Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei Assoluti di Alicante Partenza record

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/7b6925db0f82fcfde71e4ac3fe4251ec.jpg

Sei medaglie e il primato del mondo della 4x25 manichino con 1'07"95 per gli Azzurri nella prima giornata di gare in piscina. Bis d'oro di Chiara Pidello e Federico Pinotti. Esordio d'argento di Federica Ferraguti

ALICANTE
Quattro medaglie d'oro, una d'argento, una di bronzo e un record del mondo. I campionati europei della Nazionale azzurra di nuoto per salvamento sono cominciati alla grande. Nella prima giornata delle gare in piscina, nella Tossal di Alicante, la squadra di Antonello Cano ha mostrato i muscoli facendo valere il titolo di campione d'Europa che ha conquistato quattro anni fa a Tenerife e che si appresta a difendere nel migliore dei modi.
Sono arrivate le medaglie più attese e anche quelle meno attese. Sono saliti sul podio giovani esordienti ed esperti veterani. Tutti col tricolore sulle spalle.
Hanno cominciato Chiara Pidello e Federica Ferraguti nella finale dei 200 metri superlifesaver: 75 metri stile libero, 25 trasporto manichino, 50 torpedo e pinne e 50 traino manichino. Entrambe hanno ottenuto il record personale; Chiara Pidello lo ha eguagliato vincendo la gara condotta sempre in testa con 2'29”23 e Federica Ferraguti lo ha stabilito chiudendo al secondo posto e conquistando la prima medaglia assoluta internazionale con 2'30”89. Quinta, e terza fino agli ultimi metri, la terza azzurra finalista Ester Viscardi con 2'33”59. “Ho vinto, ho eguagliato il mio tempo e ho fatto la gara che volevo – dice Chiara Pidello – e sono molto soddisfatta. Ho preso un buon vantaggio all'inizio che mi è servito nella seconda parte. Non avendo nessuna davanti mi regolavo con me stessa. E la cosa che preferisco”. Sorride Federica Ferraguti. Per lei si tratta dell'esordio in questa competizione e con la Nazionale. “E' la prima medaglia, sono felice, di meglio non potevo desiderare all'esordio. Ero un po' agitata, la prima gara la sentivo molto, poi ho pensato solo a nuotare. Nei secondi cento metri ho provato a prendere Chiara ma era troppo più veloce. Dediche? Avrei un elenco lunghissimo. La dedico ai miei genitori, ai miei allenatori Fabrizio e Carlo e al mio fidanzato Nicola”. Non è contenta Ester Viscardi, sebbene il Ct Antonello Cano le abbia fatto i complimenti per l'impegno. “Ha detto che sono stata brava lo stesso? Lo ringrazio ma non posso essere contenta, ho perso tempo quando ho infilato pinne e torpedo. Voglio rifarmi con le prossime gare”. Nella finale dei 200 superlifesaver maschili Marco Buccioni si è classificato quarto con 2'13”97 e Giovanni Legnani quinto con 2'13”99.
Tris di medaglie nelle finali dei 50 manichino. Nella femminile Chiara Pidello ha vinto l'oro con 37”19, Marcella Prandi quella di bronzo con 38”35 e  Giulia Levrero è stata settima con 40”37. Anche per la capitana della squadra, Marcella Prandi, è stata la prima volta. “E' la prima medaglia europea che vinco a manichino. E' una gara che faccio da poco tempo, anche a livello nazionale. Non me l'aspettavo, anche dopo il tempo di questa mattina e poi in corsia uno”. Nella finale maschile si è imposto il primatista mondiale della distanza Federico Pinotti che oggi ha vinto con 30”38 davanti ai tedeschi Hassemeier e Ertel. Quinto Giovanni Legnani con 31”68. La chiusura è stata tutta per la staffetta 4x25 manichino maschile che ha stabilito il record mondiale di 1'07”95 migliorando il precedente che già gli apparteneva e scendendo sotto 1'08”. Federico Pinotti. “Vincere infonde sempre grande soddisfazione  ma farlo in staffetta ha un sapore particolare. Ci abbiamo lavorato molto e questo risultato rappresentava un obiettivo. Farlo con il costume in tessuto vale anche di più e comunque vuol dire aver lavorato bene con la Nazionale e con i club. Rispetto alla squadra del Rescue ad Alessandria d'Egitto, dove avevamo stabilito il record precedente, si è aggiunto soltanto Matteo Montesi che si è integrato subito facilmente”. Matteo Montesi. “Peccato per la squalifica di questa mattina nei 50 manichino ma oggi pomeriggio mi sono rifatto con gli interessi.  Un esordio così è bellissimo. E' stato facile integrarmi nella staffetta e spero che sia di buon auspicio per il proseguo della competizione”. Giovanni Legnani. “Ci tenevamo tantissimo, era il nostro obiettivo e sapevamo che non sarebbe stato facile. Domani ci sono le mie gare, staffetta mista e percorso misto, sarebbe formidabile continuare così”. Marco Buccioni. “Felice per la staffetta ma amareggiato per il quarto posto nei 200 superlifesaver che è la mia gara. Erano due obiettivi, ne ho centrato soltanto uno”. La staffetta 4x25 manichino femminile (Marta Mozzanica, Giulia Levrero, Chiara Pidello e Federica Ferraguti) è giunta quinta in finale con 1'26”91.
Successi nelle finali B del lancio della corda per Giulia Levrero e Marcella Prandi che hanno chiuso in 13”35 (meglio della Gran Bretagna che ha vinto la finale A con 13”43) e per Nicola Ferrua e Matteo Montesi che con il tempo di 12”90 si sarebbero classificati secondi nella finale A, vinta dalla Germania con 12”87. Domani si continua con le gare in piscina. Batterie alle 9 e finali alle 16.30. Domenica e lunedì gare in mare. Gli Europei per Nazioni si concludono il 19 settembre, gli Europei interclub proseguono fino al 23 e il 24 e 25 settembre è in programma sempre ad Alicante il quinto congresso internazionale di salvamento e soccorso.
 
Gli azzurri nelle finali A della 1^ giornata
 
200 superlifesaver F
1 Chiara Pidello 2'29”23
2 Federica Ferraguti 2'30”89
3 Katrin Altamm (Ger) 2'33”33
5 Ester Viscardi 2'33”59
 
200 superlifesaver M
1 Marcel Hassemeier (Ger) 2'07”86
2 Thomas Villaceca (Esp) 2'11”58
3 Christoph Ertel (Ger) 2'11”97
4 Marco Buccioni 2'13”97
5 Giovanni Legnani 2'13”99
  
50 manichino F
1 Chiara Pidello 37”19
2 Hanemie Peeters (Bel) 38”04
3 Marcella Prandi 38”35
7 Giulia Levrero 40”37
 
50 manichino M
1 Federico Pinotti 30”38
2 Marcel Hessemeier (Ger) 31”47
3 Christoph Ertel (Ger) 31”54
5 Giovanni Legnani 31”68
  
staffetta 4x25 manichino F
1 Germania 1'25”24
2 Olanda 1'26”28
3 Spagna 1'26”60
5 Italia 1'26”91
(Mozzanica, Levrero, Pidello e Ferraguti)
 
staffetta 4x25 manichino M
1 Italia 1'07”95 Record del mondo
(Buccioni, Montesi, Legnani, Pinotti)
2 Spagna 1'12”00
3 Francia 1'12”60 





Massimo Cicerchia
Nostro inviato