Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

De Rose ai Soliti Ignoti. L'identità dei tuffi

Tuffi
images/large/2270378636097e6211042e1c9c2e88e5_XL.jpg
Si tuffa da 27 metri. Alessandro De Rose, bronzo dalle grandi altezze ai mondiali di Budapest 2017, è la prima delle otto identità da indovinare nella puntata di oggi dei Soliti Ingnoti – Il ritorno, condotta da Amadeus e in onda tutte le sere su Rai Uno dal teatro delle Vittorie in Roma. 
  
“Mi chiamo Alessandro, ho 26 anni, sono nato a Cosenza ma vivo a Trieste”. Il primo indizio è palese: tuta della Nazionale e al collo la medaglia di bronzo conquistata a Budapest il 30 luglio dello scorso anno davanti al britannico campione del mondo uscente Gary Hunt. Gli altri indizi sono la capocciata memorabile con la sorella (“volevamo mettere in scena una lotta greco romana e siamo andati KO entrambi), la fobia per le meduse (“se ci sono le vedo anche da lassù e non mi tuffo finché non le tolgono”) e una certa passione per il volo (“in quei due o tre secondi si scende a circa 70/80 chilometri l’ora). Ma la concorrente non ha bisogno di chiederglieli. La sua identità è tra le più facili se si segue lo sport. Amadeus gli fa i complimenti e commenta con lui le immagini che scorrono sul maxischermo in studio. “Indimenticabile quel podio – racconta Alessandro – ero insieme a due supercampioni della specialità come lo statunitense Steve Lo Bue e il ceco Michal Navratil e avevo tutta l’Italia che tifava per me. E’ stata una gioia immensa e un’emozione incredibile che si è prolungata nel tempo. Ricordo che sono rimasto a fissare questa medaglia per giorni interi. L’ho dedicata a mio padre che è in cielo e l’ho condivisa con mia mamma Erminia Luigina, i miei fratelli Daniela e Michele, la mia compagna Nicole e tutti coloro che mi sono vicini”. Il pubblico del Delle Vittorie, che lo prende subito in simpatia, gli dedica un lungo appaluso. “Ringrazio la Rai che mi ha invitato e la Federazione Italiana Nuoto che mi ha permesso di essere qui. Saluto gli amici e la mia società Trieste Tuffi”.
 
Gli ingoti sono tutti coetanei e quando c’è da indovinare il parente misterioso (la mamma di uno di loro) non è facile per la concorrente. Alessandro rientra in gioco. Le peculiarità di ciascuno sono le più disparate; c’è chi fa fuochi d’artificio silenziosi e chi colleziona farfalle ma dagli indizi non si direbbe affatto, c’è il mago illusionista e l’insegnante di meditazione. Il personaggio famoso è Lica Colò, impegnata su RaiDue con il suo nuovo programma Niagara.
La giornata negli studi Rai è lunga. Si comincia al mattino con l’accettazione e le prove; si finisce la sera con la trasmissione e la foto di gruppo. Si stringono amicizie, si condividono emozioni e si diventa parte di una grande famiglia. Un po’ come accade nello sport. Alessandro De Rose da oggi ha molti tifosi in più, tutto lo staff dei Soliti Ignoti.