Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Assoluti di Piombino. Manzi e Ciccarella vincono i 2500

Fondo
images/large/AM0_0325.jpg

Alla fine si nuota. Con cinque ore di ritardo, a causa delle cattive condizioni meteo, atleti in mare per la terza giornata degli assoluti di nuoto in acque libere a Piombino. Temperatura dell'acqua di 19.9 gradi e muta facoltativa. C'è prima la due chilometri e mezzo e c'è subito la "sorpresa" Silvia Ciccarella (CC Aniene) che si aggiudica il titolo italiano con 29'57"0 e precede la vincitrice della 5 chilometri Sofie Callo (RN Spezia) e la plurimedagliata, specialista delle gare in acque libere, Martina Grimaldi (Fiamme Oro).

AM0 0125

Silvia Ciccarella, 19 anni, allenata da Emanuele Sacchi, già terza nei 5000 di mercoledì, approfitta di un errore nella fase finale di Callo e la precede di 14 secondi. Contenta della vittoria che festeggia con i compagni di squadra e della qualificazione agli europei di categoria. Alla sua età ha già le idee chiare sul futuro. "Il mio desiderio - dice - è quello di laurearmi e fare carriera all'interno di un gruppo sportivo". Frequenta il primo anno di Scienze Politiche all'Università La Sapienza di Roma. "Tra le materie che preferisco c'è diritto. Con due genitori laureati in Giurisprudenza forse ho ereditato questo interesse". Nuota da quando aveva tre anni, cominciando al Salaria Sport Village, proseguendo al Nomentano fino ad approdare all'Aniene. In piscina nuota le distanze lunghe, dai 400 stile libero in su. "Nei 1500 sono arrivata settima agli ultimi assoluti a Riccione", afferma con orgoglio. Ha chiuso in 16'43"41 davanti a Rachele Bruni.

AM0 0104

Nei 2,5 maschili tripletta delle Fiamme Oro con Andrea Manzi che vince in 27'12"6 ed è accompagnato sul podio dai compagni di squadra Federico Vanelli e Simone Ercoli. Premiazioni effettuate dal presidente del Comitato Regionale Toscana della Federazione Italiana Nuoto Roberto Bresci. In serata il Circolo Canottieri Napoli si aggiudica la staffetta mixed 4x1250 con il tempo di 59'23"0: Giulio Iaccarino, Benedetta Festante, Paola La Rocca, Marcello Guidi.

AM0 0050

Gli assoluti si concludono venerdì 7 giugno con le prove dei 25000 metri che al momento rimangono confermate sul campo gara di Piazza Bovio, con inizio anticipato alle ore 8.00 la maschile e 8.15 la femminile. Gare di selezione ai mondiali di Gwangju, in Corea del Sud, dal 13 al 19 luglio. Sabato 8 e domenica 9 giugno, invece, spazio al Trofeo delle Regioni di nuoto in acque libere, riservato alle categorie juniores e ragazzi.

AM0 0259

Il podio dei 2.5 km F
 
1. Andrea Manzi (Fiamme Oro) 27'12"6
2. Federico Vanelli (Fiamme Oro) 27'17"9
3. Simone Ercoli (Fiamme Oro) 27'19"5

AM0 0152
 
Il podio dei 2.5 km M
 
1. Silvia Ciccarella (CC Aniene) 29'57"0
2. Sofie Callo (RN Spezia) 30'11"2
3. Martina Grimaldi (Fiamme Oro) 30'18"0

AM0 0395
 
Il podio della 4x1250

1. CC Napoli 59'23"0
Giulio Iaccarino, Benedetta Festante, Paola La Rocca, Marcello Guidi
2. CN Posillipo 1h 04'03"0
3. Buonconsiglio Nuoto 1h 06'27"0

AM1 2169
 
RUBAUDO SOCCORRITORE FIN. Stefano Rubaudo si rivela anche esperto soccorritore. Il direttore tecnico organizzativo del settore fondo della Federazione Italiana Nuoto si è reso protagonista di un'operazione di salvataggio in mare. Questa mattina, nel ricollocare il pontone di arrivo del campo gara dei campionati assoluti di nuoto im acque libere in svolgimento a Piombino, divelto dalle forti onde, alte quasi un metro e mezzo, i due addetti ai campi sono stati catapultati fuori dal gommone ed uno di essi spinto contro gli scogli. Stefano Rubaudo, che si trovava sul posto per un sopralluogo insieme ai giudici, si è tuffato prontamente soccorrendo prima il pericolante in difficoltà e successivamente recuperando il gommone alla deriva. Trasportato subito in ospedale, l'addetto ai campi è stato sottoposto alle cure del caso.

Foto Andrea Masini/Deepbluemedia.eu