Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Piombino Bolzonello, bronzo di razza

News Fondo precedenti
images/joomlart/article/88db9542320ff21a8aa75e9f295e3feb.jpg

Nicola è terzo nella 10 km che apre la rassegna continentale nonostante la perdita del transponder e di un rifornimento. Oro a Abrosimov, argento a Waschburger. Furlan 8°, Ruffini 11°

PIOMBINO
"Sognavo l'oro, ma per come è andata la gara sono soddisfattissimo". Le parole di Nicola Bolzonello sono il sunto dei suoi 10 chilometri, gara d'apertura dei campionati europei di Piombino, culminati con una splendida medaglia di bronzo. Una gara da cavallo di razza, che non si ferma davanti alle difficoltà ma reagisce ed ottiene il massimo. Un bronzo in 1'57'54"0 alle spalle del russo Abrosimov (1'57'46"8) e del tedesco Waschburger (1'57'48"2), con gli altri azzurri Furlan e Ruffini rispettivamente ottavo e undicesimo (1'57'59"1 e 1'58'00"0). Alla fine del primo giro Bolzonello perde il transponder, è costretto a fermarsi per rimetterlo. Uno dei due rifornimenti nel costume si svuota durante la gara. Circostanze che avrebbero potuto metterlo fuori gioco. E invece arriva il primo podio per l'Italia. Una medaglia pregna dei sacrifici, delle difficoltà e di qualche delusione che hanno caratterizzato gli ultimi anni della sua carriera. Il primo abbraccio è con mamma Danila. "E' qui insieme con mio padre Adriano. Mi seguono sempre, anche con mio fratello Nathan. La medaglia la dedico a me stesso, alla mia famiglia e a tutti quelli che mi sono stati vicini". Poi i complimenti del sindaco Anselmi. "Bravo campione"!
 
Ad accogliere gli atleti un mare agitato e ingrossato da vento di scirocco che alzava le onde, temperatura di 24°. Un ritorno alle vere origini del nuoto in acque libere, lontano dai bacini chiusi e dai laghi e dalle acque dolci. Il russo Kirill Abrosimov, poi oro, conduce fin dal secondo giro, con lui ci sono tutti gli azzurri. Proprio Bolzonello perde il passo per l'inconveniente con il transponder; al primo giro è undicesimo con Furlan secondo e Ruffini terzo. L'azzurro non si perde d'animo e inizia la sua rimonta: nono al secondo giro (Ruffini secondo, Furlan terzo), ottavo al terzo (Furlan nono, Ruffini undicesimo) ed è già terzo negli ultimi 550 metri. Il tempo perso nelle piccole vicissitudini gli negano la possibilità di sprintare per l'oro, ma la gioia per la medaglia è incontenibile.
 
"E' stata una gara molto dura - ha detto - c'erano tante onde, poi ho avuto il problema del transponder più quello del rifornimento vuoto. Ho perso tempo, ma ho mantenuto la concentrazione. E' la mia prima medaglia internazionale, una rivincita personale dopo la delusione della mancata qualifica alle Olimpiadi. Sinceramente sognavo la vittoria, ma per come si era messa va benissimo così. Ci ho sempre creduto, anche nei momenti di difficoltà. Sono contentissimo".
 
"E' stata una gara bellissima! Nicola meritava questa medaglia da tempo - sorride il Ct Massimo Giuliani - Nell'ultimo collegiale nuotava anche 22 chilometri al giorno. La tattica è stata perfetta. Ha avuto due disavventure che è riuscito a superare con carattere e forza di volontà da grande campione. Il decimo posto dell'argento olimpico Lurz la dice lunga sulla difficoltà della gara di oggi. L'ingresso di  Nicola nel rettilineo finale è stato ottimo. Complimenti a lui, è stato davvero bravo, ma complimenti anche a Matteo Furlan che era all'esordio e Simone Ruffini sul quale puntiamo molto per la 25 chilometri di domenica".
 
"Credo di aver perso 10 anni di vita - scherza ma forse non troppo il suo allenatore Branislav Dinic - è una grande emozione, frutto del lavoro suo ma anche di tutto lo staff tecnico. Sono davvero soddisfatto".
 
Coppa Len. L'ottavo posto di Matteo Furlan il bronzo nella quarta e ultima tappa di Coppa Len. L'azzurro, già terzo a Hoorn, chiude alle spalle dell'olandese Ferry Weertman (1h57'56"3) e del tedesco Christian Reichter (1h57'57"8). "E' stata molto più dura rispetto alla tappa del 4 agosto in Olanda - ha detto - ho subito diversi colpi. Ho sofferto il mare mosso e le correnti contrarie. All'inizio ho provato a rimanere davanti e alla fine sono riuscito ad essere nel gruppo dei 10 di testa, in linea con gli obiettivi. Nel rush ho patito la stanchezza, ma sono soddisfatto". L'altro azzurro impegnato nella Coppa Len, Mario Sanzullo, chiude sesto in 1h59'56"0.
 
Gli azzurri in gara
  
Nicola Bolzonello, 25enne di Montebelluna, tesserato per Carabinieri e Montebelluna Nuoto e allenato da Bane Dinic, quinto nella distanza a Budapest 2010 e quarto a Shanghai 2011 nel team event e nella 5 chilometri.
 
Matteo Furlan, 23 anni di San Vito al Tagliamento, tesserato per Plain Team Veneto e allenato da Moreno Daga, terzo in Coppa Len a Hoorn.
 
Simone Ruffini, 22enne di Tolentino, tesserato per Esercito e Pesaro Nuoto e allenato da Marco Forni, un argento e un bronzo a Busapest 2010. 
 
Alle 13.30 la 10 km femminile. La campionessa europea, vice campionessa del mondo e bronzo olimpico a Londra 2012 Martina Grimaldi più Alice Franco e Giorgia Consiglio rappresenteranno l'Italia nella distanza olimpica femminile (diretta Raisport1 dalle 13.25).
 
I risultati completi
 
Il sito di Piombino 2012 





Massimo Cicerchia e Fabio Larosa
Nostri Inviati