Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Assoluti estivi. Primi pass per l'Europa

Tuffi
images/joomlart/article/large/73df1d8540a9c7ecb61b74045ec1172f.jpg

Giovanni Tocci e Lorenzo Marsaglia staccano il biglietto europeo dei tre metri. Giovanni Tocci vince la prima finale degli open estivi indoor alla Karl Dibiasi, come aveva fatto il 21 aprile ai primaverili a Torino. Lorenzo Marsaglia è settimo ma scarta il brutto punteggio di oggi pomeriggio e si fa forte di quelli ottenuti due mesi e mezzo fa in Piemonte e la settimana scorsa al Grand Prix FINA, sempre quì a Bozano ma nella vasca scoperta del Lido. Govanni Tocci (Esercito/Cosenza Nuoto), si conferma campione italiano della specialità con 441.65 punti (a Torino aveva vinto con 432.10) e Lorenzo Marsaglia (Marina Militare/CC Aniene) somma i 412.85 dei preliminari del 21 aprile ai primaverili ai 404.80 guadagnati nella semifinale del Grand Prix il 7 luglio.
Tocci, allenato da Lyubov Barsukova, era già qualificato di diritto agli Europei con il bronzo mondiale conquistato da un metro a Budapest 2017 e aggiunge la gara da tre; Lorenzo Marsaglia, allenato da Benedetta Molaioli, era molto vicino a staccare il pass e sebbene la prova di oggi non sia andata come sperava ha approfittato del vantaggio maturato sugli avversari Andrea Chiarabini (Fiamme Oro Roma/CC Aniene) che chiude al secondo posto con 398.60 e Gabriele Auber (Marina Militare/Trieste Tuffi Edera) che è terzo con 365.85.
Tante storie di medaglie, tutte al femminile, caratterizzano il resto della prima giornata. Quella di Noemi Batki (Esercito/Triestina Nuoto), plurimedagliata europea e campionessa italiana, tra i quattro azzurri già qualificati agli Euro 2018, che vince la sua piattaforma con 254.40 punti. Lei che da meno di un anno ha cambiato allenatore e si è trasferita a Roma, "in collegiale presso il centro tecnico Giulio Onesti, all'Acquacetosa - spega - dove mi alleno con Domenico Rinaldi. Un cambiamento mi ci voleva, con mia madre sono crescita molto, ottenendo ottimi risultati, ma a questo punto della carriera ho avvertito il bisogno di cambiare abitudini e stile di vita e sono soddisfatta della mia scelta. Con Domenico mi trovo molto bene. Agli assoluti di Torino non ho gareggiato in via precauzionale a causa di un fastidio al polso, sono contenta di averlo fatto qui a Bolzano, anche se con un po' di mal di schiena. Stiamo lavorando in prospettiva europea, qundi non abbiamo finalizzato per queste gare, ma sono comunque importanti come test di verifica a meno di un mese da Edimburgo".
Quella di Giulia Vittorioso (MR Sport F.lli Marconi), già oro dai tre sincro agli assoluti estivi di Cosenza 2017 in coppia con Chiara Pellacani, figlia dell'ex attaccante del Settebello Antonio Vittorioso - campione d'Italia con la Roma e una coppa del mondo con la Nazionale nel 1999, quinto ai Giochi Olimpici di Sydney 2000 con Rudic in panchina, tre coppe LEN conquistate rispettivamente con Roma, Pescara e Brescia -  che insieme a Silvia Alessio (Triestina Nuoto), con la quale fa coppia fissa da un anno, conquista la medaglia di bronzo nei tre metri sincro con 227.04. "La seconda medaglia, dopo quella in Coppa Tokyo", aggunge Silvia Alessio. Giulia, 17 anni, allenata da Alice Palmieri, con la famiglia sta giocando la partita più importante della sua vita, quella che permetterà al fratello Tommaso "di tornare a una vita normale", come dice lo sesso papà Antonio; ha ereditato la propria forza del padre e con i suoi 174 centimetri è tra le più alte, oltre che promettenti, tuffatrici d'Italia. 
E infine le storie di Lucia Zebochin e Giulia Rogantin (Triestina Nuoto), rispettivamente 15 e 20 anni, allenate da Sigrid De Riz e Ibolya Nagy, che dopo la medaglia di bronzo conquistata il 20 aprile ai primaverili di Torino dai tre metri con 230,34, nella finale vinta dalle azzurre Pellacani-Bertocchi, la prima in carriera agli assoluti, ottengono il bis salendo un altro gardino del podio e con l'argento da 228.78 punti entrano a titolo definitivo nell'elite del trampolino sincro nazionale. Chiara Pellacani (MR Sport F.lli Marconi) e Elena Bertocchi (Esercito/CC Milano) sono di nuovo campionesse d'Italia con 286.77. Sabato c'è la seconda giornata, eliminatorie sempre all 10 e finali dalle 17 in diretta su Rai Sport +HD.


I podi della 1^ giornata - 13 luglio

Trampolino 3 metri M
1. Giovanni Tocci (Esercito/Cosenza Nuoto) 441.65
2. Andrea Chiarabini (Fiamme Oro/CC Aniene) 398.60
3. Gabriele Auber (Marina Militare/Trieste Tuffi Edera) 365.85

Piattaforma F
1. Noemi Batki (Esercito/Triestina Nuoto) 254.40
2. Silvia Murianni (Carlo Dibiasi) 230.80
3. Giorgia Schiavone (Trieste Tuffi Edera) 230.80
Vince la gara open Ellen Ek (Svezia) 279.95

Trampolino 3 metri sincro F
1. Chiara Pellacani (MR Sport F.lli Marconi)-Elena Bertocchi (Esercito/CC Milano) 286.77
2. Lucia Zebochin-Giulia Rogantin (Triestina Nuoto) 228.78
3. Giulia Vittorioso (MR Sport F.lli Marconi)-Silvia Alessio (Triestina Nuoto) 227.04
Nella gara open Frida Kallgren-Mathilda Roxen (Svezia) si classificano seconde

Risultati completi