Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo. Visualizza la Privacy Policy

Approvo
Giovedì, 30 Giugno 2016

Fin in lutto. Addio a Gianni Gross

Alle 14 si è spento Gianni Gross. Icona del nuoto italiano Gian Corrado Gross era nato a Berlino 74 anni fa. Ha scoperto e allenato alla Patavium Novella Calligaris, la prima atleta italiana a salire sul podio olimpico nel nuoto. "Sono sgomento. Se n'è andato un amico del nuoto, un tecnico competente, un dirigente dall'alto valore umano e sportivo - commenta il Presidente della Fin Paolo Barelli. Gross ha caratterizzato alcuni decenni del nuoto azzurro prima da atleta e poi come tecnico e manager sempre da protagonista - Aveva doti superlative, era un grande lavoratore sempre in prima linea per lo sviluppo e la crescita del movimento acquatico. Persone come lui sono insostituibili". Fondatore e presidente del Plain Team Veneto, la squadra di nuoto di serie A del Veneto, ha allenato i più forti campioni padovani e veneti tra Cinzia e Fabrizio Rampazzo, Piergiorgio De Felice, Alice Carpanese, Renata Spagnolo, Luca Dotto, Elisa Pasini. Ma anche il suo palmares di sportivo è di tutto rispetto: come atleta tesserato per la RN Florentia nel 1963 è entrato in Nazionale come ranista (100 e 200 metri); ha collezionato otto titoli italiani Assoluti, dodici primati italiani fra individuali e staffette, un argento alle Universiadi del 1963, la partecipazione alle olimpiadi di Tokyo dove entrò in finale con la staffetta mista (settima) e l’oro ai giochi del mediterraneo del 1967. Agli stessi giochi, stabilì il primato italiano insieme a Boscaini, Fossati e Del Campo che ne ricorda il profilo umano e sportivo: "Quando facemmo quel record a Tunisi eravamo felicissimi - racconta il direttore del centro federale di Trieste. Era il quarto o quinto crono mondiale che per l'epoca era tanto. Per me è stato un grande amico ed un personaggio eccezionale da prendere come esempio. Un grande lavoratore e tecnico di nuoto che aveva una grande cultura al di fuori dell'acqua. Aveva un'energia straripante e tante volte ha sfidato fin troppo queste sue capacità. Era possibile che andava a Berlino a vedere una mostra il giorno prima e il giorno dopo era lì ad allenare col cronometro in mano". Come allenatore ha partecipato in qualità di tecnico federale alle olimpiadi di Los Angeles 1984, e agli europei di Roma 1983 e Sofia 1985. Era membro della commissione tecnica della Len. Gross era dedito all'allenamento e alla cultura fisica. Tutti i giorni era in palestra alla Padovanuoto per la sua consueta seduta di ginnastica: molto sportivo, ogni giorno si dedica allo sport per tenersi in forma. Spesso è la boxe che lo diverte (mitici i racconti sul “suo” sacco), ma sono i normali esercizi con cyclette, attrezzi e corpo libero il programma delle sue sedute. Sessioni di un paio d’ore belle dense e intense. A settembre del 2013 però, dopo un malore proprio in palestra fu operato al centro Gallucci immediatamente. Sottoposto ad una delicata operazione eseguita dal team dal professor Cosimo Guglielmi. Dopo una parziale ripresa aveva avuto una ricaduto ed era stato operato nel 2015. L'insorgenza di alcune complicanze poi lo hanno costretto ad una lunga degenza fino alla scomparsa. Gianni lascia tre figli: Silvia, ricercatrice a Chimica all’Università di Padova, Elisabetta che è informatica a Madrid e Federico che si occupa di piscine nell’area del Friuli ed è collaboratore della Fin riguardo il settore d'istruzione tecnica. Per suo espresso volere non verrà fatta nessuna commemorazione pubblica. 
Il Presidente della FIN Paolo Barelli, il Segretario Generale Antonello Panza, il Consiglio Federale, il presidente del Gruppo Ufficiali di Gara Roberto Petronilli e tutto il mondo del nuoto lo ricordano con immenso affetto e partecipano al dolore dei familiari, degli amici e di tutti coloro i quali hanno avuto il privilegio di conoscerlo. 

gross