Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Campionati Indoor Acqua Azzurra

News Fondo precedenti
images/joomlart/article/0f06feb16de97eda30e6e56c4572beb5.jpg

Nei 5000 in piscina vincono Grimaldi con 57'07" e Ruffini con 52'33"43. La vicecampionessa del mondo dei 10 km dedica il titolo a Orsi. Tra gli junior successi di Gabbrielleschi e Fabbroni. L'analisi del vice CT Fusco

RICCIONE
Cento vasche in meno di un'ora. La prima giornata dei campionati indoor di fondo, alla comunale di Riccione, era dedicata ai 5000 metri. “Si tratta di una gara che esprime il livello di soglia anaerobica che ha raggiunto l'atleta, come un test di campo, e aiuta a costruire le andature future”. Il vice CT della Nazionale Valerio Fusco  sottolinea l'importanza dei campionati in piscina. “Questa gara ti da già un'idea fisiologica”. Fusco è a Riccione a seguire le gare insieme al CT Massimo Giuliani e al tecnico responsabile della Nazionale giovanile Roberto Marinelli. Da bordo piscina analizza le prove dei singoli atleti.
Per Giulia Gabbrielleschi (Nuotatori Pistoiesi) e Andrea Fabbroni (CC Aniene) che hanno vinto i 5000 metri juniores, rispettivamente in 59'28”17 e 54'16”02, ha subito parole di elogio. “Sono due ragazzi che hanno fatto molto bene anche agli assoluti – dice Fusco – e sono pronti per le acque libere”. Gabbrielleschi ai tricolori di nuoto che si sono appena conclusi è stata sesta nei 1500 e nona negli 800; Fabbroni terzo e medaglia di bronzo nei 1500 e sesto negli 800. “Giulia ha già avuto un'esperienza internazionale vincendo la Coppa Comen. Andrea è un '95 molto interessante”.
Ma non sono stati soltanto loro due a piacere allo staff tecnico. “Un altro atleta da tenere d'occhio è Federico Brumana, che si è classificato secondo, che ha già fatto gare in acque libere, ma diciamo che i primi quattro della gara maschile sono tutti in odore di Nazionale giovanile. Nella prova femminile in quattro hanno nuotato sotto un'ora e un minuto, con Alisia Tettamanzi che è al primo anno juniores, Francesca Scalercio che ha già disputato gare in acque libere e Alessandra Pennacchini. Con questo non voglio entrare nel campo di Marinelli che li segue tutto l'anno molto più da vicino e che è il responsabile della squadra giovanile”.
I cinquemila assoluti li hanno vinti Martina Grimaldi (Fiamme Oro Napoli/Uisp Bologna) con 57'07”00 e Simone Ruffini (Esercito/Pesaro Nuoto) con 52'33”43. La vice campionessa mondiale dei 10 chilometri, che ha dedicato questo titolo al compagno di squadra Marco Orsi che è stato ricoverato in ospedale per accertamenti per un affaticamento respiratorio al termine delle gare degli Assoluti di nuoto, già proiettata verso Londra 2012, ha nuotato spalla a spalla con l'altra azzurra Rachele Bruni (Esercito/Forum SC) fino ai 4000 metri. Quindi ha allungato aumentando la frequenza delle bracciate.  “Tempi, il suo e quello delle altre, che rientrano nella norma – spiega Valerio Fusco - considerando che molte di loro hanno sostenuto già altre gare e alcune stanno lavorando per altri obiettivi. La Grimaldi, per esempio, non ha finalizzato per Riccione, che rimane un ottimo test valutativo, ma continua ad allenarsi per le Olimpiadi. Brava la Bruni, che ha nuotato molto bene per 4000 metri e interessante Aurora Ponselè, terza, che è una ragazza da cominciare a tenere in considerazione”.
“Nella gara maschile – prosegue il tecnico azzurro – Ruffini è partito molto forte per poi stabilizzarsi e ha dato un bella prova di forza.  Federico Vanelli, secondo, si è mantenuto sui suoi livelli; è già stato in Nazionale, agli ultimi Europei quando abbiamo allargato la squadra per consentire anche ai più giovani di fare esperienza e si deve formare come atleta di acque libere. Per Simone Ercoli, terzo, fare una gara così a 33 anni è una dimostrazione di valenza. Lui ha una grande esperienza nella lunga distanza e riesce ad utilizzarla bene”.      
Le selezioni per gli Europei juniores (13-15 luglio in Turchia) avverranno durante i campionati italiani estivi. Insieme a quelle per gli Europei assoluti di settembre a Piombino.
La Nazionale maggiore sarà in collegiale in Sud Africa (a 1700 metri di altezza) dal 19 marzo al 12 aprile per cercare il miglioramento della capacità aerobica e a maggio si radunerà in Sicilia per costruire le gare con serie particolari di lavoro. Il prossimo collegiale della Nazionale giovanile, il secondo della stagione (il primo si è svolto a dicembre tra Roma e Alba) è in programma tra la fine di aprile e l'inizio di maggio.
Domani la seconda ed ultima giornata di fondo in piscina: inizio alle 8.30 con i 3000 metri ragazze e ragazzi.
 
Risultati




Massimo Cicerchia
Nostro Inviato