Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Massimo Castellani, esce "In polizia per sport"

Tuffi

Nella famiglia di Massimo hanno tutti una fiammella, laggiù, in fondo in fondo al cuore, una fiammella che porta una giovane donna a comprarsi un paio di scarpe rosse col tacco nel bel mezzo della crisi del secondo dopoguerra o una mamma a convincere uno dei più grandi istruttori di tuffi a insegnare l'uno e mezzo al proprio figlioletto. Forse è questa luce a dare forza all'autore-protagonista nelle grandi sfide della sua straordinaria e rocambolesca vita: dalle gare di tuffi a livello olimpico alle missioni nei corpi speciali della polizia, scortando e proteggendo presidenti, giudici, papi e regine; dalle avventure tragicomiche nel deserto alle imprese nel cielo e sulle montagne. E cosa resta da fare, dopo un'esistenza così intensa? Semplicemente, innamorarsi. Dai tuffi all'ufficio Anticrimine. La storia di Massimo Castellani, 57enne veronese trampolinista azzurro olimpico di tuffi a Seul 1988 e un oro e due argenti ai Giochi del Mediterraneo nel 1983 a Casablanca, è raccontatas in 100 pagine autobiografiche edite da Il Rio dal titolo "In polizia per Sport".

inpolizia persport