instagram

Europei di Roma. Giorgio&Lucrezia campioni! Linda&Costanza bronzo free.

Sincro
images/large/Duet_Free_Final_DBM_PM10244.JPG

Siamo a 47. Il medagliere azzurro nella storia dei campionati d’Europa del nuoto artistico cresce di giorno, in giorno. Con la medaglia d’oro dei romani Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero nel libero misto e quella di bronzo delle “gemelle liguri diverse” Linda Cerruti e Costanza Ferro nel duet free il bottino sale a quota 47: 2, 15, 30. E c'è anche Gastone, la mascotte vivente degli Europei di Roma, con loro sul podio a festeggiare. La storia continua … almeno fino al giorno di Ferragosto.

CAMPIONI D’EUROPA. Sono le 16.19 del 13 agosto del 2022 e Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero sono campioni d’Europa! Cinquanta giorni dopo la vittoria ai campionati del mondo. Da Budapest a Roma il duet free mixed Made in Italy e in Rome, fissa un altro record. La loro routine Beggin 2.0 conquista tutti e le giurie stavolta non si trattengono (come forse qualcuna aveva fatto venerdì nel giudicare l’esercizio libero di Giorgio Minisini) e li ripagano con 89.7333 punti (27.6 di esecuzione, 36.1333 di impressione artistica e 26.9 di difficoltà). Ai Mondiali a Budapest, il 25 giugno, conquistavano la medaglia d’oro con 90.9667 punti (27.2 per l'esecuzione, 36.6667 d'impressione artistica, 27.1 per la difficoltà) ed era la prima volta per l’Italia con questa routine. A premiarli il presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli e Stefania Cicci Tudini.
"Tutto perfetto e tutto bellissimo: meglio di così non potrebbero andare questi europei - dice Giorgio Minisini - Fin qui un anno perfetto. Abbiamo ancora due giorni per mettere delle ciliegine sulla torta". “E’ stato bello vedere pubblico e giura trascinati dal nostro esercizio - aggiunge Lucrezia Ruggiero - Era questo lo scopo: far divertire e divertirci in acqua. Un oro bellissimo e in casa. Faticoso ma emozionante".
Per salire sul tetto del mondo ed ora per sbalordire l’Europa hanno scelto un brano dei Maneskin che hanno riproposto Beggin, singolo dei Four Season del 1967, al quale il gruppo musicale romano, composto da Damiano David (voce), Victoria De Angelis (basso), Thomas Raggi (chitarra) ed Ethan Torchio (batteria), ha dato una veste nuova. La musica dei Maneskin è stata scelta per mostrare anche il volto giovane e innovativo dell'Italia, di cui i nostri nuotatori sono i migliori rappresentanti. La coreografia è di Anastasia Ermakova, la quattro volte campionessa olimpica che dal 2011 collabora con il direttore tecnico della Nazionale Patrizia Giallombardo che è anche allenatrice di Giorgio e Lucrezia.
Con gli azzurri in gara ci sono altre quattro coppie; gli spagnoli Emma Garcia e Pau Ribes Culla (quarti ai Mondiali con 87.1333) che conquistano la medaglia d’argento con 84.7667, gli slovacchi Jozek Solymosy e Silvia Solymosyova (noni a Budapest con 75.1) che sono di bronzo con 77.0333, i tedeschi Frithjof Seidel e Michelle Zimmer, i belgi Renaud Barral e Lisa Ingenito (entrambe le coppie erano assenti in Ungheria) che finiscono rispettivamente quarti con 74.7667 e quinti con 73.7333.

PRE SWIMMER. Gli azzurrini della Nazionale B Filippo Pelati e Alessia Austranti introducono le finali. Con il loro duet free mixed ottengono dalle giurie 78.6667 punti, che se fossero stati in gara li avrebbe classificati al terzo posto. “Per essere la prima esperienza internazionale in campo assoluto è stato molto bello ed emozionante – dice Alessia – Anche il pubblico ci ha incoraggiato e andremo ai Mondiali juniores con una marcia in più. Sono a Quebec City, in Canada, dal 23 al 27 agosto”. Le musiche sono state scelte da Giovanna Burlando, che ha curato anche la coreografia, e successivamente la routine è stata modificata dallo staff azzurro. “Il tema è l’autenticazione di genere – aggiunge Filippo – Il passaggio da adolescente ad adulto”.

