Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Capri Napoli. Vincono Khudyakov e Cunha

Fondo
images/joomlart/article/b2194fcbb9bc874d1e0b93e99bdb2c1c.jpg

Traversata da record. La quarantanovesima edizione della Capri-Napoli trofeo Bcc Napoli si chiude con i successi del kazako Vitaly Khudyakov tra gli uomini e la brasiliana Ana Marcela Cunha tra le donne. Due trionfi segnati anche dalla migliore prestazione assoluta di sempre per entrambi: Khudyakov ha fermato il cronometro sul tempo di 6.11.27 battendo il primato segnato lo scorso anno da Bryan Ryckeman (stavolta costretto al ritiro); Cunha ha invece percorso i 36 km che dividono Capri da Napoli in 6.24.47 (facendo meglio di quasi 7’ rispetto al tempo segnato nel 2013 da Martina Grimaldi). A completare il podio in campo maschile il macedone Evgenij Pop Acev e il francese Joanes Hedel, che con questo piazzamento si è aggiudicato invece la classifica finale di Coppa del Mondo. Tra le donne seconda l’argentina Pilar Geijo (che ha così vinto il World gran prix Fina) e terza la spagnola Esther Nunez. Fuori dal podio gli azzurri: quinto Edoardo Stochino e sesta Fabiana Lamberti. Ritirato Simone Ercoli per sopraggiunte noie fisiche quando ancora era in corsa per un buon piazzamento. Entusiasta al termine della gara Khudyakov: “Questo risultato - ha detto - lo devo dividere con il mio allenatore, che ha curato con me la preparazione per questa gara straordinaria. Ho scelto una rotta diversa dagli altri e alla fine questa decisione è stata premiata”. Proprio la convinzione di puntare verso la penisola sorrentina ha permesso al kazako di fare il vuoto rispetto al resto dei favoriti (che invece hanno puntato dritto verso Napoli), permettendo di accumulare un vantaggio che poi non è stato più colmato. Gara in solitario anche per Ana Marcela Cunha, che ha immediatamente fatto il vuoto riuscendo per un buon tratto a nuotare con il gruppo degli uomini che inseguiva Khudyakov. “Ho vinto alla prima partecipazione alla Capri-Napoli - ha detto la brasiliana subito dopo avere tagliato il traguardo - e alla seconda gara 'lunga' del Gran prix”. Cunha ha gareggiato con una calottina commemorativa con l’effige di Ayrton Senna a venti anni dalla scomparsa del pilota carioca: “Quando Ayrton è morto - ha sostenuto - avevo solo due anni, ma per me è importante ricordarlo perché molti ideali per i quali si è battuto sono poi diventati realtà per noi brasiliani”. Molto soddisfatto al termine della prova al circolo Canottieri Napoli il presidente del comitato organizzatore, Luciano Cotena, già mentalmente proiettato all'anno prossimo, quando si celebrerà la cinquantesima edizione: “Ora godiamoci un po’ di riposo, poi ci metteremo all’opera insieme a sponsor, enti e istituzioni che ci hanno dichiarato sin da oggi la loro vicinanza. Siamo certi che la Capri-Napoli del 2015 riserverà ad appassionati e sportivi tante soddisfazioni”.

ORDINE DI ARRIVO

UOMINI 1) Vitaly Khudyakov (Kaz) 6.11.27
2) Evgenij Pop Acev (Mac) 6.12.39
3) Joanes Hedel (Fra) 6.12.45
4) Damian Blaum (Arg) 6.12.55
5) Edoardo Stochino (Ita) 6.13.25

DONNE
1) Ana Marcela Cunha (Bra) 6.24.47
2) Pilar Geijo (Arg) 6.34.31
3) Esther Nunez (Spa) 6.36.59
6) Fabiana Lamberti (Ita) 6.55.45

Capri-Napoli podio femminile

Si ringrazia per la collaborazione
Aniello Sammarco
Ufficio Stampa Capri-Napoli