Questo sito web utilizza i cookies per offrire una migliore esperienza di navigazione, gestire l'autenticazione e altre funzioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento, l'utente esprime il suo consenso all’utilizzo dei cookies sul suo dispositivo.

 Visualizza la Cookie Policy Approvo

instagram

Mondiali. Libero. Italia 6^ nel preliminari, Cerruti 6^ in finale

Sincro
images/large/team_5_17_7_19.jpg

Beatrice Callegari, Francesca Deidda, Costanza Ferro, Alessia Pezone, Linda Cerruti, Costanza Di Camillo, Gemma Galli ed Enrica Piccoli ottengono il sesto punteggio dei preliminari della routine libera di squadra con 91.2667. Le azzurre - con Di Camillo per Viola Musso, sorella della nuotatrice Erica, vice campionessa mondiale con la 4x200 a Kazan, nel 2015 - perdono una posizione rispetto ai mondiali di Budapest e ai campionati europei di Glasgow della scorsa estate (con la stessa formazione), piazzandosi alle spalle di Russia (97.7667), Cina (95.7667), Ucraina (93.9667), Giappone (92.6667) e Spagna (91.3333), avanti per 0.0663.
L'Italia presenta un esercizio inedito: "La guerra dei due mondi", chapter di Chris Hur, con coreografia di Anastasia Ermakova ed ottiene, dopo 4'12 di prestazione, 27 punti per l'esecuzione, 36.667 per l'impressione artistica e 27.6 per la difficoltà. Tutti punteggi più alti delle iberiche eccetto l'esecuzione, valutata 6 decimi in meno.
Progressione di salti, combinazioni di spinte e torri, composizioni di figure geometriche regolari e simmetriche che si intrecciano con colpi di braccia e gambe, rotazioni e connessioni, giochi di coppie. Altezze ed estensioni raggiunte con eleganza ed esplosività, ma con meno precisione e sincronismo del previsto. In vasca si lascia un punto, forse anche qualcosa in più, da recuperare nella finale in calendario venerdì perché non c'è solo da ristabilire l'ordine gerarchico, ma anche da inviare un segnale in vista del pass olimpico per Tokyo da ottenere senza ansie. Già qualificati ai Giochi la Russia, il Giappone, l'Australia e l'Egitto, gli altri posti saranno assegnati: 2 dai mondiali (probabilmente Cina e Ucraina), uno dai panamericani (Canada avanti a Messico e Stati Uniti) e 3 dalle qualificazioni olimpiche (con Italia e Spagna in netto vantaggio sulle altre).
Intanto alle 19:00 locali, mezzogiorno italiano, tornerà ad esibirsi Linda Cerruti nel programma libelo del solo. La 25enne savonese sarà di nuovo l'angelo dei Massive Attack. Sinuosa ed elegante. Irruente ed aggressiva, in stile trip-hop a tinte noir. Parte dal sesto posto dei preliminari, a due decimi dalla canadese Jacqueline Simoneau. In testa alla classifica provvisoria vi sono due icone, testimonial del sincro nel mondo: la russa Svetlana Romashina (5 ori olimpici, 20 mondiali e 10 europei; con un palmares che non conosce medaglie di altro colore) precede la spagnola Ona Carbonell (terza atleta più medagliata ai mondiali delle discipline acquatiche con 22 podi dietro ai nuotatori statunitensi Michael Phelps, 33, e Ryan Lochte, 27). La medaglia di bronzo se la giocheranno la giapponese Yukiko Inui e l'ucraina Marta Fiedina. Stesse posizioni dello short con Romashina al posto di Svetlana Kolesnichenko.

Preliminari squadra - routine libera
1. Russia 97.7667
2. Cina 95.7667
3. Ucraina 93.9667
4. Giappone 92.667
5. Spagna 91.3333
6. Italia 91.2667
7. Canada 90.2

consulta i risultati ufficiali

Cerruti sesta nella finale del solo libero. L'angelo dei Massive Attack danza in stile trip-hop a tinte noir. Linda Cerruti (Marina Militare / RN Savona) si mischia all'acqua con tenebrosa vanità, l'abbraccia e la respinge con artifizi sinuosi ed eleganti, l'accarezza con delicatezza e la respinge con irruenza tra maschere che alternano empatia a freddezza e gestualità che rapisce.
Il suo esercizio è un crescendo di emozioni sulla coreografia di Gana Maximova e viene valutato 90.4667 punti (27.1 per l'esecuzione, 36.2667 per l'impressione artistica e 27.1 per la difficoltà). Sesto posto alle spalle della canadese Jacqueline Simoneau che ottiene un decimo di punto in più per la difficoltà e un decimo e trentatré centesimi in più per l'impressione artistica.
Un risultato che consolida il livello raggiunto dalla 25enne reginettà d'Europa - 15 medaglie tra cui l'argento la scorsa estate a Glasgow - che due anni fa, a Budapest, si piazzò al quinto posto proprio avanti alla nordamericana cui rinnova la sfida (90.6 contro 90.1333).
In testa alla classifica vi sono due icone, testimonial del sincro nel mondo: la russa Svetlana Romashina (5 ori olimpici, 20 mondiali e 11 europei; con un palmares che non conosce medaglie di altro colore) precede la spagnola Ona Carbonell (terza atleta più medagliata ai mondiali delle discipline acquatiche con 23 podi dietro ai nuotatori statunitensi Michael Phelps, 33, e Ryan Lochte, 27). La medaglia di bronzo la conquista la giapponese Yukiko Inui che precede la 17enne ucraina Marta Fiedina, che ha sostituito la miss Anna Voloshyna, pluricampionessa e bronzo uscente.

Finale del solo libero
1. Svetlana Romashina (Rus) 97.1333
2. Ona Carbonell (Esp) 94.5667
3. Yukiko Inui (Jpn) 93.2
4. Marta Fiedina (Ukr) 92.5667
5. Jacqueline Simoneau (Can) 90.7
6. Linda Cerruti (Ita) 90.4667

consulta i risultati ufficiali

foto di Giorgio Scala / deepbluemedia.eu