Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Olimpiadi. Cerruti-Ferro chiudono seste

Sincro
images/large/20210802_gsca__ty58866_20210802_145011583_Cerruti_ferro_finale2.jpg

Linda Cerruti e Costanza Ferro chiudono al sesto posto la finale del duo, confermando il piazzamento del preliminare del libero e del tecnico. Un piazzamento che eguaglia quello di 2016, ma conferma che il doppio azzurro ha ancora margini di crescita importanti e può guardare con giustificate ambizioni alle olimpiadi di Parigi 2024. 
Linda e Costanza nascondono fatica e tensioni accumulata in questi due giorni e tornano a volare nell'esercizio "La Ripartenza", con la coreografia del direttore tecnico Patrizia Giallombardo, e un mix di musica tribale "Fear Dont Know My Name" di X Ray Dog e Tulimanu di Te Vaka, favoloso gruppo neozelandese che ha composto le colonne sonore del film Walt Disney "Oceania". Intensità, passione e carica in acqua con Cerruti e Ferro che sembrano essere un tutt'uno. Le verticali sono ancora più slanciate e spettacolari. Tante apnee che si alternano a giochi di braccia e gambe. I movimenti sono curati e dettagliati, la velocità d'esecuzione c'è. I giudici apprezzano leggermente più rispetto al preliminare e le azzurre  concludono con 92.4667 punti (27.6000 esecuzione, 37.0667 impressione artistica, 27.8000 elementi) che si sommano ai 91.1035 per un totale di 183.5702, a Rio 2016 avevano chiuso sempre seste ma con 182.8079. Il Canada, quinto, è distante meno di un punto e chiude con 184.4798 forse troppi, perché le azzurre a livello artistico sembrano essere superiori. L'oro, come da pronostici, è delle russe e campionesse iridate Svetlana Kolesnicenko e Svetlana Romashina con 195.9079; l'argento delle cinesi Xhuechen Chan e Wenyan Sun con 192.4999 e il bronzo delle ucraine Marta Fiedina e Anastasiya Savchuk con 189.4620.
"In acqua ci siamo sentite bene e siamo uscite contente. Abbiamo nuotato molto bene, considerando che il doppio, a causa del mio infortunio, è stato trascurato un po' - spiega Linda - Questo punteggio è un po' basso e non ce l'aspettavamo neanche noi. Pensavamo qualcosa in più". Senza rimpianti anche Costanza. "In linea di massima siamo contenti. In questo periodo abbiamo lavorato di più con la squadra, perché era in parte rinnovata e dovevamo ottenere la qualificazione olimpica. La routine con la squadra metterà in rilievo tutte le qualità del Ringhio Team. Nome che nasce dalla voglia e grinta che abbiamo di fare bene. L'obiettivo sarà di avvicinarci al Giappone e al Canada. Vogliamo ringraziare le nostre società e tutte le persone che c'hanno sostenuto in questo periodo".

Linda e Costanza. Entrambe liguri e ventisettenni, savonese Cerruti e genovese Ferro, alla loro prima olimpiade a Rio de Janeiro nel 2016 si sono piazzate seste. Al Maria Lenk Aquatics Centre, nuotarono sulle note di "Sweet dreams" degli Eurythmics e con la coreografa di Maximova. Agli Europei di Londra, sempre nel 2016, hanno conquistato 6 medaglie Linda (un argento con il libero di squadra e 5 bronzi con combo, duo tecnico e libero, solo tecnico e libero) e 4 Costanza (tutte di bronzo con combo, squadra tecnica, duo tecnico e libero). A Berlino 2014 furono entrambe di bronzo con il libero combinato. Ai mondiali di Budapest 2017 si sono piazzate seste nel duo sia nella routine libera (musica "Divenire" di Ludovico Einaudi") che nell'esercizio tecnico (musica "Estate" di Antonio Vivaldi), quarte con il libero combinato e quinte con la squadra in entrambe le routine; Linda ha chiuso al sesto posto la routine tecnica nel solo, salendo poi al quinto nel free. Nel 2018 cinque podi nelle World Series, tra cui spiccano le vittorie nella routine tecnica e libera nella quarta tappa a Samorin (Slovacchia). Agli Europei di Glasgow 2018 hanno conquistato 7 medaglie Linda ( due argenti con il libero combinato, nel singolo free e 5 bronzi con duo tech e free, solo tecnico, squadra tecnico e libero) e 5 Costanza (un argento con il libero combinato e quattro bronzi con duo tech e free, squadra tecnico e libero). Ai mondiali di Gwangju 2019 sono state d'argento negli highlight, quinte nel libero combinato, nel tech del duo, nel free e nel tech della squadra e seste nel libero del duo.

