Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. Tocci argento storico da 1m

Tuffi
images/joomlart/article/02d04a03cb051904a71e3f7d010aa188.jpg

Meraviglioso Giovanni Tocci. Il 21enne cosentino - allenato da Lyubov Barsukova e due volte campione europeo juniores della specialità nel 2009 e nel 2011 - conquista uno storico argento dal trampolino un metro agli europei in corso all'Aquatics Centre di Londra, chiudendo una gara straordinaria con 414.30 punti. Era da Torino 2009 che un uomo nei tuffi non andava a medaglia: anche allora fu da un metro con Christopher Sacchin d'argento. E per una medaglia analoga ai campionati europei di tutte le specialità bisogna risalire a Madrid 2004 con Nicola Marconi.
Giovanni Tocci, peraltro, è il primo tuffatore meridionale a salire su un podio internazionale.
La gara è stata un crescendo che ha avuto il suo minimo con il doppio e mezzo indietro pagato 55.50 punti (15 in più delle eliminatorie) e un nono posto che lasciava presagire un buon piazzamento. Poi, come nei preliminari, è iniziata una sinfonia d'autore che ha visto Tocci prima salire al quinto posto (doppio e mezzo rovesciato raggruppato da 76.50, a 5.40 dal podio), poi direttamente al secondo (triplo e mezzo avanti raggruppato da 73.50), e infine artefice di un sontuoso doppio e mezzo ritornato da 83.70 punti (miglior tuffo di tutti i finalisti). Avversari fagocitati uno alla volta: prima l'inglese Woodward, poi il francese Rosset e l'ucraino Kolodyi, quindi l'austriaco Blaha che ha ceduto nel finale. L'unico a resistere è stato l'ucraino vicecampione del mondo Illyha Kvsha, a quel punto già lontano, che vince l'oro con 439.70 punti.
"E' un'emozione indescrivibile. Avevo iniziato al rallentatore anche per un fastidio alla schiena, poi mi sono scaldato per bene e ho recuperato - commenta visibilmente emozionato - In finale avrei potuto ottenere un punteggio ancora più alto se non avessi sporcato il doppio e mezzo indietro raggruppato, ma sono strafelice. Nel doppio e mezzo rovesciato non avevo mai preso 9. Prima dell'ultimo tuffo ho guardato la classifica, ho visto che ero secondo. Un po' d'emozione c'era ma per fortuna sono riuscito a controllarla con la giusta concentrazione. Ho dato il massimo e sono contentissimo della medaglia anche perché prima di partire avevo detto a familiari ed amici di puntare ad una medaglia e forse avevo un po' esagerato". 
Tocci è il prodotto della scuola di tuffi di Cosenza voluta dal presidente Giancarlo Manna e affidata alla supervisione del tecnico federale Oscar Bertone e alla guida tecnica dei coniugi Barsukov, da cinque anni in Calabria dopo aver lavorato per la federazione ucraina. L'atleta di Esercito e Tubisider Cosenza ha esordito ai campionati europei ad Eindhoven, nel 2012, con un nono posto; successivamente si è piazzato sesto a Berlino 2014 e quinto ai campionati europei di specialità, a Rostock nel 2015 (385.60). Ai campionati mondiali di Kazan, l'estate scorsa, è stato eliminato nei preliminari col 16esimo punteggio. Al Grand Prix di Bolzano aveva raggiunto i 430 punti nella specialità e si è qualificato alle Olimpiadi insieme ad Andrea Chiarabini nel sincro trampolino. "Non so se riusciremo a fare il sincro con Chiarabini in programma venerdì. Andrea è fermo per un fastidio alla schiena. perchè è ancora fermo con il mal di schiena. Ci tengo molto anche Mi dispiacerebbe molto. Abbiamo inserito un tuffo nuovo in vista delle Olimpiadi e ci piacerebbe provarlo in gara. Per il momento mi godo l'argento. Ci metto sempre un po' a realizzare. Ho impiegato un giorno a credere alla qualificazione olimpica".
Un miracolo all'italiana, che dimostra come con sacrificio ed abnegazione si possa arrivare ai massimo livelli nello sport come nella vita. Finalmente c'è la prima medaglia internazionale di un tuffatore meridionale. Così come a Netanya, agli europei in vasca corta, era arrivata la prima medaglia di un nuotatore sardo. Confini che si estendono. Adesso Tocci lega il suo nome a icone e campioni del dopoguerra come gli immensi Klaus Dibiasi e Giorgio Cagnotto e come Domenico Rinaldi, Davide Lorenzini, Nicola e Tommaso Marconi, Donald Miranda, Christhoper Sacchin, Michele Benedetti e Francesco Dell'Uomo.


LA SERIE D'ARGENTO DI TOCCI


105B doppio e mezzo in avanti carpiato 61.10 (8) 
5152B doppio e mezzo con un avvitamento carpiato 64.00 (8)
205C doppio e mezzo indietro raggruppato 55.50 (9)
305C doppio e mezzo rovesciato raggruppato 76.50 (5)
107C triplo e mezzo avanti raggruppato 73.50 (2) 
405C doppio e mezzo ritornato raggruppato 83.70 (2)


consulta i risultati ufficiali


foto Giorgio Perottino e Giorgio Scala / deepbluemedia.eu