Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Europei. Murru settima nei preliminari del libero

Sincro
images/large/21510STA_AS01599.jpg

Avvolta in un costume scintillante bianco e rosso, che ne esalta classe, armonia e femminilità, Marta Murru mette alle spalle l'emozione del debutto internazionale e chiude settima il preliminare del programma libero del singolo che apre alla Duna Arena gli Europei di Budapest, in svolgimento fino al 15 maggio. La 21enne ligure, terz'ultima a scendere in acqua, si esibisce sulle note di Prelude di Havasi, con la coreografia del direttore tecnico Patrizia Giallombardo. Il brano del compositore magiaro è coinvolgente, ricorda la prima Enya. Il ritmo è lento al suono del pianoforte, per poi impennarsi sotto il crescere delle percussioni e delle chitarre. Marta ci nuota dentro molto bene; lo slancio di gambe è già importante e gioca anche un po' con la mimica facciale dalla quale emerge costantemente uno sguardo profondo, concentrato e penetrante. L'azzurra esce dall'acqua con lo stesso sorriso di sempre, riceve 85.6333 punti (25.8000 esecuzione, 34.1333 impressione artistica, 25.7000 difficoltà) e la sensazione che nella finale di dopodomani si possa crescere ancora nel punteggio e di posizione: la spagnola Mirela Hernandez è sesta, non troppo distante, con 85.9000.
"Una settimana fa ho saputo che avrei fatto il singolo agli Europei. Ero preoccupata all’inizio poi mi sono resa conto dell’occasione grande che avevo davanti e di dover sostituire Linda Cerruti - spiega Murru, tesserata per Marina Militare e RN Savona - Non facevo il singolo da due anni, già ai campionati italiani di Riccione è stata una novità. La routine è stata costruita in poco tempo con il direttore tecnico Giallombardo: sono stati giorni intensi di lavoro, fino a ieri quando abbiamo limato gli ultimi dettagli. Speriamo di fare ancora meglio in finale. Sono soddisfatta del mio debutto, ho cercato di dare il meglio; del resto è tanto tempo che ci alleniamo per tornare in vasca a gareggiare ed averne la possibilità è meraviglioso. In Italia stiamo vivendo dei disagi enormi con le piscine chiuse. Noi, atleti di interesse nazionale, abbiamo avuto la possibilità di allenarci malgrado il lockdown, ma c'è un movimento fermo che freme per tornare in piscina. Speriamo si torni prestissimo alla normalità".

Davanti a tutte, come da pronostico, la russa Varvara Subbotina - oro iridato nel combo e nel free con la squadra a Gwangju 2019 - che domina con 95.6000 punti, seguita dall'ucraina Marta Fiedina seconda con 92.7667 e dalla greca Evangella Platanioti terza con 89.9667. La finale del programma libero individuale è in programma mercoledì 12 maggio alle 9.00. 

La scheda di Marta Murru. Nata a Genova il 28 aprile del 2000. E' iscritta alla Facolta di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Genova. Tesserata per Marina Miliare e RN Savona, è allenata da Benedetta Parisella ed Anastasia Ermakova che da sempre la segue. Nel 2018 è stata tra le finaliste di Miss Italia. Il suo sorriso e la sua bellezza sono alla luce del sole, ma come lei ha sostenuto più volte: "Il nuoto sincro mi interessa di più della moda".

Vai ai risultati ufficiali

Foto Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu

L'uso delle fotografie è consentito solo ed unicamente ai fini di consultazione. Qualsiasi altro utilizzo, editoriale, commerciale, etc., dovrà essere autorizzato per iscritto dall'ufficio stampa della Federazione Italiana Nuoto. La proprietà delle immagini è di Deepbluemedia (Deepbluemedia.eu). L'autore delle fotografie di questa galleria è Andrea Staccioli (deepbluemedia.eu).