Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. Bruni quinta nella 5 chilometri

Fondo
images/joomlart/article/5244bb8ff037e773bd6296f23ef78fbb.jpg

Se la 5 chilometri a cronometro si nuota in un bacino piatto e privo di incisivi agenti atmosferici, con la visibilità pulita ed un percorso privo di numerose boe, è difficile che a vincere non siano gli atleti potenzialmente più veloci.
Così Rachele Bruni - seconda alla partenza - tocca il traguardo in 58'56"3 (2500 in 29'43"1) e, prima di passare in zona mista, attende l'arrivo delle avversarie auspicando una medaglia europea che non arriverà al "Regattastrecke Grünau".
Passa la tedesca Isabelle Harle, unica sotto i 58 minuti in 57'55"7 e campionessa mondiale in carica col team event. Poi tocca all'olimpionica ungherese Eva Risztov - plurimedagliata mondiale ed europea nei 400 misti, 200 farfalla e 400, 800 e 1500 stle libero - che sarà quarta in 58'48"7. Quindi le sfila davanti la spagnola Mireia Belmonte Garcia - plurimedagliata olimpica, mondiale ed europea tra 800 stile libero, 200 e 400 misti e 200 farfalla - che sarà di bronzo in 58'41"4.
Rachele Bruni (Esercito / Forum SC) neanche si accorge che diventerà quinta perché l'argento va all'olandese Sharon Van Rouwendaal in 58'29"9, già d'oro nella 10 chilometri, allenata da Philippe Lucas e bronzo nei 200 dorso ai campionati mondiali di Shanghai nel 2011.
Non le importa. La medaglia non c'è. Resta la consapevolezza di aver disputato una buona gara, "di aver dato tutto il possibile", di "aver seguito la rotta migliore e nuotato in progressione". Le è mancata la velocità di base, ma non la determinazione né l'allenamento. "Non cerco scuse; la dieci chilometri di mercoledì (sesta, ndr) non mi ha condizionata - continua miss Europa, vincitrice di 6 medaglie d'oro e due di bronzo - Ce l'ho messa tutta, ero preparata bene ma non è bastato; vorrà dire che il prossimo anno sarò ancora più cattiva in allenamento. Ho nuotato alla pari con le più forti, ma sono rimasta senza podio e ai campionati mondiali desidero essere ancora più competitiva. Ormai per salire sul podioè necessario superare i limiti personali e per noi un po' più esperti è incentivante lavorare con un gruppo giovane e ambizioso come quello della Nazionale".
Lontane dalle posizioni che contano Isabella Sinisi (CC Aniene) e Giorgia Consiglio (Esercito / CC Aniene), rispettivamente dodicesima in 1h00'48"9 e diciassettesima 1h01'52"0. La 20enne di Terlizzi era all'esordio eppure dimostra di avere già una personalità di spicco: "Ho sbagliato rotta nella prima parte di gara e commesso altri errori tattici. La velocità c'era, ma non posso essere soddisfatta malgrado sia la mia prima gara europea".
Diverso l'approccio di Giorgia Consiglio, che sta tornando gradualmente ad alti livelli dopo l'attacco di panico che l'ha colpita durante la dieci chilometri dei campionati mondiali di Shanghai, nel 2011. Già d'argento nel 2010 nella 5 e 10 chilometri ai campionati mondiali di specialità di Roberval e ai campionati europei al lago Balaton vicino Budapest, la 24enne genovese sta vincendo la sfida con se stessa. "Avevo deciso di ritirarmi; poi è arrivata la chiamata dell'Esercito. Mi sono fatta un esame di coscienza e ho deciso di riprendere a nuotare e vincere le mie paure. Sono stata affiancata da uno psicologo e da un nutrizionista e pian piano sto recuperando fiducia. Il timore è che venga nuovamente assalita dal panico, ma saprei come affrontarlo e so che non ricapiterà. L'obiettivo è tornare competitiva per i campionati mondiali di Kazan del prossimo anno".
Ferragosto di pausa. Si torna in gara per il team event sabato alle 10. L'Italia è campione in carica e schiererà Simone Ercoli, Federico Vanelli e Aurora Ponselè. " I risultati dei primi due giorni suggeriscono attenzione - spiega il cittì Massimo Giuliani - Germania, Ungheria e Olanda sono molto pericolose e non bisogna sottovalutare la Grecia. Sarà una gara aperta con quattro-cinque squadre a giocarsi le medaglie".

Risultati 5 Km a cronometro fem.
1. Isabelle Harle (Ger) 57'55"7
2. Sharon Van Rouwendaal (Ned) 58'29"9
3. Mireia Belmonte Garcia (Esp) 58'41"4
5. Rachele Bruni (Ita) 58'56"3
12. Isabella Sinisi (Ita) 1h00'48"9
17. Giorgia Consiglio (Ita) 1h01'52"0


consulta i risultati ufficiali


foto Andrea Staccioli / deepbluemedia.eu