Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Capri-Napoli. 36 chilometri di storia

Fondo
images/joomlart/article/5637ce24b3366f52cd2b54a1ab8ba61a.jpg

La sfida nella sfida. Domenica 7 settembre alle 9.30 il via alla quarantanovesima edizione della Capri-Napoli trofeo Bcc Napoli, tappa conclusiva di Coppa del Mondo di nuoto in acque libere per le distanze uguali o superiori ai 15 chilometri. Oggi c'è stata la presentazione alla stampa nella sala giunta del Comune di Napoli alla presenza dell’assessore alla comunicazione e marketing del Comune di Napoli, Monia Aliberti; del consigliere delegato alla sport della Regione Campania, Luciano Schifone; del delegato del Coni Napoli, Sergio Roncelli; del presidente regionale FIN, Paolo Trapanese; del presidente della Banca di Credito Cooperativo, Amedeo Manzo; del presidente del Circolo Canottieri Napoli, Edoardo Sabbatino; del presidente del comitato organizzatore, Luciano Cotena; del testimonial non sportivo, Lino D’Angiò; del vice CT della Nazionale di nuoto in acque libere, Valerio Fusco, insieme ad alcuni atleti delle Fiamme Oro Napoli.
Domenica mattina nelle acque antistanti il rinnovato lido Le Ondine di Capri scenderanno trenta nuotatori, venti uomini e dieci donne, in rappresentanza di 17 nazioni. La partenza sarà data dal sindaco di Capri De Martino. L'arrivo a poche decine di metri dalla piattaforma del Circolo Canottieri Napoli. Il precorso è di 36 chilometri. Molti fra i migliori nuotatori al mondo hanno confermato la loro partecipazione. Tra gli uomini il francese Joanes Hedel, che guida la classifica generale con un punto di vantaggio sul macedone Tomi Stefanovski e sei sul canadese Xavier Desharnais. In gara anche il quarto e il quinto di coppa, il macedone Evgenij Pop Acev e l’argentino Damian Blaum, unico nel lotto dei pretendenti alla vittoria finale ad avere già vinto la Capri-Napoli (nel 2010). Il belga Brian Ryckeman, vincitore lo scorso anno con il tempo record di 6.13.55.
Gli azzurri sono capitanati dalla recente medaglia di bronzo agli Europei di Berlino, Edoardo Stochino, e da Simone Ercoli (sesto nella classifica generale di Coppa). I due atleti delle Fiamme Oro Napoli e della Nazionale puntano alla vittoria, che per i nostri colori manca dal 1970, quando vinse Giulio Travaglio.
Tra le donne in lizza per la Coppa del Mondo la ceca Silvie Rybarova e l’argentina Pilar Geijo (trionfatrice alla Capri-Napoli nel 2011): le due nuotatrici sono distanziate di quattro punti. In acqua anche la spagnola Ester Nunez, la forte brasiliana Ana Marcela Chuna e le italiane Fabiana Lamberti e Elena Lionello.
Accanto ai trofei Banca di Credito Cooperativo in palio per i vincitori della gara e quelli riservati ai trionfatori di Coppa del Mondo, domenica verranno assegnati anche i riconoscimenti al migliore under 25 - trofeo Filippo Calvino, in memoria del compianto presidente regionale del comitato regionale della FIN e quello per il miglior gesto atletico  - trofeo Cag Chemical.
La gara - patrocinata dalla Presidenza della Repubblica, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dalla Regione Campania, dai Comuni di Napoli e Capri - sarà trasmessa in diretta streaming sul sito web ufficiale www.caprinapoli.com 
Tanti gli eventi collaterali. Venerdì 5 settembre i nuotatori saranno a Capri per la presentazione ufficiale sull’isola. Sabato a Baia è in programma la gara sprint sulla distanza di un chilometro. Domenica 7 settembre, insieme ai nuotatori, compiranno la traversata una ventina di atleti della federazione Canottaggio. Alla partenza e all’arrivo in acqua ci sarà anche Karina Fassi, ragazza argentina affetta da spina bifida, che è riuscita grazie al nuoto ad avere benefici e a migliorare le proprie condizioni di vita. Il suo sogno era di poter essere protagonista della Capri-Napoli.

Si ringrazia Aniello Sammarco
(Ufficio Stampa Capri Napoli)

Vai al sito FINA