Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei di Budapest Azzurri, giornata storta

News Tuffi precedenti

Nella finale della piattaforma sincro Marocchi e Spaziani chiudono settime. In quella dei 3 metri individuali Benedetti finisce decimo e Marconi dodicesimo. La Germania guida il medagliere. Italia terza

BUDAPEST
Per salire sul podio non sarebbero bastati neanche i 298 punti record di questa mattina nei preliminari. Bisognava farne almeno 301 per superare le inglesi che hanno preso il bronzo con 300,66. Nella finale dei tre metri sincronizzati, oggi pomeriggio all'Alfred Hajos di Budapest, Valentina Marocchi e Brenda Spaziani hanno chiuso al settimo posto con 276,51 punti. Molto, se non tutto, si è deciso all'ultimo salto nel quale le anglosassoni Monique Gladding e Megan Sylvester con 74,88 punti hanno messo in cassaforte la terza medaglia superando quota 300.
Le azzurre, che nel quarto tuffo avevano ricevuto almeno tre punti meno di quanto meritassero e che per quattro quinti di gara sono state in zona podio, hanno provato a superarsi nel doppio e mezzo indietro carpiato. “Ho sbagliato provandoci – dice Valentina Marocchi – e sono soddisfatta di questo. Le altre sono state più brave e merito alle altre”. “Ci dispiace un po' – continua Brenda Spaziani – dopo questa mattina volevamo ripeterci. Anch'io ho sbagliato un po' in finale ma non mi fermo e continuerò a tuffarmi sempre agguerrita”.
Medaglia d'oro e titolo europeo alle tedesche Christin Steuer e Nora Subschinski che erano tanto sicure di vincere che alla fine hanno presentato una verticale difficilissima e rara nel sincro. Non l'hanno fatta bene ma, pur sporcando la loro prestazione, sono riuscite a restare davanti a tutte le altre con 319,68 punti. Seconde e medaglia d'argento le ucraine Iulia Prokopchuk e Alina Chaplenko con 306,30 e sorprendentemente quinte le russe Koltunova-Goncharova, dietro anche alla Francia.
“Il livello è sempre più alto – conclude Valentina Marocchi – ma la piattaforma sincro è ancora aperta. Conosco i miei limiti, so che in gara non posso permettermi di sbagliare neanche un tuffo e questo un po' mi condiziona. Se solo avessi le gambe di Noemi Batki sarebbe un'altra cosa. Lei  è bravissima ed ha un potenziale fisico enorme”. Valentina Marocchi ha 27 anni e quest'anno si è laureata in Scienze della mediazione linguistica con 110 e lode. Brenda Spaziani ha un anno meno di lei ed è iscritta al corso di laurea in Psicologia all'Università di Roma.
 
HAUSDING VINCE DAI 3 METRI. Questa sera la scintilla azzurra non si è accesa. Michele Benedetti e Tommaso Marconi non sono stati brillanti come lo erano stati questa mattina nei preliminari. Michele Benedetti voleva vincerla questa finale, sentiva molto la gara, ed è salito sul trampolino troppo teso. Tommaso Marconi puntava a restare tra i primi otto migliorando anche qualcosa rispetto al mattino e anche lui non ha trovato la concentrazione giusta. Nella finale del trampolino da 3 metri Benedetti ha chiuso al decimo posto con 375,95 punti e Marconi al dodicesimo con 336,30. Entrambi hanno sbagliato qualche tuffo di troppo: soprattutto il terzo Michele dove è entrato scoordinato (307 C) e il quinto Tommaso dove nell'ingresso in acqua ha urtato e piegato le gambe (5353B). Voti bassissimi che hanno messo fuori gioco i due azzurri. Bello e da apprezzare per tecnica e tenacia un doppio e mezzo ritornato carpiato di Benedetti.
La gara l'hanno fatta, invece, gli altri; i russi Ilya Zakharov e Evgeny Kuznetsov (ancora senza oro però) che dopo essersi esibiti in ottimi salti sono finiti rispettivamente secondo e terzo con 458,15 e  455,80 alle spalle del mattatore tedesco Patrick Hausding che con un superaltivo ultimo tuffo da 91,90 ha messo tutti in fila vincendo oro e titolo europeo con 463,20 punti. Delusi, ma altrettanto bravi, lo spagnolo Illana, quarto con 445,05 e l'ucraino Kvasha, regolare ma stasera senza acuti, sesto con 429,90.  
 
Risultati completi

XXX CAMPIONATI EUROPEI TUFFI - Risultati e medagliere
Finale Piattaforma Sincro F

1. C. Steuer-N. Subschinski GER 319,68
2. I. Prokopchuk-A. Chaplenko UKR 306,30
3. M. Gladding-M. Sylvester GBR 300,66
4. A. Lebeau-C. Febvay FRA 289,26
5. Y. Kolnutova-N. Goncharova RUS 283,14
6. Z. Reisinger-V. Kormos HUN 283,14
7. B. Spaziani-V. Marocchi ITA 276,51
8. C. Popovici-M. Aiacoboae ROU 275,22

Finale Trampolino 3 metri M

1. P. Hausding GER 463,20
2. I. Zakharov RUS 458,15
3. E. Kuznetsov RUS 455,80
4. J. Illana ESP 445,05
5. S. Klein GER 431,10
6. I. Kvascha UKR 429,90
7. C. Blaha AUT 423,70
8. D. Cely FRA 411,60
9. C. Chanturia GEO 381,50
10. M. Benedetti ITA 375,95
11. A. Rzeszutek POL 343,40
12. T. Marconi ITA 336,30

Medagliere dei tuffi

GERMANIA 3 ORO 2 ARG Totale 5
UCRAINA 2 ORO 1 ARG Totale 3
ITALIA 1 ORO 1 ARG Totale 2
RUSSIA 1 ARG 4 BRO Totale 5
SVEZIA 1 ARG Totale 1
SPAGNA 1 BRO Totale 1
GBR 1 BRO Totale 1

Massimo Cicerchia
Nostro inviato