Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Sicurezza in acqua<br>FIN e FIM insieme

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/ab497d20f9b8fb69d6e53b68dc8304a2.jpg

A Rimini si è svolto il primo corso sperimentale per Istruttori Conduttori Soccorritori di moto d'acqua della Federnuoto in collaborazione con la Motonautica. I tredici promossi

ROMA
A Rimini, dal 23 al 26 ottobre, presso il Circolo Nautico, si è svolto il primo corso sperimentale per Istruttori Conduttori Soccorritori di moto d'acqua, organizzato dalla Federazione Italiana Nuoto in collaborazione con la Federazione Italiana Motonautica. Alla fine del corso, coordinato da Roberto Proietti per la FIN e Stefano Somigli per la FIM, sono stati formati 13 nuovi istruttori, tra i quali la prima donna: Ida Galante, 43 anni di Chieti.
Il corso si è sviluppato in due fasi: quella teorica in aula e quella pratica in mare. Quest'ultima, che è stata particolarmente spettacolare, prevedeva una serie di manovre di base e avanzate, di soccorso e trasporto. Gli esami si sono tenuti domenica mattina e la commissione esaminatrice era composta dal Coordinatore della Sezione Salvamento FIN per la parte didattica Giorgio Gori, il rappresentante della FIM Claudio Bizzari e i due referenti del corso Proietti e Somigli.
Sabato 8 novembre a Roma, invece, sono in programma gli esami per Maestri di Salvamento ai quali parteciperanno i 36 allievi che hanno sostenuto il corso di formazione che si è concluso il 12 ottobre a Gaeta. 
 
ISTRUTTORI CONDUTTORI SOCCORRITORI DI MOTO D'ACQUA FORMATI A RIMINI. Da Novara a Ragusa quasi tutta l'Italia è rappresentata dai 13 nuovi Istruttori: Giuseppe Baccina di Macerata, Tiziano Bugli di Rimini, Ida Galante di Chieti, Giuseppe Lazzarini di Rimini, Antonio Liberatori di Roma, Remo Miani di Roma, Ivano Montaguti di Rimini, Marco Monti di Novara, Alessio Nifosi di Ragusa, Raffaele Perrotta di Napoli, Riccardo Polliano di Roma, Antonio Secchi di Tempio Pausiana, Fabio Tarallo di Agrigento.