Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei Assoluti di Alicante L'Italia brilla anche in mare

News Salvamento precedenti
images/joomlart/article/448d0889df25744d702a6612d8ffdd85.jpg

Cinque medaglie nella prima giornata delle oceaniche. Oro di Pinotti nel frangente che diventa l'unico italiano ad aver vinto due medaglie d'oro in mare agli Europei. Lunedì l'ultimo turno

ALICANTE
Splende il sole sulla Playa el Postiguet. Brilla l'Italia nel golfo di Alicante, nella terza giornata dei XIV campionati d'Europa di nuoto per salvamento, la prima dedicata alle gare oceaniche. Gli Azzurri hanno conquistato cinque medaglie, hanno gonfiato il medagliere (21) e soprattutto hanno incrementato il vantaggio di punti nei confronti della Germania, la squadra che più di tutte può insidiarle la leadership europea. Dopo tre turni l'Italia guida la classifica con 641 punti, 41 più della Germania.
La medaglia più pregiata è stata quella d'oro di Federico Pinotti nel nuoto nel frangente. Il suo terzo successo individuale in Spagna e il quinto considerando anche le vittorie con le staffette. Un altro piccolo record nazionale: Federico è l'unico atleta azzurro ad aver vinto due medaglie d'oro in mare nella storia dei campionati europei di salvamento. La prima l'aveva conquistata nel 2007 a Tenerife. L'altra azzurra che è riuscita a vincere l'oro europeo in mare è la capitana della squadra Marcella Prandi, nel 2005 a Lubecca-Travemunde in Germania, sempre nel frangente. “Federico è sicuramente uno degli atleti più forti in Europa – dice con orgoglio il Ct della Nazionale Antonello Cano – e lo ha dimostrato anche in questi giorni, prima in piscina e oggi in mare. E' in Nazionale da cinque anni ed è già diventato un leader a livello europeo e mondiale”. Nella stessa finale terzo posto e medaglia di bronzo per Marco Buccioni e tredicesimo posto di Matteo Montesi, alla seconda esperienza dopo quella del Rescue per club del 2010. “Bravi anche loro – continua il tecnico – anche se Marco meritava di arrivare secondo. Ha condotto una gara eccellente”.
Nel frangente femminile la medaglie di bronzo di Marcella Prandi ha  dato il via alla splendida giornata azzurra. Con lei in gara anche Federica Ferraguti e Chiara Pidello che hanno conquistato punti pesanti classificandosi rispettivamente nona e decima. Sorride Cano: “Sono piacevolmente sorpreso dello stato di forma di Marcella in un periodo particolare della stagione per gli atleti italiani.  Oggi mi è piaciuto come ha interpretato la gara, sfruttando le traiettorie esterne, evitando i contatti con le avversarie. Una gara d'esperienza, che è la stessa che, da vera capitana, riesce a trasmettere alle compagne della staffetta”.
La medaglia più emozionante è stata quella d'argento conquistata dalle ragazze della staffetta torpedo, dietro alla Francia e davanti all'Olanda e soprattutto davanti alle tedesche, seste. Ester Viscardi e Marcella Prandi in acqua a nuotare, Marta Mozzanica e Giulia Levrero in spiaggia recuperare. “Hanno dimostrato tutte grande cuore e grande carattere – commenta Cano – e ciascuna ha dato il meglio di se stessa. Prandi con grande esperienza ha motivato le compagne; Viscardi è stata bravissima nel ritorno con le pinne; Mozzanica e Levrero sono state veloci nella fase di recupero. Un lavoro di squadra come piace a me che ha portato punti pesanti nelle casse dell'Italia”.
La medaglia dei ragazzi della staffetta torpedo, che non volevano essere da meno dello loro compagne, è stato un bronzo che vale oro. Giovanni Legnani, Federico Pinotti, Matteo Montesi e Marco Buccioni hanno chiuso al terzo posto dietro a Germania e Francia ma sono saliti sul podio e hanno limitato il passivo. “Una parata che vale un gol per parafrasare il calcio – conclude sorridente Antonello Cano – anche loro hanno fatto una gara eccezionale. Mi è piaciuta la capacità di reazione e la destrezza nel recuperare un errore che poteva rovinare la finale”. Utili per la squadra anche i punti guadagnati da Marcella Prandi, Nicola Ferrua e Marco Buccioni nelle finali della tavola e da Nicola Ferrua nella finale della canoa. Si sono ben comportate anche le staffette con la tavola: entrambe seste le coppie Prandi-Pidello e Ferrua-Buccioni.
Domani è in programma l'ultima giornata di gare nella Playa el Postiguet. Si comincia alle 9.00. Finali dalle 16.30, poi la cerimonia di chiusura e la festa degli atleti.

CAMPIONATI EUROPEI 2011
Il medagliere dell'Italia - piscina e mare
Oro - 10

200 superlifesaver Chiara Pidello 2'29”23
50 manichino Chiara Pidello 37”19
50 manichino Federico Pinotti 30”38
4x25 manichino M Italia 1'07”95 R.M.
(Buccioni, Montesi, Legnani, Pinotti)
100 misti Chiara Pidello 1'14"21
100 misti Federico Pinotti 1'00"88
100 manichino con pinne Marta Mozzanica 57"02
4x50 mista F Italia 1'44"41
(Prandi, Pidello, Ferraguti, Mozzanica)
4x50 mista M Italia 1'29"82
(Pinotti, Procaccia, Legnani, Montesi)
nuoto nel frangente Federico Pinotti

Argento - 3

200 superlifesaver Federica Ferraguti 2'30”89
100 misti Giovanni Legnani 1'01"88
staffetta torpedo F Italia
(Viscardi, Mozzanica, Prandi, Levrero)

Bronzo - 8

50 manichino Marcella Prandi 38”35
100 misti Ester Viscardi 1'17"83
100 manichino con pinne Giulia Levrero 59"16
100 manichino con pinne Nicola Ferrua 51"52
100 manichino pinne e torpedo Matteo Montesi 54"96
nuoto nel frangente Marcella Prandi
nuoto nel frangente Marco Buccioni
staffetta torpedo M Italia
(Legnani, Pinotti, Montesi, Buccioni)

Massimo Cicerchia
Nostro inviato