Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Fotografia dei Tricolori Masters

Master
images/joomlart/article/081a60f2d591599517409c66433ca29d.jpg

Chiusi i Campionati Italiani il momento di tirare le somme della manifestazione. Ben 3095 atleti hanno partecipato ai campionati in rappresentanza di 400 società. Significativa la presenza degli over 60 con 305 nuotatori, mentre la categoria più rappresentata è stata quella degli atleti tra i 40 e i 44 anni, seguita a breve distanza dalla categoria pi anziana 45-49 anni (le due categorie da sole segnano il 31% di tutte le presenze). Come prevedibile lo stile libero è stata la specialità più frequentata con la punta di 1.247 atleti in gara nei 50 stile libero. Oltre ogni aspettativa il numero di staffette iscritte, ben 932, con forte presenza tra le categorie 120-159 e 160-199, senza dimenticare le 91 staffette delle categorie più “anziane” (da 240 in poi) che hanno rappresentato il 10% del totale. Dal punto qualitativo da evidenziare che i Campionati Italiani, manifestazione clou della stagione, hanno visto la più alta percentuale di atleti con prestazioni oltre i 900 punti tra tutti i meeting della stagione: oltre il 10% nelle gare individuali e un sorprendente 20% tra le staffette. Da sottolineare, anche, le 11 prestazioni individuali oltre i 1.000 punti di Borgialli, Boschetti, Bosisio, Crescentini, Kulis, Montini, Parocchi e Trippodo. nonchè la 4x50 stile libero uomini (categoria 200) del Centro Nuoto Bastia tra le staffette. Infine il tema squalifiche: maggiormente colpita la rana con un 37% del totale e la categoria 45-49 anni con oltre il 18%.

Per una fotografia completa dei campionati e l’elenco dei campioni italiani clicca qui.