instagram

Azzurri in Egitto tra piscina e mare

Fondo
images/foto_2023/large/large/index.jpg

Nuotare sulle rive del Mar Rosso nella culla della civiltà. Si ritiene infatti che gli egiziani nuotassero per piacere. Geroglifici, risalenti al 2500 ac, mostrano persone che nuotano con risultati pari a quelli del bassorilievo di Ninive. Dal 14 gennaio i fondisti azzurri stanno lavorando in Egitto a Sharm el Sheik. Quattro settimane di lavoro all'International Youth and Sport City con dieci sessioni in acqua tra cui due in acque libere più tre in palestra. Guida il gruppone azzurro l'olimpionico Gregorio Paltrinieri agli ordini del tecnico Fabrizio Antonelli che descrive queste prime due settimane di lavoro molto proficue, dando risalto sia alla parte tecnica sia a quella psicologica: "Siamo un gruppo numeroso e molto unito. Siamo focalizzati sul nuoto sia in vasca da 50 metri sia nell'open water che alterniamo alla piscina un paio di volte durante la settimana. Ci troviamo in una località relativamente vicina all'Italia, ma dove si può lavorare bene soprattutto in mare che ha temperature accettabili. Abbiamo trovato anche un buon supporto tecnico con gli operatori locali che forniscono mezzi per poter seguire gli allenamenti da vicino. Le situazioni ambientali sono variabili, per esempio abbiamo trovato pure vento e onda così da poter simulare situazioni di gara anche simili a quelle presenti agli europei di Roma. I più giovani come Marchello e Giovannoni, che hanno conquistato i primi titoli lo scorso novembre agli Assoluti, si stanno integrando bene e sono stati presi sotto la chioccia dei più esperti tra cui Gregorio Paltrinieri che è sempre disponibile nei loro confronti. I due gruppi si stimolano a vicenda e anche nei momenti di svago organizzano attività ludiche insieme. Queste sono le occasioni che aiutano a cementare il gruppo; per questo ringrazio la Federazione che ci supporta al fine di creare una squadra sempre più solida in vista dei prossimi eventi internazionali".

IL GRUPPO IN EGITTO. Il coordinatore tecnico Stefano Rubaudo ha convocato Gregorio Paltrinieri (Fiamme Oro/Coopernuoto), Domenico Acerenza (Fiamme Oro/CC Napoli), Andrea Manzi (Fiamme Oro/CC Napoli), Dario Verani (Esercito/Livorno Acquatics), Matteo Furlan (Marina Militare/Team Veneto), Mario Sanzullo (Fiamme Oro/CC Napoli), Pasquale Sanzullo (Carabinieri/CC Aniene), Ivan Giovannoni (Esercito/Aurelia Nuoto), Andrea Filadelli (Superba Nuoto), Barbara Pozzobon (Fiamme Oro/Hydros), Arianna Bridi (Esercito/Trento Nuoto), Martina De Memme (Esercito/Olimpic Nuoto Napoli) e Sofie Callo (Fiamme Oro/Superba Nuoto). Martina De Memme (Esercito/Olimpic Nuoto Napoli) dal 31 gennaio all'11 febbraio. Completano lo staff i tecnici Fabrizio Antonelli, Fabio Venturini e Alessandro Varani, il tecnico biomeccanico Roberto Baldassarre e i fisioterapisti Maurizio Zaia e Federica Borghino.

AGGIORNAMENTO. Convocati dal 4 al 25 febbraio Giulia Gabbrielleschi (Fiamme Oro/N Pistoiesi), Ginevra Taddeucci (Fiamme Oro/CC Napoli), Alessio Occhipinti (Fiamme Oro/CC Aniene), Marcello Guidi (Fiamme Oro/RN Cagliari). Con loro i tecnici Giovanni Pistelli, Ivan Sacchi e Massimiliano Lombardi.