Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Assoluti. Sanzullo bis, Grimaldi super

Fondo
images/joomlart/article/c954c2c5e0b20f276d1b92c2ac4f6bea.jpg

Conclusi gli Assoluti di Bracciano, i Trials che qualificano ai campionati mondiali di Budapest (15-21 luglio sul lago Balaton). Il lungolago antistante il centro sportivo dell'Aeronautica Militare ha ammirato i caimani della 25 km, la più massacrante delle prove. Vince al maschile Mario Sanzullo, l'asso pigliatutto dei tricolori già primo nella 5 e secondo nella 10 km, mentre al femminile ritorna sul gradino più alto del podio Martina Grimaldi, bronzo olimpico a Londra 2012.
Diciassette atleti (dieci maschi e sette femmine) al via con tredici round intorno al percorso di 1.9 km, modificato rispetto alle prove precedenti, che prevedeva la sosta e il rifornimento su un pontone mobile appositamente piazzato prima dell'arrivo. Due gruppetti da quattro atleti hanno caratterizzato entrambe le gare partite con mezz'ora di distanza. Tra i maschi hanno fatto l'ultima metà in testa Sanzullo, Furlan, Andrea Bianchi e il campione del mondo della distanza a Kazan 2015 Ruffini. Alla fine l'ha spuntata SuperMario Sanzullo che nello chus finale ha preceduto al tocco Matteo Furlan, già terzo nella 5 e 10 km e bronzo iridato a Kazan nella 5 e 25 km. Per il ventiquattrenne napoletano allenato da Emanuele Sacchi chiusura in 5h18'55, quattro secondi davanti a (Furlan 5h18'59). Terzo l'iridato in carica Simone Ruffini  che cede nel finale e chiude 5h19'20. 
"Sofferenza ma tanta gioia, quest'anno ho lavorato molto bene con il mio allenatore e i risultati ripagano lo sforzo - spiega Sanzullo, tesserato per Canottieri Napoli e Fiamme Oro. Rivedendo il fotofinish forse avrei potuto vincere anche la 10 km, ma sono contentissimo lo stesso. In gara mi sentivo bene e sono rimasto sempre coperto; poi abbiamo provato a sfoltire il gruppo, dandoci il cambio in testa e dopo l'ultima boa ho provato a forzare ed è andata bene. Battere un campione del calibro di Ruffini poi ti dà maggiore soddisfazione. Diciamo che ora sono pronto per i mondiali".
Tra le femmine sempre avanti Grimaldi, Franco, Pozzobon e Raimondi. Alla fine è la ventottenne bolognese, bronzo olimpico a Londra e oro iridato della specialità a Barcellona '13, a spuntarla in 5h33'43 davanti alla sorpresa Barbara Pozzobon (5h33'44) e la veterana Alice Franco (5h33'45). "Sono un po' stanca ma è andata molto bene - racconta la bolognese che da due anni è di stanza a Roma al Circolo Aniene con Emanuele Sacchi. La gara è stata tirata sin dall'inizio quando avevamo un ritmo superiore ai maschi. Poi si è alzato un po' il lago e ho avuto qualche difficoltà ma alla fine ho raggiunto il risultato sperato. Tornare sul podio più alto agli assoluti dopo tre anni, è una bella soddisfazione. Certo l'ho fatto in una gara che all'inizio della carriera mi ha dato meno soddisfazioni ma che ora penso possa riportarmi in alto nel ranking internazionale. Per questo ringrazio il mio allenatore con cui ho iniziato un percorso due anni fa per ritornare ad alti livelli. Ora al mondiale andremo per far bene e vedremo cosa verrà fuori il 21 luglio. Dopo le difficoltà e l'appannamento del 2015 ora va meglio. C'ho messo un po' a capire come affrontare il cambiamento e non sono rammaricata per i risultati mancati. Ringrazio anche le Fiamme Oro che mi hanno sempre sostenuto in questo periodo".


IL PUNTO DEL CT GIULIANI. Sono contento per Martina (Grimaldi ndr) che è uscita fuori da una tre giorni importante e credo si sia guadagnata una 25 km iridata molto stimolante. Ora faremo tutte le valutazioni con lo staff per finire la rappresentativa iridata. Bene anche Barabara Pozzobon, che solo tre o quattro anni fa non sapevamo chi era e ora la vediamo sul podio agli assoluti; come Alice Franco sempre al top nonostante gli anni passino per tutti. Tra i maschi faccio i complimenti a Sanzullo, che ora valuterò quale gara fargli fare ai mondiali. La squadra avrà l'inserimento di elementi giovani come l'ottimo Manzi e la conferma della Gabbrielleschi. Questo è l'anno post olimpico dove bisogna ripartire. Abbiamo dato un po' più di riposo a Rachele Bruni: sarà una squadra formata da un bel mix di giovani ed esperti. Porteremo tra i nove e gli undici elementi tra cui Martina Caramignoli che ci darà quell'elemento di novità, di una campionessa abituata a queste competizioni in piscina. Ora la preparazione verterà proprio verso le prove iridate al lago Balaton. Abbinare l'altura alle gare l'abbiamo fatto negli anni scorsi con alcuni atleti tra cui la Bruni che trovava giovamento soprattutto nelle gare di Coppa del Mondo. Ora vedremo come applicare questa metodologia singolarmente con altri atleti, perchè abbiamo visto che non è una regola universale ma varia di caso in caso.


PRIMI CINQUE NELLA 25 KM MASCHILE 


1. Mario Sanzullo (Fiamme Oro/CC Napoli) 5h18'55
2. Matteo Furlan (Team Veneto/Marina Militare) 5h18'59
3. Simone Ruffini (Fiamme Oro/CC Aniene) 5h19'20
4. Andrea Bianchi (Marina Militare) 5h20'20
5. Francesco Ghettini (RN Spezia) 5h24'45


FIN Fondo 25KMU STAAS5 4144


PRIME QUATTRO NELLA 25 KM FEMMINILE


1. Martina Grimaldi (Fiamme Oro/Uisp Bo) 5h33'43
2. Barbara Pozzobon (Hydros) 5h33'44
3. Alice Franco (Esercito/Asti Nuoto) 5h33'45
4. Ilaria Raimondi (Fiamme Oro/CC Aniene) 5h34'01


FIN Fondo 25KMU STAAS5 4165


Vai alla pagina ufficiale


foto A.Staccioli deepbluemedia.eu