Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

"Per evitare un mare di guai" a Napoli

Salvamento
images/joomlart/article/a04547959d3a6c06d08fed1ddc8495ed.jpg

Napoli, per un giorno, sarà la capitale della sicurezza acquatica. Domenica alle 11, alla Rotonda Diaz, alla presenza del presidente Paolo Barelli, si terrà l'annuale esercitazione di soccorso con l'ausilio di pattini, unità cinofile, moto d'acqua, mezzi navali ed elicottero promossa dalla Federazione Italiana Nuoto, in collaborazione con il Comitato Regionale Campania, con la Capitaneria di Porto e Guardia Costiera di Napoli e con la Polizia di Stato, nell'ambito del progetto "Per evitare un mare di guai", giunto all’undicesima edizione.
L'evento nazionale, che promuove e diffonde la cultura e la sicurezza negli ambienti acquatici, è stato presentato al Circolo Canottieri Napoli. Ha introdotto i lavori il presidente del Comitato Regionale Campano della Federnuoto, Paolo Trapanese che ha sottolineato l'importanza della prevenzione e della sicurezza soprattutto con l'avvento della stagione estiva. "Presentiamo un'attività straordinaria, svolta da persone straordinarie, che spesso viene sottovalutata. Occorre la massima attenzione verso la sicurezza sia in mare, sia in piscina, sia in tutti gli specchi d'acqua. Qui si parla di una branca della Federnuoto, il salvamento didattico, non agonistico. Occorre che tutti sappiano come comportarsi per prevenire situazioni di pericolo: la nostra funzione educativa è sempre al servizio del cittadino e dei giovani, che devono rispettare le regole. Siamo sempre in prima linea, in collaborazione con le Forze dell'Ordine e degli organismi preposti, per mettere a disposizione la nostra esperienza al servizio della popolazione".
Peppe D’Angelo, responsabile del salvamento del Comitato Regionale Campano, è entrato nei dettagli dell’evento: "Non mancherà lo spettacolo con esibizioni di istruttori di salvamento della Campania, nonché della Polizia di Stato, oltre ad una simulazione di salvamento con elicottero. I comuni dovrebbero dotarsi sempre di un professionista per garantire una balneazione sicura, invece spesso si affida all'avviso pubblico del cartello di divieto il compito di prevenire. Occorre l'adeguata professionalità che le strutture federali possono garantire”.
Luca Piscopo, consigliere della Fin della Campania, ha invece illustrato la parte agonistica della manifestazione: "Ci sarà una gara in acque libere di 200 e 400 metri e a seguire il primo campionato di sprint con atleti nazionali. Sarà una giornata dedicata al mare con i bambini che saranno assistiti da personale specializzato. Alle 12.30, in chiusura di manifestazione, si svolgerà Il Trofeo Goldi Caracciolo in acque libere sul miglio marino. Lo spettacolo sarà assicurato".

Segue il programma della manifestazione


11:00 presentazione Unità di Soccorso
11:05 saluto del presidente Barelli
11:10 esercitazione di soccorso con moto d'acqua
11:20 esercitazione di soccorso con pattino
11:30 esercitazione di soccorso con unità cinofila
11:45 esibizione di nuoto per salvamento in mare con tavola e torpedo
12:00 gara in acque libere, settore propaganda "Piccoli Delfini", distanza 400 metri
12:15 esibizione di recupero con intervento dell'elicottero con supporto della Squadra dei Sommozzatori della Polizia di Stato e Navale
12:30 gara in acque libere "Trofeo golfo di Caracciolo", distanza un miglio marino