Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali 2016. Italjunior campione in piscina

Salvamento
images/joomlart/article/ce9c631c4113b6cc58471163e6c3de81.jpg

Diciotto medaglie! E' super il bottino della National Youth azzurra ai mondiali di salvamento a Eindhoven. Con le nove di oggi raddoppia il medagliere (8 d'oro, 2 d'argento, 7 di bronzo). A queste aggiunge un record europeo e un record mondiale con le staffette miste.
L'Italia vince il mondiale in piscina ed è terza nella classifica per Nazioni generale e prima delle europee con 528 punti. Battuta anche la Francia, quarta con 506 punti. Prima è l'Australia con 906 e seconda la Nuova Zelanda con 725. "E quello che volevamo - commenta il tecnico responsabile dell'Italjunior Gianni Anselmetti - Essere primi delle europee e provare a stare d'avanti all'Austrlalia nelle gare in piscina. Abbiamo vinto in piscina e siamo terzi nel ranking generale. Siamo molto soddisfatti. Potevamo fare anche meglio nel punteggio, senza qualche finale regalata, ma a questi ragazzi non posso rimproverare nulla. Sono stati tutti bravissimi, hanno dato il massimo, si sono sempre impegnati negli allenamenti e dalla prima all'ultima gara del mondiale. Anche in quelle al mare, dove sapevamo di partite un po' indietro rispetto alle altre".  
Pronti, via e l'Italia piazza subito la doppietta. Gianluca Fontana vince i 100 manichino con pinne con 47"64 e Lorenzo Mattei conquista la medaglia di bronzo con 48"36. Nel mezzo, con la medaglia d'argento, c'è lo spagnolo German Silvestre con 47"92. Sorridono e si abbracciano i due azzurri, appoggiati al blocco della corsia 4, ripensando alla gara. "Non abbiamo fatto i nostri personali - dicono in coro - ma in questa vasca, profonda tre metri, i tempi hanno molto più valore di quello che sembra. La profondità da una parte ti aiuta nella subacquea e dall'altra ti penalizza nella raccolta del manichino". Fontana è il primatista italiano della distanza con 47"41 (Torrevieja, in Spagna, nel 2015) e Mattei ha un primato personale di 47" e mezzo.
La seconda medaglia d'oro della giornata arriva con le ragazze della 4x25 manichino Martina Repetto, Serena Nigris, Greta Pezziardi e Valeria Cappelletti che vincono con 1'28"79 e battono le polacche 1'29"24 e le australiane 1'29"59. Anche i ragazzi della staffetta manichino Alessandro Pinzuti, Giovanni Fontana, Edoardo Pirola e Lorenzo Mattei con 1'13"36 sarebbero saliti sul podio (terzi) ma sono squalificati per un cambio irregolare. Vince la Polonia con 1'10"35, a 37 centesimi dal record mondiale di categoria della Germania (1'09"98 del 20 settembre 2014 a Montpellier), seconda la Germania con 1'11"02 e terza la Spagna che con 1'14"22 guadagna l'insperata medaglia di bronzo a discapito dell'Italia. 
Il terzo e quarto sigillo d'oro sulla seconda giornata allo stadio del nuoto intitolato a "Pieter van den Hoogenband" li metteno il capitano della squadra Nazionale giovanile Greta Pezziardi con 2'32"36 e Cristian Barbati con 2'13"80 nei 200 super lifesaver. Greta Pezziardi conduce la gara dall'inzio; prima ai 50 metri 30"74 e ai 100 1'16"39, è seconda soltanto al tocco dei 150 con 1'52"86 dietro alla francese Margot Lacan, poi la riprende subito e la supera ai 175 metri; la francese non riesce più a starle dietro e chiude seconda in 2'35"01. Cristian Barbati, primatista italiano della categoria con il 2'11"58 stabilito a Roma il 2 luglio scorso, chiude con mezza vasca di vantaggio sul neozelandese Lewis Clareburt (2'16"29) e sul francese Louis Sam (2'16"63).  
Nei 50 manichino con pinne medaglie di bronzo per Serena Nigris con 37"60 (primatista europea con 35"86 il 2 luglio scorso ai campionati nazionali di Roma) e Alessandro Pinzuti con 32"23.
Chiusura da brividi! Prima il record europeo youth della staffetta mista femminile. Serena Nigris, Martina Repetto, Bruna Pesole e Valeria Cappelletti sono seconde e d'argento con 1'54"36 alle spalle delle australiane - che stravincono con 1'43"35, a un decimo dal record del mondo - e cancellano il precedente primato continentale di 1'46"54 che già apparteneva all'Italia dal 7 settembre 2013 a Riccione. Poi il record del mondo youth della staffetta mista maschile. Alessandro Pinzuti, Gianluca Fontana, Brian Clocchiatti e Lorenzo Mattei - che al mattino avevano mancato di un centesimo il record europeo - si rifanno con gli interessi nel pomeriggio e con 1'32"46 sono i nuovi campioni e primatisti mondiali. Il precedente era di 1'32"87 e apparteneva all'Australia dal 21 settembre del 2014 a Monpellier. Alle spalle degli azzurrini c'è la Spagna con 1'32"88, un centesimo sopra al vecchio record; terza la Germania con 1'32"89.  


