Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Beneficenza. Cagnotto cuoca per un giorno

Tuffi
images/large/ELU_5537.JPG

Cuochi speciali, per un pranzo speciale. I campioni delle Fiamme Gialle, Tania Cagnotto insieme a Fabrizio Donato e Antonella Palmisano, hanno cucinato e servito il pranzo per i bambini, con i loro familiari,  assistiti nel dispensario pediatrico vaticano Santa Marta.  E non sono mancati doni per tutti e una simbolica torta per fare gli auguri al coach Papa Francesco, alla vigilia del suo compleanno. Si è trattato in realtà della restituzione di una vista: a Pasqua gli atleti delle Fiamme Gialle si erano personalmente recati in Vaticano a incontrare le famiglie nella sede del dispensario, portando materiale scolastico e sportivo per i bambini oltre alle tradizionali uova di cioccolato. Il Dispensario che si avvia a compiere 100 anni nel 2022 è da sempre un punto di riferimento per l'assistenza medica a chi ne ha bisogno: "Offriamo gratuitamente assistenza alle famiglie con bambini, senza tessera del servizio sanitario - ha spiegato suor Antonietta,  aggiungendo - Sono soprattutto stranieri e certo non guardiamo alla provenienza o alla religione. Da noi trovano servizi di pediatria, ginecologia, ecografia, oculistica, allergologia, dermatologia, psicologia, cardiologia, ortopedia, gastroenterologia, chirurgia e logopedia. L’assistenza medica è garantita da medici specialisti che offrono gratuitamente la loro professionalità». Il dispensario «cerca di far arrivare alle famiglie bisognose anche le medicine e i prodotti di prima necessità per i bambini — latte in polvere, pannolini, omogeneizzati, pappe —  e, se possibile, anche per i genitori: parliamo di 350 bambini con un’attenzione diretta per circa mille persone". Ma soprattutto, ha raccontato la religiosa agli atleti della Guardia di Finanza, "questo servizio è reso possibile dal lavoro dei volontari che, ogni giorno, si alternano per seguire con affetto e semplicità i nostri piccoli assistiti con l’idea che il dispensario è anzitutto una famiglia nella quale confidarsi e confrontarsi".

ELU 5681

ELU 5589