Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Argento Europeo per l'Italia Il continente parla russo

News Sincro precedenti
images/joomlart/article/e6630ddf552f28b1438e7a3532d8f243.jpg

La Squadra conferma il secondo posto della scorsa edizione. Terza nel Solo la Adelizzi. Azzurre sempre a ruota delle russe. Domani ultima giornata con le finali in Tv

Loano (SV)
Italia sugli scudi a Loano, con una prestazione eccellente che ha fruttato l'argento.
Qualche riflesso dorato si è visto nella prestazione messa a segno da Beatrice Adelizzi, Simona Dagnino, Federica Tommasi, Manile Flamini, Dalila Schiesaro, Mariangela Perrupato, Erika Trentin, Federica Bellaria, Elisa Bozzo, Martina Santi, Alessia Bigi e Benedetta Re (foto Deepblueye.com - Scala).
Non tutti sono stati d'accordo con i giudici, ma, anche se il distacco è sempre minore, la Russia conserva ancora la leadership indiscussa. Sorpresa per il terzo posto, dove la Spagna ha sopravanzato la Grecia.
Nella mattinata, la finale del solo ha riservato un'amara sorpresa per Beatrice Adelizzi. Seconda dopo le eliminatorie (e argento nella scorsa rassegna continentale di categoria), l'azzurra ha perso la seconda piazza andata alla greca Anthopoulou. La vittoria non poteva sfuggire alla filiforme russa Stepanova.
Quest'ultima non ci è sembrata all'altezza della Ichtchenko, solista nella scorsa edizione e destinata ad un brillante avvenire.
La nostra Bea ha pagato una forma fisica non brillante e il deficit accumulato negli obbligatori, dove l'ellenica è stata la prima "non russa" in classifica.
Domani la chiusura con la finale del duo (ore 10.00) e del Libero Combinato (ore 14.00 - diretta Rai Sat Sport dalle 15.00).
L'Italia spera di arricchire il bottino finora decisamente importante.





Giorgio Scala