Così gli azzurrini nelle finali


100 manichino con pinne F Finale A
1. Samantha Howe (AUS) 55"50
4. Martina Repetto 56"84
5. Valeria Cappelletti 57"82

100 manichino con pinne Finale A
1. Gianluca Fontana 47"64
3. Lorenzo Mattei 48"36


50 trasporto manichino F Finale A
1. Samantha Howe (AUS) 36"91
3. Serena Nigris 37"60
6. Greta Pezziardi 38"79


50 trasporto manichino M Finale A
3. Alessandro Pinzuti 32"23

50 trasporto manichino M Finale B
5. Lorenzo Mattei 34"85


4x25 manichino F Finale A
1. Italia 1'28"79
Martina Repetto, Serena Nigris, Greta Pezziardi, Valeria Cappelletti


4x25 manichino M Finale A
1. Polonia 1'10"35
3. Italia 1'13"36
Alessandro Pinzuti, Giovanni Fontana, Edoardo Pirola, Lorenzo Mattei
 
200 super lifesaver F Finale A
1. Greta Pezziardi 2'32"36 


200 super lifesaver M Finale A
1. Cristian Barbati 2'13"80

200 super lifesaver F Finale B
1. Edoardo Pirola 2'20"58 


4x50 mista F Finale A
1. Australia 1'43"35
2. Italia 1'45"36 REY
Serena Nigris, Martina Repetto, Bruna Pesole, Valeria Cappelletti
precedente dell'Italia 1'46"54 del 7/9/2013 a Riccione
 
4x50 mista M Finale A
1. Italia 1'32"46 RMY
Alessandro Pinzuti, Gianluca Fontana, Brian Clocchiatti, Lorenzo Mattei
precedente 1'32"87 dell'Australia del 21/9/2014 a Monpellier

LE MEDAGLIE DEGLI AZZURRINI

ORO - 9
200 ostacoli Serena Nigris 2'10"26 REY
4x50 ostacoli F Italia 1'55"82 REY
Bruna Pesole, Martina Repetto, Greta Pezziardi e Serena Nigris
100 pinne e torpedo Valeria Cappelletti 59"97 RMY
100 pinne e torpedo Gianluca Fontana 53"71
100 manichino con pinne Gianluca Fontana 47"64
4x25 manichino F Italia 1'28"79
Martina Repetto, Serena Nigris, Greta Pezziardi, Sara Palmisano
200 super lifesaver Greta Pezziardi 2'32"36
200 super lifesaver Cristian Barbati 2'13"80
4x50 mista M Italia 1'32"46 RMY
Alessandro Pinzuti, Gianluca Fontana, Brian Clocchiatti, Lorenzo Mattei


ARGENTO - 2
100 pinne e torpedo Lorenzo Mattei 54"61
4x50 mista F Italia 1'45"36 REY
Serena Nigris, Martina Repetto, Bruna Pesole, Valeria Cappelletti


BRONZO - 7
4x50 ostacoli M Italia 1'44"40
Alessandro Pinzuti, Cristrian Barbati, Brian Clocchiatti e Gianluca Fontana
Lancio della corda Italia (Cristian Barbati-Brian Clocchiatti) 13"18
100 percorso misto Serena Nigris 1'15"16
100 pinne e torpedo Sara Palmisano 1'02"07
100 manichino con pinne Lorenzo Mattei 48"36
50 trasporto manichino Serena Nigris 37"60
50 trasporto manichino Alessandro Pinzuti 32"23

ITALIA QUINTA NEL MONDIALE NATIONAL TEAM. L'Italia dei grandi, che oggi ha concluso le prove oceaniche a Noordwijk, chiude al quinto posto la classifica generale del mondiale per i National Team con 461 punti. Gli azzurri sono terzi tra le squadre europee. Vince la Nuova Zelanda con 881, seguono l'Australia con 792, la Francia con 599 e la Germania con 485. Nelle gare in piscina (disputate il 7 e 8 settembre) l'Italia è al secondo posto (10 medaglie) e nel medagliere generale è quarta con 11 medaglie (5 ori, un argento, 5 bronzi), di cui 10 conquistate in piscina e una in mare con Daniele Sanna, terzo nel nuoto nel frangente.   

Risultati completi