Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

FIN protagonista nel soccorso acquatico

Salvamento
images/joomlart/article/7221fd7b844defdadeec25344ab8edee.jpg

La Federazione Italiana Nuoto, specificamente per quanto attiene all'attività della Sezione Salvamento, ha stipulato dei protocolli d'intesa con la Marina Militare per la formazione e il rilascio di brevetti di Assistenti Bagnanti e Maestri di Salvamento del personale militare, con la Federazione Italiana Motonautica per la formazione e il rilascio dei brevetti di conduttore-soccorritore e istruttore di moto d'acqua dei tesserati, con la Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard per la formazione degli associati in materia di nuoto e salvamento acquatico. I protocolli d'intesa con la Marina Militare e la Federazione Italiana Sci Nautico e Wakeboard decorrono dal 1 gennaio 2014 al 31 dicembre 2016, quello con la Federazione Italiana Motonautica è di due anni e si intende tacitamente rinnovato fino al completamento del quadriennio olimpico.
“Questi accordi di collaborazione con la Marina Militare e le altre federazioni hanno tutti una rilevanza importante – commenta il presidente della Sezione Salvamento della FIN Vincenzo Vittorioso - In modo particolare quello con il Ministero della Marina ha un significato particolare, in quanto tutte le Accademie per Ufficiali e Sottufficiali applicheranno il protocollo del settore salvamento della Federazione Italiana Nuoto, che metterà a disposizione tutte le conoscenze acquisite per la sicurezza e la salvaguardia della vita in acqua”.
“La FIN Sezione Salvamento, nell’ambito del CONI, sta svolgendo un ruolo fondamentale per la messa in sicurezza delle attività sportive delle suddette Federazioni che si svolgono nell’abito acquatico - aggiunge il coordinatore dei settori SIT e Salvamento della FIN Sandro Rossi – fornendo loro il nostro background per quanto riguarda la cultura e la sicurezza in acqua”.