei 50 manichino con 31.34 e la 4x50 mista femminile (Castanetto, Pastorello, Frattini, Chirieleison) con 1.48.13. C'è stata anche una medaglia che è diventata più pregiata 24 ore dopo: la staffetta 4x90 femmine che in gara si era classificata terza, è diventata seconda in seguito alla squalifica delle inglesi.
Il Commissario Tecnico della Nazionale maggiore di nuoto per salvamento, Antonello Cano, esalta le qualità tecniche e personali degli atleti e sottolinea l'importanza dell'impegno della FIN e delle società. "Questo risultato non è una sorpresa - dice il Ct - conoscevo benissimo il valore di tutti i ragazzi ed ero convinto che  avrebbero ottenuto un ottimo risultati. I meriti vanno divisi tra gli atleti, le società e i tecnici che con la loro prefessionalità ci hanno permesso di ottenere per il secondo anno consecutivo questo grande risultato. Grazie anche all'impegno della FIN che in questi anni ha supportato al meglio l'attività delle squadre nazionali. Ringrazio il responsabile della Nazionale giovanile Gianpaolo  Longobardo che per motivi personali non ha potuto giore insieme a noi di questo bellissimo risultato ma con il quale siamo stati sempre in contatto. Per ultimo voglio ringraziare i due tecnici Ettore Gavarente e Gianluca Sacchi che hanno collaborato con me e tutto lo staff azzurro".
Il tecnico responsabile della Nazionale giovanile, Giampaolo Longobardo, rimasto a Napoli per motivi personali, si unisce ai ringraziamenti. "Innnanzitutto voglio dire grazie alle squadra che confermato le aspettative. Sapevamo di avere una squadra molto competitiva e che dovevamo confermare il successo dell'anno scorso, ma ripetersi è sempre più difficile. Eravamo sicuri della forza della squadra femminile, composta per 4/6 da ragazze della Nazionale precedente, ma sapevamo anche che in quella maschile 4/6 dei ragazzi erano praticamente esordienti. La squadra femminile, come da pronostico, ha stravinto, trascinata dalle atlete di maggiore spicco come Cacciabue, Chirieleison e Frattini. Quella maschile è andata oltre le previsioni della vigilia, guidata dalla coppia Bonanni-Caldarelli, rispettivamente alla seconda e terza esperienza europea. Anche le scelte tecniche si sono dimostrate vincenti. Mi riferisco a Pastorello, Cassanetto e Tafuro. Ringrazio infine il Ct Cano, il mio vice Gavarente e tutto lo staff per la stretta collaborazione. Io non sono potuto essere presente ma, grazie a loro, sono  riuscito a seguire tutte le gare". Non c'è stato il record di medaglie (nell'edizione 2006 a Roma sono state 27) ma sono aumentate quelle delle gare oceaniche. "E' quello che ci interessava maggiormente - spiega Longobardo - Conoscevamo il nostro valore in piscina e abbiamo lavorato per migliorare il rendimento in mare e sulla spiaggia. La Federazione ha investito molto in questo senso e i risultati sono arrivati. Il lavoro svolto nei Centri Federali di Gaeta e Savona è stato eccellente".    
Soddisfatti ed emozionati anche gli altri tecnici che completano lo staff, Gavarente, vice di Longobardo e Sacchi, assistente tecnico. 
Ettore Gavarente. "La soddisfazione è grande e la gioia per aver dato il mio contributo lo è ancora di più. Questa vittoria è molto significativa e importante per il presente e futuro del salvamento. Questo gruppo, estremamente preparato, era composto per il 60% da atleti che si affacciavano per la prima volta ad una competizione internazionale e le new entry si sono dimostrate alla pari atleti già affermati".
Gianluca Sacchi. "Come assistente tecnico non posso far altro che congratularmi con tutti gli atleti che, benchè molto giovani, hanno dimostrato sempre grande professionalità e serietà. Negli allenamenti quanto nelle gare. Voglio ringraziare la FIN ed il Commissaro Tecnico per avermi dato la possibilità di seguire questo gruppo e di partecipare a questo risultato".
I compliementi del Vice Presidente della FIN, Paolo Colica. "Questa vittoria rappresenta una grande soddisfazione per la Federazione Italiana Nuoto ed è frutto del lavoro delle società, dei tecnici e degli atleti che in questi anni hanno collaborato alla crescita dell'intero movimento. Al successo della Nazionale maggiore agli Europei assoluti, si è aggiunto questo dei più giovani, a dimostrazione che il salvamento italiano è il primo in Europa e sta scalando i vertici mondiali. L'augurio e l'obiettivo è quello di avvicinarci alle Nazioni più forti al mondo, come l'Australia, la Nuova Zelanda e il Sud Africa, e siamo certi che la strada intrapersa è quella giusta. La Federazione crede molto in questo settore e lo dimostrano, ad esempio, gli investimenti degli ultimi anni per la preparazione degli atleti soprattutto alle prove oceaniche. Questo è stato possibile anche attraverso i collegiali e la maggiore disposinibilità di materiale tecnico presso i Centri Federali di Gaeta e Savona. Con l'occasione un grande abbraccio a tutto lo staff e agli atleti che hanno vinto questo campionato europeo". 


CAMPIONATI EUROPEI JUNIORES 2007
LE MEDAGLIE DEGLI AZZURRI
11 ORO

Claudia Pastorello 100 manichino con pinne
Francesco Bonanni 100 manichino con pinne
Andrea Caldarelli 50 manichino
31.34 R.E.J.
Andrea Caldarelli 100 percorso misto
Eleonora Chirieleison 100 pinne e torpedo
Eleonora Chirieleison 90 sprint
Francesca Frattini 200 super lifesaver
Francesca Frattini 100 percorso misto
4x50 ostacoli F 2.00.24 R.E.J.
Castanetto, Pastorello,
Chirieleison, Frattini
4x50 mista F 1.48.13 R.E.J.
Castanetto, Pastorello,
Frattini, Chirieleison
4x25 manichino F Frattini, Castenetto,
Cacciabue, Tafuro

9 ARGENTO

Elena Cacciabue 100 manichino con pinne
Giulia Castenetto 50 manichino
Eleonora Chirieleison Bandierine sulla spiaggia
Daniele Checchi Bandierine sulla spiaggia
4x50 ostacoli M Moretto, Bonanni,
Caldarelli, Bartolucci
4x25 manichino M Caldarelli, Lapi,
Moretto, Bonanni
4x90 sptint F Castenetto, Chirieleison,
Cacciabue, Tafuro
Staffetta torpedo M Moretto, Checchi,
Bartolucci, Caldarelli
Staffetta tavola F Frattini e Cacciabue

4 BRONZO

Francesca Frattini 200 nuoto con ostacoli
Elena Cacciabue 100 percorso misto
Francesco Bonanni 200 super lifesaver
4 x 50 mista M Moretto, Bonanni,
Caldarelli, Lapi