Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Giovedì, 21 Aprile 2016

Sori-Florentia. I provvedimenti disciplinari

In merito all'incontro dello scorso 19 aprile, RN Sori-RN Florentia, il Giudice Sportivo, avv. Andrea Pascerini, ha adottato i seguenti provvedimenti.
 
Non omologa l’incontro con il risultato finale in quanto proseguito dopo la sospensione solo pro-forma; pertanto dispone la sconfitta della società RN SORI con punteggio a tavolino 0-5.
Squalifica due giornate di campionato al Sig. TEMELLINI Angelo (allenatore RN SORI) per comportamento reiteratamente ingiurioso verso gli arbitri, comportamento che aumentava la reazione dei “tifosi” del SORI (comportamento di Temellini che veniva reiterato anche al termine dell’incontro).
Squalifica una giornata di campionato all’atleta BRLECIC Hrvoje (RN SORI) per comportamento reiteratamente ingiurioso e minaccioso verso gli arbitri durante e dopo l’incontro.
Squalifica una giornata di campionato all’atleta FERRARI Francesco (RN SORI capitano) per comportamento ingiurioso verso gli arbitri.
Squalifica due giornate di campionato il campo della società RN SORI per lancio di bottiglia di vetro, lancio di birre e sputi agli arbitri (uno dei quali veniva colpito anche dall’asta di una bandiera), e per comportamento reiteratamente ingiurioso e minaccioso del pubblico verso gli arbitri; il tutto comportava più sospensioni dell’incontro.
Ammenda di 3.000,00 euro alla società RN SORI per gravissime carenze organizzative, per non avere impedito che un piccolo gruppo di “tifosi” (facilmente identificabili e probabilmente ben conosciuti dai dirigente del RN SORI) tenesse i comportamento già sopra descritti.
Al riguardo si deve aggiungere: bene avrebbe fatto il RN SORI a intervenire preventivamente impedendo l’ingresso in tribuna di costoro, in considerazione dello stato evidentemente alterato da alcool, e comunque non essendo intervenuto adeguatamente in occasione del primo episodio (avvenuto nel primo quarto), consentendo così agli stessi “tifosi” di procedere ulteriormente nel loro comportamento totalmente anti sportivo e privo di ogni giustificazione (comportamenti tra l’altro oggetto di ripresa televisiva in diretta sulla RAI Nazionale).

Archivio notizie