LINDA E COSTY SHOW. Sono i nostri robot con il cuore umano. E tirano fuori tutto l’amore del pubblico. Lo catturano al primo tuffo, lo esaltano con la prima occhiata, lo coinvolgono dalla prima bracciata. Le gambe sono alte ma i decibel della voce dei supporters lo sono ancora di più. Partono in cori al Parco del Foro Italico. Linda Cerruti (diciannovesima medaglia personale agli Europei) e Costanza Ferro, “le gemelle liguri diverse”, come le ha soprannominate il giornalista Rai Enrico Cattaneo, che insieme all’ex campionessa azzurra Paola Celli commenta in diretta su Rai Sport e Rai Play gli Europei di Roma di nuoto artistico, conquistano la medaglia di bronzo nella finale del duet free. La quinta dell’Italia nel nuoto artistico agli Europei di Roma, la 46sima dell’Italia nella storia della manifestazione, la diciannovesima personale di Linda Cerruti, che tredici anni fa proprio qui a Roma, in occasione dei campionati del mondo, era la pre swimmer.
Oggi niente lacrime, ma la gioia è sempre incontenibile. "Con Costanza ci sentivamo come in unico corpo con un cuore grande - afferma Linda Cerruti - È andata benissimo, abbiamo alzato il livello è avvicinato le austriache. Il pubblico c’ha trascinato ed emozionato. Una sensazione unica". "E’ l’Europeo più bello della nostra carriera - assicura Costanza Ferro - Stiamo migliorando in ogni gara e questo fa capire che gli sforzi di quest’anno, sono stati giusti. Abbiamo ancora delle finali per raccogliere altre medaglie".
Linda e Costanza sono terze con 91.7000 punti (27.5 di esecuzione, 36.8 impressione artistica, 27.4 difficoltà). Nel preliminare di venerdì avevano ricevuto 90.6667 e ai Mondiali a Budapest erano state quarte con 91.3333. Le coppie in gara sono dodici e le azzurre entrano per ultime, dopo aver ammirato le gemelle ucraine Maryna e Vladyslava Aleksiva vincere con 94.7333 (94.3667 avevano nel preliminare) e osservato le gemelle austriache Anna Maria e Eirini Maria Alexandri (che sono addirittura tre considerando anche la riserva Vasiliki) classificarsi seconde con 93 (92.6000 nel preliminare).
I nostri robot, che alla fine della routine si riscoprono umani, si muovono sulle note della musica Robotboys Return dei Robotboys Change the Formality e infected Mushroom; la coreografia, invece, è di Vlada Chigireva, Aleksandra Patskevic e Svetlana Romashina. Il tema che interpretano con flussi spezzati e dinamiche interrotte, rimanda ai robot che simulano e replicano il movimento dell’uomo. Ad un certo punto l'intelligenza e l'emotività umana si ribellano e riscopre il cuore.

SEMPRE TERZE AGLI EUROPEI. Nelle ultime due edizioni dei campionati europei a cui hanno partecipato, Linda Cerruti e Costanza Ferro hanno conquistato la medaglia di bronzo; prima a Londra 2016 e successivamente a Glasgow 2018, mentre a Budapest 2021 la nostra Nazionale ha partecipato con una selezione ridotta. La medaglia d’argento, invece, la conquistarono nelle world series di Budapest 2019.

51 GIORNI FA IN UNGHERIA. Ai mondiali a Budapest, il 23 giugno, Cerruti e Ferro sono arrivate quarte in finale con 91.3333, che alzava notevolmente il 90.5333 del preliminare, dietro alle gemelle ucraine Maryna e Vladyslava Aleksiva (94.1667) e alle gemelle austriache Anna Maria e Eirini Maria Alexandri (92.8000), nella gara stravinta delle cinesi Liuyi Wang e Qianyi Wang (95.5667), campionesse del mondo anche nel tecnico.

PUNTEGGIO RECORD. Linda, 29 anni da compiere il 7 ottobre di Savona e Costanza, 29 compiuti il 5 luglio di Genova, il miglior punteggio nel duo free l’hanno ottenuto alle Olimpiadi di Tokyo, dove si sono classificate seste totalizzando 92.4667, ma con musiche e coreografia differenti da quelle attuali. L’esercizio era “La ripartenza”, la coreografia del direttore tecnico Patrizia Giallombardo, e prevedeva un mix di musica tribale "Fear Dont Know My Name" di X Ray Dog e Tulimanu di Te Vaka, il gruppo neozelandese che ha composto le colonne sonore del film Walt Disney "Oceania".

Foto Pasquale Mesiano / DBM