Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Grand Prix Fina, report conclusivo

Tuffi
images/joomlart/article/345bdcdbe3f1a5de7969ce67efdbdc45.jpg

Marconi bis. Brava Maria! Prima a Torino il 9 dicembre nel Quattro Nazioni, davanti all’ucraina Olena Fedorova e alla russa Nadezda Bazhina; terza sabato 23 febbraio nel 58° Grand Prix Fina - International Divers di Rostock, dietro alle cinesi Wang Han e Liu Jiao e con più di 6 punti di vantaggio sulla canadese Pamela Ware.
Maria Elisabetta Marconi, 29 anni da compiere il 28 agosto, portacolori di Fiamme Gialle e Lazio Nuoto, si conferma leader europea dai tre metri. Un’altra bella rivincita dopo lo stop forzato che l’ha tenuta lontano dal trampolino nove mesi. Anche il rammarico per il quarto posto mondiale a Shanghai è ormai superato. Con la sua medaglia di bronzo l’azzurra allenata da Domenico Rinaldi ha portato l’Italia tra le prime sette Nazioni del “classico” di Rostock (100 atleti e 22 Nazioni partecipanti). Maria Marconi, nel secondo turno di gare, ha chiuso al terzo posto la finale dei tre metri con 309.90 punti. Con i punti di Torino (323.70) sarebbe stata seconda davanti alla cinese Liu Jiao (321.40) ma è stata comunque brava, concentrata e regolare, durante l’intera giornata. Sesta nei preliminari con 277.95 e seconda nella prima semifinale con 297.80.
“Questo è un passo avanti – spiega soddisfatto il tecnico federale Domenico Rinaldi – in una gara molto più difficile rispetto a quella di Torino. Oltre al numero maggiore di avversarie, ha dovuto confrontarsi anche con se stessa affrontando tre gare in una giornata. Per lei che viene da un lungo periodo in cui è stata ferma, è importante ritrovare la tenuta e la concentrazione. E’ rilevante l’elemento fisico, quanto quello psicologico. Maria è in crescita e deve continuare a lavorare così”. E lei è la prima a dirlo: “Piano, piano andiamo avanti”, scrive su Facebook.  
Maria Marconi è stata nona in coppia con Elena Bertocchi (Esercito/Can Milano) nella finale dei tre metri sincronizzati nella giornata conclusiva. Oggi pomeriggio il rientro a Roma, un paio di giorni di riposo e poi la ripresa degli allenamenti all’Acqua Acetosa.
Il prossimo appuntamento con l’Italia dei tuffi è fissato dal 15 al 17 marzo con le World Series a Pechino. In gara Tania Cagnotto, Francesca Dallapè e Noemi Batki. Maria Marconi, invece, tornerà a gareggiare a livello internazionale dal 9 al 12 maggio in Florida nel Grand Prix di Fort Lauderdale.
 
ROSTOCK DAY BY DAY
 
Prima giornata soft per gli azzurri che si sono fermati ai preliminari. Nel trampolino dei 3 metri Tommaso Rinaldi si è classificato 13° e primo degli esclusi dalle semifinali con 353,40 punti; dalla piattaforma Giorgia Barp è 16^ con 210,65 punti.
 
Nella seconda giornata brilla Maria Marconi che vince la medaglia di bronzo dal trampolino dei 3 metri e dimostra il buono stato di forma con 309.90 punti. Per lei anche 277.95 nei preliminari e 297.80 nella semifinale. Gara in solitario della cinese Han Wang (argento da un metro ai Mondiali di Shanghai '11) che ha vinto con 368.40 punti davanti alla connazionale Jiao Liu, d’argento con 321.40.
 
Nella giornata conclusiva, Maria Marconi,  dopo il bronzo dai 3 metri,  il nono posto in coppia con Elena Bertocchi nei tre metri sincronizzati: le azzurre hanno totalizzato 340.90 punti. La gara è stata vinta dalle cinesi Liu-Zheng con 307.50. Dalla piattaforma il sesto posto di Andrea Chiarabini che, autore del secondo punteggio delle semifinali con 417.65, che in finale non ha superato i 414 punti necessari per salire sul podio (per l’azzurro 345.65). Primo il cinese Yang con 486.05 punti.
 
IL MEDAGLIERE DI ROSTOCK
 
Prima la Cina con 12 (8 d’oro e 4 d’argento), secondo il Messico con 3 d’argento e terza la Russia con 1 d’argento. A seguire Ucraina (4 bronzi), Bielorussia (2 bronzi), Italia e Canada (1 bronzo).
 
Risultati completi