Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Maratona Capri-Napoli Prima Romiti, terzo Gargaro

News Fondo precedenti
images/joomlart/article/11a94b9235cca0d8328d3be379f6dfeb.jpg

Successo storico che segue quello della caprese Anna Mazzola colto nel 1957. Determinante la rotta verso Capo Miseno. Azzurra al traguardo in 7h40'41": "Nuotare quattro ore da sola è durissimo, che soddisfazione!"

NAPOLI
La festa del fondo italiano. Può essere sintetizzata così la quinta edizione della Maratona del Golfo Capri-Napoli, terza tappa della Coppa del Mondo.
La soddisfazione più grande arriva in ambito femminile, con Alessandra Romiti che vince il trofeo Donna Loka. La 25enne di Anagni ha vinto in 7h40’41” con un tattica sorprendente: dopo tre ore e mezza dal via, Romiti ha deciso di fare rotta verso Capo Miseno, mentre le avversarie - a cominciare dalla spagnola Esthet Nunez, poi seconda con un ritardo di 8’24” - hanno scelto quella più tradizionale. Si tratta di un successo storico: un'atleta italiana non si imponeva nella Capri-Napoli esattamente da 50 anni, da quando a vincere fu la caprese Anna Mazzola, madrina dell'edizione 2007 della Maratona del Golfo e questa mattina presente alla partenza al lido Le Ondine di Capri. "Sarei contenta che un'italiana riuscisse a portare a casa la vittoria" aveva detto Mazzola prima del via: un auspicio che si è trasformato in realtà.
Entusiasta Alessandra Romiti: "E’ una vittoria inaspettata. All'inizio ho affrontato la gara come se fosse un gioco, poi ho capito che 36 chilometri di nuoto non sono uno scherzo. Dopo tre ore e mezza sono andata verso Capo Miseno, le altre invece hanno proseguito diritto. Ho avuto ragione. Nuotare quattro ore da sola è durissimo, devi essere forte di testa. Dedico questa mia vittoria a mio padre Roberto, che mi ha seguito a Napoli, e a mia sorella Francesca che mi ha subito telefonato".
Tra gli uomini successo al fotofinish per il tedesco Alexander Studzinski, capace di toccare prima dell'argentino Damian Blaum, leader di Coppa del Mondo. Per entrambi stesso tempo finale: 7h04’19”. Il podio si completa con Claudio Gargaro: anche il 35enne romano, come Alessandra Romiti, a metà gara ha scelto di dirigersi verso Capo Miseno. Quarto l'argentino Perez, quinto Rodolfo Valenti: "Una bella soddisfazione - afferma Gargaro - che arriva a 35 anni. Un'età importante, nella piena maturazione. Sono soddisfattissimo".
Contento anche il responsabile del comitato organizzatore, Luciano Cotena, di "Eventualmente-Eventi e comunicazione": "Il tanto pubblico presente alla partenza di Capri e all'arrivo di via Caracciolo è il miglior premio ai tanti sforzi organizzativi affrontati. La gente ci ha tributato un riscontro che ci ripaga dei sacrifici sostenuti negli ultimi mesi".
Presenti all’arrivo, tra gli altri, il Presidente del Comitato regionale della FIN, Filippo Calvino, l'assessore allo Sport del Comune di Napoli, Alfredo Ponticelli; l'assessore allo Sport della Provincia di Napoli, Maria Falbo; l'assessore all'Ecologia del Comune di Napoli, Rino Nasti.
    
risultati completi sul sito ufficiale
 
si ringrazia l'Ufficio Stampa della Maratona del Golfo Capri-Napoli, Aniello Sammarco