Il doppio azzurro ai Giochi. Il nuoto sincronizzato nel 1952 viene inserito a scopo dimostrativo a Helsinki, mentre le prime medaglie sono messe in palio a Los Angeles 1984, con una gara individuale (solo) ed una a coppie (duo). Questo programma resta invariato fino ad Atlanta 1996, dove le atlete gareggiano in un’unica prova a squadre. A partire da Sydney 2000 si raggiunge l’assetto attuale, con una gara a coppie e una a squadre. Nel duo, vinto dalle russe Olga Brusnikina e Marija Kiselëva, le azzurre Maurizia Cecconi e Alessia Lucchini si classificano al sesto posto con 95.387 punti e questo rappresenta finora il miglior risultato italiano raggiunto ai Giochi Olimpici nella specialità. Gli altri risultati del duo italiano alle Olimpiadi di nuoto sincronizzato: Barcellona 1992 Paola Celli-Giovanna Burlando eliminate nei preliminari, Atene 2004 Beatrice Spaziani-Lorena Zaffalon ottave con 93.250, Pechino 2008 Beatrice Adelizzi-Giulia Lapi settime con 93.833, Londra 2012 Giulia Lapi-Mariangela Perrupato settime con 181.420; Rio 2016 Linda Cerruti-Costanza Ferro seste con 182.8079.

Programma e risultati del nuoto sincronizzato 

1^ giornata - lunedì 2 agosto
Preliminare esercizio libero duo
1. Svetlana Kolesnicenko-Svetlana Romashina (Rus) 97.9000
6. Linda Cerruti-Costanza Ferro 91.2000

2^ giornata - martedì 3 agosto
Esercizio tecnico duo
1. Svetlana Kolesnicenko-Svetlana Romashina (Rus) 97.1079
6. Linda Cerruti-Costanza Ferro 91.1035

3^ giornata - mercoledì 4 agosto
Finale duo
1. Svetlana Kolesnicenko-Svetlana Romashina (Rus) 195.9079
2. Xhuechen Chan-Wenyan Sun (Chn) 192.4499
3. Marta Fiedina-Anastasiya Savchuk (Ukr) 189.4620
6. Linda Cerruti-Costanza Ferro 189.4620

Venerdì alle 19:30 locali, le 12:30 italiane
Squadra nella routine tecnica
Musica: We can be superheroes di Antongiulio Frulio
Coreografia: staff Italia
Tema: L'idea nasce l'indomani del rinvio di un anno delle Olimpiadi. Lo smarrimento dura un attimo. Poi capisci che il dramma è altrove. C’è chi ci ha lasciato, chi lotta in ospedale, chi non sa se domani avrà ancora un lavoro. Lo sport, per quanto sia importante, non è la parte più importante della vita. Il momento è drammatico per tante persone. Le azzurre si sentono di supportare i supereroi che continuano a lottare con tutte le loro forze difendendo, proteggendo e rassicurando il mondo e nel frattempo sognano le Olimpiadi, un anno più in là.

Sabato alle 19:30 locali, le 12:30 italiane
Squadra nella routine libera
“Le Guerriere”
Musica: Final Fight di Antongiulio Frulio
Coreografia di Anastasia Ermakova
Tema: dopo 18 mesi di pandemia che ha messo in ginocchio il mondo intero, l'esibizione intende rappresentare la forza che ha unito il mondo per rialzarsi, combattere il Covid, affrontare e superare insieme i problemi, dare un segnale di speranza, così come avvenuto per coronare il sogno olimpico di ogni atleta presente a Tokyo

Vai ai risultati ufficiali

foto di Giorgio Scala - DBM / L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente a testate registrate per fini editoriali. Obbligatorio menzionare i credit