Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Grand Prix FINA La cerimonia d'Apertura

News Tuffi precedenti
images/joomlart/article/76e4a922d55e417d705f616f80ff949c.jpg

La sfilata delle Nazioni, il saluto del Sindaco di Bolzano, le iniziative del Comune e degli oragnizzatori, la mostra fotografica dedicata a Karl Dibiasi. Tutte le novità della tappa italiana del circuito

BOLZANO
La cerimonia d'apertura nel cuore della città. Le 19 Nazioni partecipanti al XVI Grand Prix Fina di tuffi hanno sfilato ieri sera da via Alto Adige a piazza del Municipio, passando per la caratteristica piazza Walther, e sono state ricevute dal Sindaco di Bolzano, Luigi Spagnoli, che ha dato il benvenuto ufficiale ad atleti, tecnici e dirigenti che da venerdì a domenica saranno impegnati nella penultima tappa del circuito mondiale. Capodelegazione degli Azzurri è il consigliere federale e tre volte campione olimpico Klaus Dibiasi.
Sono molte le iniziative collaterali promosse dagli organizzatori. Due quelle principali: la mostra fotografica dedicata a Karl Dibiasi e le biciclette per gli spostamenti in città. In occasione del Grand Prix è stata allestita nell'atrio della piscina comunale una mostra d'epoca dedicata a Karl Dibiasi, al quale è intestata la piscina di viale Trieste, che è stato il pioniere dei tuffi italiani, decimo all'Olimpiade di Berlino 1936, padre di Klaus al quale ha trasmesso la passione e del quale è stato il primo e unico allenatore. La galleria è composta da una selezione di 20 foto che ripercorrono la sua carriera dal 1925 al 1962, ultimo anno di attività agonistica. Karl Dibiasi, che è scomparso nel 1984, nel 2009 avrebbe compiuto 100 anni.
Per il ritorno del Grand Prix di tuffi, che mancava da Bolzano dal 2001, il Comune ha voluto abbinare due importanti elementi di attività sportive e dare la possibilità agli atleti e ai loro accompagnatori di muoversi dall'albergo al Lido e in città in bicicletta utilizzando tutti i collegamenti delle piste ciclabili e i servizi connessi. "Bolzano è la città dei tuffi e della bicicletta - ha detto il Sindaco - che ha raggiunto il 29% di tutti gli spostamenti". Ma Bolzano è fiera anche della sua acqua naturale che scorre in tutto il territorio e che tutti gli atleti presenti, ai quali è stata distribuita una borraccia in materiale riciclabile, stanno scoprendo.
 
Speciale XVI Grand Prix FINA




Massimo Cicerchia
Nostro inviato