Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Piombino Bruni Superstar

Fondo
images/joomlart/article/40c1b9317e96cb857698db6c0dd87662.jpg

Rachele vince la 5 km a cronometro e diviene l'atleta più vincente in campo continentale con 6 ori: mai nessuno come lei. Ponselè quarta e Consiglio quinta ai piedi del podio

PIOMBINO
Sei medaglie d'oro e due d'argento: mai nessuno come lei. Rachele Bruni vince la 5 chilometri a cronometro agli Europei di Piombino in 1 ora 00'56"9 e diviene l'atleta più vincente di sempre in campo continentale. Dietro di lei i tedeschi Thomas Lurz (5 ori, 2 argenti e 1 bronzo) e Peggy Buchse (5 ori e 1 argento). Per l'Italia è la terza medaglia d'oro agli Europei di casa, dopo quella di Martina Grimaldi nella 10 km e del terzetto Bruni-Ercoli-Ferretti nel Team Event; il quinto podio con i bronzi di Nicola Bolzonello nella 10 km e Luca Ferretti nella 5.
 
Rachele, campionessa in carica, conduce una gara straordinaria. Parte per seconda, dopo la greca Kalliopi Araozou. Già a metà gara la raggiunge. Da quel momento le due nuotano assieme, il che agevola l'ellenica, che può prendere e tenere il ritmo dell'azzurra per gli ultimi 2500 metri, pur nella consapevolezza di avere 1' di ritardo. Sintomatico il fatto che sia proprio la greca ad ottenere l'argento, con 56" di ritardo (1 ora 01'53"5). Bronzo alla ceca Jana Pechanova in 1h01'57"8. Ai piedi del podio le altre due azzurre: l'esordiente Aurora Ponselè è quarta in 1h02'30"1, Giorgia Consiglio quinta in 1h02'42"1.
 
"Sono veramente felice - sorride Rachele Bruni, al sesto oro europeo - Volevo questo risultato ma sapevo che ripetersi è difficilissimo. La vittoria nel Team Event mi ha dato ancora più carica, anche se ieri sera ero stanchissima e sono andata a dormire alle 21.45. Ho recuperato le energie grazie anche al lavoro del fisioterapista. In acqua mi sentivo molto bene, quando ho raggiunto la greca, partita un minuto prima di me, ho capito che stavo facendo una buona gara. Devo questo risultato al grande lavoro che facciamo in collegiale e anche a quel pizzico di competitività che c'è tra di noi in allenamento. Fuori dall'acqua, però, ci vogliamo tutte un mondo di bene. Ringrazio tutto lo staff della Nazionale, tutti quelli che mi sono stati vicini e la mia amica Giulia. Voglio fare i complimenti alle mie compagne: Aurora, che all'esordio ha dimostrato di valere già il podio, e Giorgia, che ritrovare a questo livello dopo i problemi dello scorso anno è una grande gioia. Ora posso andare in vacanza felice".
 
"Non è arrivato il podio, ci ho sperato - dice Giorgia Consiglio, tornata sui suoi livelli dopo la crisi di panico che la costrinse al ritiro a Shanghai 2011 - Sono felice soprattutto di aver ritrovato la grinta e la cattiveria in acqua. Riparto da qui".
 
Tra la gioia per la prova di grande caratura e un pizzico di delusione per il quarto posto, le lacrime dell'esordiente Aurora Ponselè. "Mi sono impigliata in una boa e ho perso tempo - racconta - E' la mia sesta gara in mare, devo fare esperienza, sono contenta così".
 
Per l'esordiente i complimenti dello staff azzurro. "L'abbiamo vista nella cinque chilometri in vasca ai campionati primaverili a Riccione – spiega il vice Ct della Nazionale Valerio Fusco - e l'abbiamo convocata per il collegiale di maggio. A giugno ha disputato le selezioni ed è stata convocata per gli Europei". "Viene dalla piscina e ha sempre mostrato attitudine per le gare lunghe – aggiunge il suo allenatore Marco Forni – Questa è la prima gara internazionale in mare".
  
"Se proprio devo, io piango dalla contentezza - dice il ct Giuliani mentre abbraccia la piccola Aurora - Quello che fanno queste ragazze è incredibile. Rachele è stata straordinaria, si conferma la più forte a livello europeo. Aurora si allena con noi da poco ma già dimostra di valere un posto tra le big. E vedere Giorgia sorridere dopo quello che ha passato è una vittoria in più. Grazie ragazze!".
 
Le azzurre in gara
 
Rachele Bruni, 21enne Fiorentina, è tesserata per Esercito e Forum SC e allenata da Giovanni Pistelli. E' l'atleta di nuoto in acque libere più vincente nella storia degli europei: prima degli ori di Piombino ha vinto quattro ori (5 chilometri individuale e team event a Dubrovnik 2008 e Eilat 2011) e due argenti (10 km a Eilat 2011 e Team Event a Budapest 2010). Ai Mondiali di Shanghai è stata quarta sia nella 5 km che nel Team Event.
 
Giorgia Consiglio, 22enne genovese, è tesserata per il CC Aniene e allenata da Emanuele Sacchi. In carriera ha vinto due argenti mondiali a Roberval 2010 (5 e 10 chilometri) e un argento europeo (10 km a Budapest 2010).
 
Aurora Ponselè, 20 anni di Fano, è tesserata per la Pesaro Nuoto e allenata da Marco Forni. E' all'esordio in Nazionale.
 
 
IL MEDAGLIERE (aggiornato al 15 settembre)
 
1. ITALIA 3-0-2 tot.5
2. Russia 2-0-0 tot.2
3. Germania 0-3-1 tot.4
4. Grecia 0-2-0 tot.2
5. Repubblica Ceca 0-0-2 tot.2
 
I risultati completi
 
Il sito di Piombino 2012





Massimo Cicerchia e Fabio Larosa
Nostri Inviati