Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali. Team free, quinto storico

Sincro
images/joomlart/article/865c46a11c07e72450019951fc44d178.jpg

Un team così bello era da Roma 2009 che non si vedeva ai mondiali. Sesto nel tech, un gradino più su di Shanghai, quinto dopo i preliminari del free e quinto anche oggi nella finale del libero, dove ha eguagliato il miglior piazzamento degli ultimi anni (a Roma azzurre quinte con 95.000 dietro alle canadesi). Per Manila Flamini e compagne 89.840 punti, 45.030 di merito tecnico e 44.810 di impressione artistica. Titolo mondiale alla Russia con 97.400, seguita da Spagna con 94.230 e Ucraina con 93.640.
Stadio quasi pieno. Inizia la Gran Bretagna, poi il Messico con uno spettacolo di impattato emozionale che il pubblico dimostra di apprezzare: 82.570 le britanniche, meglio le messicane 84.430. Si tuffa la Grecia e riceve 85.060 punti, seguono Svizzera, Brasile e Francia che scavalca la Grecia con 87.080. Tocca alla Russia che balza subito in testa con 97.400 punti (48.610 di merito tecnico e 48.790 di impressione artistica). L'Italia è ottava in ordine di apparizione: nuota per 4'12”3 sulla musica originale Mac Shake, ideata da Hidden Parts per la Nazionale italiana di nuoto sincronizzato in occasione degli Europei di Eindhoven 2012. Con 89.840 è seconda, il Canada fa peggio (88.620) ma poi vanno in scena Giappone (91.950), Ucraina (93.640) e Spagna (94.230) e la classifica si definisce. Applausi, cori e tifo incessante per le parone di casa. Festeggiatissima la medaglia d'argento. Non c'è la squadra cinese, perchè le atlete sono rimaste a casa per preparare i campionati nazionali di settembre che sono molto importanti in Cina, al pari dei Giochi Olimpici.
Domani 27 luglio gran finale del torneo di nuoto sincronizzato con il libero combinato. L'Italia si esibsce per ultima.


Il commento del ct azzurro Patrizia Giallombardo. “Risultato super positivo che ci ripaga del lavoro svolto nel corso dell'anno. L'ultimo mese è stato il più difficile e intenso. Ringrazio tutti coloro che hanno collaborato con la Nazionale assoluta aiutandoci a raggiungere questo importante risultato e il particolare i nostri ufficiali di gara internazionali, guidati da Simonetta Antonaroli, che ci hanno aiutato con la loro esperienza a rendere più competitivo l'esercizio a livello internazionale”. Giallombardo pensa al prossimo obiettivo. “Vogliamo e possiamo crescere ancora con la squadra. Per farlo dobbiamo inserire nel programma tre nuovi elementi coreografici che siano di impatto per i giudici e per il pubblico. Ci cominciamo a lavorare con la ripresa della stagione”. Il Ct ci tiene a sottolienare anche l'ottimo lavoro svolto dai preparatori atletici Annabella Cinti, Adolfo Lanpronti e Mirco Ferrari e tutti i tecnici e le società che hanno collaborato durante l'anno.
Il commento del tecnico federale Roberta Farinelli. “Dopo la semifinale ci speravo ma conosco lo sport e so quanto è difficile ripetersi. Ringrazio tutte le atlete per l'impegno, il sacrificio, la passione e la grinta che ci hanno messo dal primo all'ultimo giorno di allenamenti. Questo risultato, che per noi è storico, lo meritano completamente”. Poi Farinelli passa all'analisi tecnica. “Molto brave nelle spinte, più brave del preliminare. Speravo di arrivare a 90.000 ma l'importante è il piazzamento. Hanno retto bene e fatto un passo in avanti, considerando anche che il metro di giudizio è cambiato e i punteggi si sono abbassati rispetto al passato. Ci avviciniamo al Giappone e siamo soddisfatte di aver superato il Canada”.
Il commento del tecnico federale Giovanna Burlando. “Seguo la squadra stabilmente dall'anno scorso occupandomi della coreografia, della danza e anche del lavoro in piscina. E' stato bello lavorare tutte insieme. La musica è rimasta la stessa del 2012, l'esercizio è stato modificato e impreziosito. Dopo il preliminare, il quinto posto lo volevamo tutte e siamo felici di esserci riuscite. Eravamo partite un po' titubanti perchè quest'anno avevamo fatto poche gare per avere un metro di paragone maggiore. Poi in gara le ragazze hanno dato il meglio di loro. Bravissime”.


La squadra: Elisa Bozzo 26 anni genovese, Marina Militare/Aurelia Nuoto; Beatrice Callegari 21 anni e mezzo trevigiana, Marina Militare/Veneto Banca Montebelluna; Camilla Cattaneo 22 anni e mezzo savonese, Fiamme Oro/Blu Shelf Carisa Savona; Manila Flamini 26 anni a settembre romana, Fiamme Oro/Aurelia Nuoto; Giulia Lapi 27 anni e mezzo genovese Fiamme Oro/Blu Shelf Carisa Savona; Mariangela Perrupato 25 anni a settembre cosentina, Fiamme Oro/Aurelia Nuoto; Dalila Schiesaro 26 anni ad agosto savonese, Fiamme Oro/Blu Shelf Carisa Savona; Sara Sgarzi 27 anni bolognese, Fiamme Oro/Uisp Bologna; riserve Francesca Deidda 21 anni cagliaritana, Blu Shelf Carisa Savona e Alessia Pezone 20 anni romana, Aurelia Nuoto.