Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Talent synchro show. Novità per Kazan.

Sincro
images/joomlart/article/7ec4ba5cac83e5e9aa3a0189729d2587.jpg

Una composizione musicale ispirata alle quattro stagioni e una presenza scenica studiata in laboratorio. L’esercizio in acqua che diventa interpretazione e va oltre l’esecuzione. Novità assolute per il nuoto sincronizzato azzurro che si rivolge sempre con maggiore attenzione al mondo del teatro e del cinema per migliorarsi e proporsi al grande pubblico con un appeal più forte. Il progetto della Nazionale di nuoto sincronizzato è mirato ai prossimi campionati del mondo a Kazan. Era iniziato tre mesi prima degli Europei di Berlino con il coinvolgimento dell’attore e regista di arte drammatica Enrico Zaccheo e sta proseguendo con l’ingresso nel team del musicista e compositore Michele Braga. Due personaggi del mondo del teatro, del cinema e della musica pop che hanno sposato l’iniziativa con entusiasmo e disponibilità mettendo le loro professionalità a disposizione delle nostre ragazze.
La prima verifica del nuovo lavoro, avviato dal commissario tecnico e coordinatore delle squadre Nazionali Patrizia Giallombardo, è prevista a Parigi dal 13 al 15 marzo in occasione del Paris Open e i primi risultati sono attesi la prossima estate ai Mondiali in Russia (25 luglio-1 agosto). Poi si proseguirà insieme verso l’obbiettivo olimpico. Le prime sedute di lavoro sono in programma in questi giorni a Savona, in occasione del raduno collegiale che si conclude sabato 1 novembre. “Questa nuova collaborazione è molto stimolante – spiega il CT Giallombardo – e il lavoro si estende a tutti gli esercizi con un’attenzione particolare rivolta alla squadra e al doppio, le prove olimpiche. Le ragazze partecipano con interesse, curiosità e spirito di sacrificio”.
Enrico Zaccheo, 39 anni romano, diplomato all’Accademia Nazionale di Arte Drammatica "Silvio D'Amico" dove ha avuto come insegnante, fra gli altri, Vittorio Gassman, attore, autore e regista, ha iniziato lavorando con un grande maestro come Mario Ferrero fino alla collaborazione con Monica Guerritore in “Mi chiedete di parlare” presentato al Festival di Spoleto. “Lavoriamo molto sulla fisicità, in piscina e in palestra. Il primo passo è quello di prendere consapevolezza del proprio corpo. In questa particolare disciplina le protagoniste sono atlete ma anche interpreti ed è necessario che siamo consapevoli di ciò che stanno trasmettendo attraverso il gesto, come in teatro. Le figure in acqua cambiano velocemente; sono le gambe, le braccia, le mani e le facce e raccontano ciascuna una parte dello show e per farlo al meglio tutte devono avere una presenza scenica. Le spagnole sono molto ironiche, le russe fortemente drammatizzate, ciascuna Nazione ha una peculiarità e le nostre azzurre, che sono molto forti, si stanno mettendo in gioco imparando a esprimere la teatralità di una disciplina sempre più spettacolare”.
Michele Braga, 37 anni romano, vive tra Roma e Londra (dove sta curando un megamusical per il West End), compositore, musicista, orchestratore e sound designer, ha firmato colonne sonore di film per il cinema, fra cui "Come tu mi vuoi", "Tutto l'amore del mondo" e "Good as You", nel quale ha riportato le gemelle Kessler in sala di incisione; canzoni per vari interpreti tra i quali Raf, Nathalie e The Niro; il suo brano "Anywhere we want" scritto per il cantante canadese David Loris è stato scelto dai Coldplay in occasione di un contest per giovani emergenti. Con il suo ultimo lavoro ha ottenuto la nomination al nastro d’argento (il premio della critica italiana) per il film “Più buio di mezzanotte” presentato alla settimana della critica del Festival di Cannes 2014. “La musica è già pronta, prevede quattro tempi, uno per ciascuna stagione dell’anno. Ora si tratta di adattarla agli esercizi e alle coreografie. Il brano ha la funzione di esaltare il gesto, sottolineare il movimento e rendere l’esercizio più facile da comprendere anche ai non addetti ai lavori”. La squadra a Kazan vuole far sognare il pubblico.


RADUNO A SAVONA. Secondo collegiale per le azzurre a Savona fino a sabato 1 novembre. Le 13 convocate sono Elisa Bozzo (Marina Militare/Aurelia Unicusano), Beatrice Callegari (Marina Militare/Veneto Banca Montebelluna), Camilla Cattaneo (Fiamme Oro/Carisa Savona), Linda Cerruti (Marina Militare/Carisa Savona), Francesca Deidda (Fiamme Oro/Promogest), Costanza Ferro (Marina Militare/Carisa Savona), Manila Flamini (Fiamme Oro/Aurelia Unicusano), Mariangela Perrupato (Fiamme Oro/Aurelia Unicusano), Alessia Pezone (Fiamme Oro/Aurelia Unicusano), Federica Sala (Sincro Seregno), Dalila Schiesaro (Fiamme oro Roma/RN Carisa Savona), Sara Sgarzi (Fiamme Oro/Uisp Bologna) e Cristina Tempera (Marina Militare/Aurelia Unicusano). Lo staff è composto dal coordinatore delle squadre Nazionali Patrizia Giallombardo, dai tecnici Roberta Farinelli, Yumiko Tomomatsu, Giovanna Burlando e Anastasia Ermakova, dal medico Gianfranco Colombo, dal fisioterapista Alessandro Capacchione, dai preparatori atletici Annabella Cinti e Mirco Ferrari, dal preparatore acrobatico Adolfo Lampronti, dal preparatore del nuoto Maurizo Divano, dal regista Enrico Zaccheo e dal compositore Michele Braga.

Il sito di Kazan 2015